Marvel Snap Recensione: un gioco di carte sorprendente per i fan del MCU

Dal creatore di Heartstone arriva un gioco di carte divertente e traboccante di fanservice, ideale per chi ama la mitologia dei supereroi Marvel.

Marvel Snap Recensione: un gioco di carte sorprendente per i fan del MCU
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • Lo schiocco è un gesto semplice, immediato, fugace, ma il suono che produce è iconico, riconoscibile, unico. Sembra un po' la filosofia creativa con cui nasceva la Marvel Comics diversi decenni or sono: raccontare le gesta di esseri mitici e sovrumani in modo semplice, diretto, aperto e accessibile a tutti. Non a caso non una, ma ben due delle scene più famose e strazianti della storia recente del cinema pop hanno per protagonista uno schiocco di dita. E come poteva mai intitolarsi un videogioco che fa proprio dell'immediatezza uno dei suoi punti vincenti? Marvel Snap.

    Sia chiaro, però: Marvel Snap non è solo l'ennesimo titolo Marvel (peraltro mobile, ma anche su PC in early access) tutto fanservice e poca sostanza. Parliamo di un gioco di carte collezionabili che a parere di chi scrive potrebbe diventare una killer app niente male, ammesso che venga supportato a dovere. E pure su questo fronte, in fondo, c'è da star tranquilli: Marvel Snap è l'opera prima di Second Dinner Studios ma è firmato da Ben Brode, la mente e il volto dietro il successo di Hearthstone. Insomma, da grandi poteri derivano grandi responsabilità. E, come nei migliori racconti supereroistici, sembra che questo titolo abbia davvero un'ottima storia di origini. In questa recensione, però, vi spiegherò cosa rende il nuovo videogioco a tema Marvel un vero e proprio Excelsior.

    Come funziona Marvel Snap

    Il regolamento di Marvel Snap è incredibilmente semplice, ma anche efficace. L'idea, come suggerisce il titolo, è proprio quella di un card game veloce basato su match che finiscono davvero in uno schiocco di dita. In effetti, ogni incontro dura davvero una manciata di minuti, non più di tre o quattro in totale. Considerando poi che ogni partita si compone di ben 6 turni, credo che la natura squisitamente "mordi e fuggi" di questa produzione si spieghi da sola. In ogni caso, ciascun giocatore ha a disposizione un mazzo composto da 12 carte, da posizionare liberamente in uno dei tre campi posti sul terreno di gioco.

    Ogni sezione può contenere un massimo di quattro carte per lato. Gli utenti, però, non possono posizionare unità a completo piacimento: per farlo è necessario utilizzare Energia. Questa sorta di Mana è disponibile in numero crescente dal primo al sesto turno: alla prima tranche si ha a disposizione soltanto un punto energia, alla seconda mano invece se ne avranno due, alla terza si cresce ancora di uno, e così via. Va da sé che le carte ispirate ai numerosissimi personaggi Marvel (ma su questo aspetto ci concentriamo poi) hanno a loro volta dei parametri fondamentali: il Costo Energia e la Forza.

    A questi due fattori si aggiungono poi tre diversi tipi di "classi": le Abilità "Alla Scoperta", i cui effetti si attivano durante il primo schieramento del personaggio, le Abilità "Effetto Continuo", che conferiscono bonus aggiuntivi a lungo termine, e infine le carte normali, completamente prive di skill.

    Ogni campo, poi, somma la Forza complessiva data dalle carte presenti su di esso. Vincerà il giocatore che, alla fine del Turno 6, avrà dominato almeno due terreni su tre totalizzando la Forza più elevata. Ma anche i Campi hanno i loro effetti, che possono conferire bonus o anche svantaggi ad entrambi i contendenti. Suddetti terreni sono ispirati alle location Marvel più iconiche, e infatti ne rispecchiano la mitologia. Ad esempio, il campo "Wakanda" rende indistruttibili le carte presenti al suo interno, mentre le lande ghiacciate di "Jotunheim" conferiscono purtroppo -2 forza alla zona in questione.

    Ovviamente, a Forza maggiore e Abilità efficaci corrisponde un alto Costo per il posizionamento della carta. Nonostante il deck (a tal proposito, ecco i migliori deck di Marvel Snap per i nuovi giocatori) sia composto da un numero esiguo di unità totali (dodici, per l'appunto), è praticamente impossibile schierarle tutte entro la fine del match, soprattutto se includerete nel vostro mazzo carte molto forti. Basta qualche esempio: Occhio di Falco ha Costo 1 e Forza 1, ma se al turno successivo gli posizionate accanto un altro personaggio otterrà +2 di potenza. Quicksilver, data la sua nota supervelocità, comparirà sempre e comunque durante la primissima pescata, ma non è molto forte: ha Forza 2, però ha Costo 1, dunque è un lottatore utilissimo nella tranche di apertura. E ancora, Captain America non ha una potenza d'attacco particolarmente elevata, ma la sua Abilità Effetto Continuo gli permette di incoraggiare il team del proprio campo e assegnare a tutti +1 di Forza. Si va anche verso carte più complesse: Iron Man ha 0 Forza ed un costo elevato, ma se piazzato con furbizia il suo Effetto Alla Scoperta può addirittura raddoppiare la potenza complessiva di un intero Campo. Eroi come Hulk, invece, sono pura forza bruta con addirittura 12 di Forza.

