Minecraft Story Mode Stagione 2 Episodio 5: Above and Beyond Recensione

Con Above and Beyond si conclude ufficialmente la seconda stagione di Minecraft Story Mode: le impressioni sull'ultimo episodio.

recensione Minecraft Story Mode Stagione 2 Episodio 5: Above and Beyond
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Quello nel blocchettoso mondo di Minecraft è stato un viaggio lungo e tortuoso, pieno di ottime trovate ma anche di cocenti delusioni. Ciò che più ci ha saputi tenere incollati allo schermo è stata sicuramente la narrazione, finalmente coerente e appassionante; semplice, ma sempre godibilissima. "Above and Beyond", quinto ed ultimo episodio di questo secondo ciclo di Minecraft Story Mode, si è rivelato essere un'ottima sintesi di ciò che l'intera stagione ha rappresentato: un episodio solido e ben scritto, la cui progressione è come sempre stata scandita da cutscene e scene d'azione di ottima fattura, intervallate da inserti ludici sensibilmente meno carismatici di quanto auspicavamo. In effetti, il problema dell'ultima fatica targata Telltale è proprio questo: si sforza tanto, forse troppo, di inserire nuovi innesti "giocabili" all'interno di una struttura che non sembra affatto pronta ad accoglierli. Ed è proprio per questo motivo, che le fasi esplorative si sono fatte sempre meno ispirate, e gli enigmi sin troppo banali ed essenziali.

    Ritorno a Beacontown

    In molti, in passato, si erano lamentati della scarsa presenza di contenuti ludici all'interno delle produzioni del team californiano. Soltanto adesso, dopo aver osservato da vicino il risultato di tutti gli sforzi da loro profusi nel tentativo di accontentare il proprio pubblico, ci siamo invece resi conto che, come spesso accade, anche in questo caso "si stava meglio quando si stava peggio". Con un motore di gioco così restrittivo e una cifra stilistica come quella di Telltale, sembra davvero impossibile inserire nuovi elementi di gameplay all'interno di una serie già avviata senza risultare goffi ed impacciati. Durante le boss fight contro Romeo (o chi per lui), la nostra impressione è stata infatti proprio questa: i combattimenti erano troppo ingessati, spesso quasi ridicoli.

    Un vero peccato, vista la qualità - davvero indubbia, stavolta - del comparto narrativo. E purtroppo è anche un problema sul quale ci è difficile soprassedere, vista la presenza discretamente massiccia di sezioni esplorative e di boss fight all'interno degli ultimi novanta minuti in compagnia di Jesse e, più in generale, all'interno della stagione che si è appena conclusa. Nel momento in cui ti prendi la briga di inserire delle meccaniche di gioco più strutturate e complesse devi anche accettarne le conseguenze, ed è innegabile che il nuovo corso di Minecraft Story Mode abbia sofferto tantissimo questa voglia di sperimentazione da parte del suo team di sviluppo. Con una scrittura del genere e la qualità recitativa dei suoi doppiatori, sarebbe bastato riproporre una struttura più classica per dar vita a uno dei titoli più riusciti dell'intero genere di riferimento.
    La parte finale dell'episodio ha inoltre messo in luce un'altra grande limitazione del "sistema Telltale": la completa inutilità delle scelte, quelle che - in teoria - dovrebbero aiutare il giocatore a plasmare la storia attorno alle proprie decisioni. Lo fa però nel modo migliore possibile: fornendo, per la prima volta nella serie, delle opzioni effettivamente valide e capaci di decidere la conclusione della trama. E tutto accade nel finale, quando ormai non c'era più alcun motivo di preoccuparsi di cosa sarebbe venuto dopo o di ricollegare i fatti e proporre eventualmente più diramazioni per la stessa storia. Un esempio lampante di quanto impotente sia la creatività degli scrittori del team statunitense di fronte ai cicli produttivi rapidissimi che devono sostenere. Ritmi che purtroppo non sembrano permettergli di creare percorsi multipli e deviazioni improvvise del tessuto narrativo di una serie. Tutto è bene quel che finisce bene, però, e "Above and Beyond" è sicuramente finito alla grande. Al netto di qualche banalità di troppo, che non vi sveliamo per non rovinare la sorpresa a chiunque debba ancora giocare il capitolo, gli ultimi 15 minuti di gioco sono stati decisamente scoppiettanti. Con Jesse finalmente tornato in superficie e pronto a dare il via all'offensiva finale contro il malvagio Admin, abbiamo finalmente potuto osservare i danni generati dal travestimento di Romeo, sorprendentemente limitati. Il popolo di Beacontown sembra terrorizzato da questo "nuovo Jesse", ma nessuno pare aver subito conseguenze irreparabili dalle azioni dell'impostore.

    In effetti, Romeo sembra soprattutto un uomo solo e abbandonato da tutti, in perenne ricerca di attenzioni. Gli piace essere al comando perché pensa che sia l'unico modo per farsi rispettare, per riuscire ad essere ammirato dagli altri. Forse è questo il motivo per cui ce l'ha così tanto con Jesse: ai suoi occhi rappresenta tutto ciò che egli stesso sarebbe voluto essere. Il nostro eroe è amato da tutti, è rispettato nonostante non abbia nessun tipo di potere sovrannaturale. La gente lo apprezza così com'è, e per Romeo tutto ciò è praticamente inammissibile.

    Minecraft Story Mode Stagione 2 Minecraft Story Mode Stagione 2Versione Analizzata PCE così, siamo arrivati al termine della nostra tredicesima - e verosimilmente ultima - recensione legata alla versione Telltale del mondo ideato da Mojang. Un titolo che abbiamo apprezzato più di quanto ci saremmo aspettati, carico di ironia e - soprattutto nella seconda metà della seconda stagione - anche estremamente appassionante. Gli ultimi 3 episodi sono sicuramente tra i migliori mai scritti da Telltale Games: ottimo anche il doppiaggio, minime le oscillazioni di qualità di episodio in episodio. Al contrario di quasi tutte le serie della software house in questione, la qualità è rimasta perlopiù costante durante tutti e cinque i capitoli, con un crescendo sul finale davvero degno di nota. Sarebbe davvero stato un gran successo, se non ci si fossero messe di mezzo le innegabili limitazioni del sistema di gioco e i goffi tentativi di recupero attuati in fase di sviluppo di cui abbiamo ampiamente parlato poco fa. La cosa che più ci mancherà di Minecraft Story Mode, però, saranno sicuramente gli sproloqui di Ivor, ex-cattivone trasformatosi in quest'ultimo periodo in una divertentissima macchina da risate. Una macchina da risate ninja, per la precisione.

    6.5

    Che voto dai a: Minecraft Story Mode Stagione 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 12
    5
    nd