Late Shift

Late Shift racconta la storia di Matt, studente londinese che si troverà coinvolto (suo malgrado) in una brutale e pericolosa rapina...

recensione Late Shift
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • L'evoluzione tecnologica moderna ha portato ad alcuni cambiamenti strutturali nel modo di intendere e fare cinema. Oltre alle strutture più istituzionali è nato quello che possiamo definire un "postcinema" interattivo: ibrido, condiviso e partecipato, dove il ruolo del regista si sostanzia nel montaggio dinamico delle scelte dell'interattore, non più spettatore. Con la ricerca dell'immersione a tutti i costi, che fosse narrativa (Last Call) o fisica (4D, 3D stereoscopico), il cinema moderno ha cercato di aggiornare il suo linguaggio in relazione ai nuovi standard tecnologici.
    A livello formale, Late Shift rappresenta uno dei punti d'arrivo del postcinema, poiché la sua struttura si inserisce esattamente a metà tra le pellicole più tradizionali e il videogioco moderno. Privo di un gameplay tradizionale, e libero dalla rigidità formale del cinema, Late Shift è un'opera audiovisiva ibrida, che rifugge le classificazioni e le categorie più comuni. Chiarita la natura dell'opera CtrlMovie, possiamo concentrarci sui suoi contenuti: cosa racconta, Late Shift? Matt, un brillante studente londinese, si trova suo malgrado coinvolto in una brutale e pericolosa rapina, che si evolverà con dei risvolti inattesi dettati dalle nostre scelte durante il percorso. Nessuna interazione, nessuna sparatoria, nessuna sessione di guida: tutto ciò che ci viene permesso di fare, in Late Shift, è decidere.

    Due o più risposte compariranno in sovrimpressione nei momenti più concitati o determinanti, chiedendoci di reagire con prontezza e attenzione, pena uno sviluppo narrativo imprevisto o semplicemente non voluto. Da questo punto di vista, Late Shift snellisce e allegerisce la struttura del comunque buono The Bunker, il precedente progetto di Wales Interactive (publisher di CtrlMovie), che trovava nella sua staticità e meccanicità uno dei punti critici più evidenti. Una buona regia, accompagnata da una recitazione complessiva superiore ad altri titoli simili, rende le scelte più coinvolgenti, per quanto riguarda ritmo e credibilità, prendendo spunto dalla lezione Telltale. Le opzioni di dialogo hanno dunque una dimensione effettivamente dialettica, priva di momenti morti che mettono in pausa il dibattito per lasciarci il tempo di riflettere sulle conseguenze, ma pressandoci a scegliere e decidere.

    Purtroppo, gli aspetti contenutisticamente rilevanti di Late Shift finiscono qui. La sceneggiatura risulta infatti alquanto banale, seppure sia apprezzabile il lavoro svolto su ben sette finali e svariati capitoli alternativi, che potremmo vedere o non vedere mai in base alle nostre scelte. Inoltre, le incoerenze e le assurdità si sprecano, dovute probabilmente alla necessità di far quadrare una struttura che può essere costantemente messa in discussione dal giocatore: se dunque per i dialoghi CtrlMovie ha dimostrato un'attenzione maggiore alle recenti produzioni del genere, la volontà di perseguire un approccio più simile ai lavori Quantic Dream rispetto a quelli Telltale si è dimostrata controproducente. Le reazioni del protagonista, Matt, non sono sempre coerenti con quanto espresso dal testo della scelta, creando delle fastidiose divergente tra la volontà del giocatore e l'effettiva azione su schermo. Sebbene l'esperimento di CtrlMovie si presenti inoltre come il "privo film completamente interattivo", le nostre scelte non sempre vengono rispettate o prese in considerazione, poiché dobbiamo comunque essere ricondotti ad alcuni punti chiave della sceneggiatura: se dunque volessimo interpretare (o meglio "scrivere"?) un personaggio particolarmente restio o arrendevole, a metà gioco ci troveremmo comunque a doverlo cambiare e modificare, forzati dagli eventi imposti dal regista.

    Late Shift Late ShiftVersione Analizzata PlayStation 4Late Shift è il figlio di un nuovo modo di intendere la narrazione moderna, un postcinema dove l'osservatore diventa interattore, e dove il ruolo del regista si trasforma in un montatore di un film che si apre alle nostre scelte registiche. Purtroppo, la qualità complessiva dei suoi dialoghi, delle sue scene e della scrittura non rende giustizia allo sforzo concettuale e produttivo di CtrlMovie, mentre Wales Interactive dimostra di voler continuare a puntare su questo genere di esperienze sperimentali e ibride.

    5

    Quanto attendi: Late Shift

    Hype
    Hype totali: 10
    61%
    nd