    Avrete capito, insomma, che Marvel Snap trabocca di fanservice da ogni singolo pixel. Non solo le carte rispecchiano quasi sempre i superpoteri dei personaggi in questione, ma il team di sviluppo ha svolto un lavoro di direzione artistica che strizza l'occhio tanto ai fumetti quanto alle incarnazioni cinematografiche. Se l'impostazione grafica di base rimane quella dei comics americani, d'altro canto non mancano un bel po' di easter egg sul Marvel Cinematic Universe: è presente, ad esempio, il Campo "Westview" ispirato alla città di WandaVision (la recensione di WandaVision è a portata di Multiverso), che per omaggiare i poteri di Scarlet Witch tende a cambiare forma ispirandosi a un altro terreno. Oppure c'è la TVA apparsa in Loki (riavvolgete il tempo per leggere la recensione di Loki!), il cui effetto è quello di manipolare il tempo e far concludere la sfida prima del sesto turno.

    Le carte di Marvel Snap

    Al di là del puro gameplay, che nonostante la velocità ingloba in sé un regolamento stratificato, Marvel Snap propone anche un parterre di contenuti discretamente divertenti e ad ampio spettro. L'unica vera modalità di gioco è per l'appunto il matchmaking contro utenti casuali, ma le ricompense ottenute dopo ciascun incontro garantiscono un'ottima qualità di vita. Da questo punto di vista il titolo può risultare anche punitivo: vincere un match assicura un certo quantitativo di Cubi Cosmici, che scandiscono il proprio posizionamento in classifica. È possibile alzare la posta di Cubi in palio attraverso la meccanica dello "Snap".

    Uno dei due giocatori può sostanzialmente lanciare il guanto di sfida effettuando uno Snap, che raddoppia le ricompense a fine match fino ad un massimo di 8 Cubi. Attenzione, però: avere la peggio in un incontro vi farà perdere lo stesso ammontare di Cubi, sottraendoli da quelli in vostro possesso, con conseguente discesa di livello. Inanellare troppe sconfitte, dunque, potrebbe farvi precipitare in classifica, precludendovi la possibilità di ottenere succosi premi, carte misteriose, oggetti di potenziamento, crediti, avatar e quant'altro.

    Il gioco ha svariati sistemi di progressione: quello relativo al miglioramento delle singole carte, che possono essere trasformate da Non Comuni a Rare, Epiche, Leggendarie e oltre, quello dedicato al proprio Livello Pass Stagionale e infine il Livello Collezione. Partendo dalle carte, è possibile spendere sia crediti sia Potenziatori per aumentare non soltanto il grado di rarità delle stesse, ma anche il loro aspetto, ad esempio rendendole tridimensionali o animate. L'effetto di questa trasformazione è squisitamente estetico e non ha ripercussioni sui valori o sulle statistiche delle carte.

    Ecco, forse da questo punto di vista il team di sviluppo avrebbe potuto gestire un po' meglio l'avanzamento, rendendo le modifiche utili anche in battaglia. Nell'economia generale dell'esperienza, però, importa poco: le carte sono esteticamente deliziose e la quantità di personaggi disponibili è a dir poco smisurata. Sono centinaia i volti Marvel proposti in questa prima versione di Marvel Snap, ma siamo piuttosto sicuri che il pantheon della Casa delle Idee possa ispirare un numero di innesti futuri praticamente infinito, tra varianti, trasformazioni e personaggi con costumi alternativi. Il Livello Collezione permette di ottenere Punti Collezione ogni volta che si migliora una carta. Più o meno ogni due punti accumulati è possibile sbloccare un premio tra Crediti, Potenziatori e nuove unità. Infine, il Livello Pass Stagionale scandisce l'avanzamento del giocatore all'interno della Season in corso. Nel momento in cui vi scriviamo è attivo il primo grande evento di lancio di Marvel Snap, intitolato "Invasione di Simbionti".

    La season si compone in tutto di 5 capitoli, in ciascuno dei quali si devono portare a termine una serie di sfide per ottenere punti esperienza e arrivare al grado massimo del Pass Stagionale. Si tratta di un concetto di progressione diramato verso più componenti, ma abbastanza ricco e appagante anche per chi non è troppo propenso ad investire denaro per velocizzarlo.

    In Marvel Snap c'è anche un sistema di microtransazioni che, in generale, non risulta mai invasivo né soverchiante. È infatti possibile accedere al negozio e pagare in denaro reale per ottenere pacchetti di Crediti e Oro (date una occhiata alla nostra guida per ottenere rapidamente oro e crediti in Marvel Snap), ma anche Varianti di Carte. Inoltre non tutte le ricompense del Pass Stagionale sono disponibili da subito: le più preziose sono soltanto per chi acquista un Pass Premium o un Pass Premium+, rispettivamente ad un costo di circa 12 e 18 euro. Non è ancora chiaro se tale transazione dovrà ripetersi ad ogni Season o se l'upgrade sia definitivo, e proprio questo potrebbe rappresentare un altro piccolo limite dell'esperienza ludica.

    Marvel Snap Marvel SnapVersione Analizzata Android GamesAl di là di qualche piccolo limite, Marvel Snap è il card game che molti fan stavano aspettando: divertente, veloce, traboccante di stile e di smisurato fanservice, con un regolamento semplice e un sistema di progressione intrigante e stratificato. Se siete appassionati della Casa delle Idee e cercate un’esperienza di gioco “mordi e fuggi”, il gioco di Second Dinner Studios potrebbe fare al caso vostro. Per chi è cresciuto a pane, Marvel Comics e MCU, lasciarsi risucchiare dallo schiocco di Marvel Snap è praticamente... ineluttabile.

    8

    Che voto dai a: Marvel Snap

    Media Voto Utenti
    Voti: 7
    7.6
    nd