Naruto Ultimate Ninja Storm Trilogy: La volpe a nove code arriva su Switch

A poco meno di un anno di distanza dall'esordio su PS4 e Xbox One, la Naruto Ultimate Ninja Storm Trilogy giunge anche su Nintendo Switch.

recensione Naruto Ultimate Ninja Storm Trilogy: La volpe a nove code arriva su Switch
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Non serve certo lo sharingan per "prevedere" le strategie di Bandai-Namco: non sorprende infatti la volontà del publisher nipponico di diffondere, su quante più piattaforme possibili, gli eccellenti picchiaduro di Naruto ad opera del team CyberConnect2, che - sin dall'epoca PlayStation 2 - ha dedicato tantissimi anni allo studio dello shonen di Kishimoto. L'addestramento sulle pagine del maestro ha condotto alla realizzazione della miniserie (in quattro capitoli) Ultimate Ninja Storm, la quale - prima dell'arrivo di Dragon Ball FighterZ - ha rappresentato il principale modello di riferimento per qualsiasi tie-in degno di tale nome. Sebbene l'anime ed il manga siano giunti ad una definitiva conclusione, l'universo di Naruto resta costantemente sulla cresta dell'onda, merito anche del sequel Boruto: Next Generation (la cui versione cartacea porta la firma di Ukyo Kodachi e la matita di Mikio Ikemoto), attualmente in corso di serializzazione in madre patria. Considerato un successo così "sempreverde", insomma, l'arrivo della Ultimate Ninja Storm Trilogy anche su Nintendo Switch, dopo l'esordio dello scorso anno su PS4 e Xbox One, risulta una mossa tanto saggia quanto prevedibile. La raccolta, come il nome suggerisce, comprende soltanto le versioni rimasterizzate dei primi tre episodi della saga (acquistabili separatamente a 20 euro l'uno, o in un'unica soluzione a circa 50 euro - soltanto in formato digitale): la piccola ibrida di Kyoto sarà però abbastanza forte da sostenere tutto il chakra della Volpe a Nove Code?

    Fra ombre e luci

    C'è da dire che il tempo, con la saga videoludica di Naruto, è stato piuttosto clemente: i nostri beniamini sono invecchiati sì, ma hanno conservato (quasi) inalterato quel vigore che li aveva contraddistinto agli esordi. Riprendere in mano oggi le prime tre incarnazioni della serie - soprattutto dopo aver sperimentato l'eccellente Ultimate Ninja Storm 4 - potrebbe, è vero, mettere in luce alcune magagne di troppo, legate forse alle eccessive semplificazioni di un combat system alquanto incline al button mashing. Ma è anche vero che il punto di forza delle opere di CyberConnect2 non risiede tanto nella profondità tattica degli scontri, quanto nell'incredibile fan service messo in scena. Da questo punto di vista, la Trilogia è un piccolo, grande miracolo di stile, che tutti gli estimatori dell'opera di Kishimoto hanno l'obbligo morale di dover giocare, anche a costo di scendere a compromessi con qualche ingenuità ludica. Il primo Naruto Ultimate Ninja Storm, in special modo, è un picchiaduro decisamente elementare, che compensa la mancanza di una solida infrastruttura ludica e di una modalità multigiocatore con un'eccellente veste grafica, un ampio numero di personaggi e la possibilità di affrontare i duelli tramite il supporto di altri due comprimari. Con i due sequel successivi, l'offerta contenutistica (come l'aggiunta del multigiocatore) è stata poi amplificata, mentre il sistema di combattimento ha subito un notevole processo di affinamento, ed è stato reso, in sostanza, più elaborato e soddisfacente, per quanto risulti ancora ben lontano da quello dei congeneri più blasonati: Ultimate Ninja Storm 2 e Ultimate Ninja Storm 3: Full Burst raffigurano, insomma, il naturale passo in avanti per un trittico che ha saputo rinnovarsi ed evolversi con costanza, senza mai stravolgere la propria accessibilità, bilanciando a dovere spettacolarizzazione, citazionismo e divertimento.
    Non ci troviamo quindi dinanzi a fighting game d'alta scuola, ma a tie-in ancora oggi di tutto rispetto, la cui intuitività gli ha permesso di rivolgersi ad una fascia di pubblico davvero molto vasta. Questa semplicità si traduce in un gameplay gradevole e spensierato, che non richiede particolare apprensione: è per questo che sorprende in negativo la scelta di non rendere fruibile il multiplayer locale con l'utilizzo di due JoyCon. Il control scheme non è stato adattato per darci l'opportunità di manovrare il nostro avatar con un solo controller: affinché due utenti possano sfidarsi sulla stessa console, in pratica, sarà necessario possedere una doppia coppia di pad.

    È un aspetto che - sfortunatamente - limita la fruibilità del titolo in versione portatile. Spiace constatare che simile approccio diminuisca le qualità di una produzione in grado altrimenti di adeguarsi alla perfezione ai ritmi del gioco in mobilità, caratterizzata com'è dalla presenza di incontri fulminei e da tre Story Mode che, al netto di differenze strutturali, intervallano brevi fasi esplorative ad altre in cui dar prova delle nostre abilità da ninja. Il tutto, ovviamente, all'insegna di una progressione ben cadenzata, che si sposa benissimo con sessioni di gioco "mordi e fuggi". Da questi pur piccoli dettagli si evince un lavoro di conversione un po' più pigro del previsto: impressioni che trovano piena conferma quando si passa ad analizzare il reparto visivo.
    Di base, la Ultimate Ninja Storm Trilogy possiede un contorno tecnico di un certo spessore, ma si tratta di un merito che, in verità, spetta più alle edizioni originali ed al loro bellissimo cel shading, capaci di controbilanciare un lavoro di rimasterizzazione più svogliato del dovuto. All'epoca della loro uscita sugli hardware di passata generazione, i giochi misero infatti in mostra i muscoli, proponendo un corredo grafico - per i tempi - poderoso, che ancora oggi si difende con le unghie e con i denti. Peccato che simile cura artistica non sia stata valorizzata interamente nel passaggio su Nintendo Switch: con l'ibrida ancorata nella dock station, la Trilogy possiede una risoluzione pari a 1600x900p, che scende a 960x540p in modalità portatile. Se sulla televisione il divario in termini di pulizia grafica rispetto a PS4 e Xbox One è evidente ma non certo fastidioso, sul piccolo schermo l'immagine si fa un po' troppo sgranata, con un aliasing che finisce col corrodere l'ambiente ed i personaggi, specialmente nel corso della modalità Storia.

    A risentirne in misura maggiore è il primo capitolo, ossia quello con più "acciacchi" dei tre: d'altro canto, Full Burst ha ancora parecchia energia da vendere e, nonostante una definizione ridotta, resta comunque un gran bel vedere. Per fortuna il frame rate, con un limite a 30 fps, si mantiene stabile praticamente in ogni circostanza, benché non manchino lievi tentennamenti nelle scene con più alto tasso di spettacolarità (è il caso, ad esempio, della prima pirotecnica boss fight di Ninja Storm 3, durante la quale le oscillazioni si fanno un tantino più frequenti). Nel complesso, sebbene la Trilogy si confermi comunque piacevolissima da ammirare, l'operazione di restauro non si è dimostrata del tutto degna del valore originario dei tre picchiaduro.

    Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm Trilogy Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm TrilogyVersione Analizzata Nintendo SwitchCon l'approdo su Switch, la Naruto Ultimate Ninja Storm Trilogy prova ad espandere il suo chakra, nel tentativo di coinvolgere un pubblico sempre più vasto: lo fa tuttavia con una conversione non certo esaltante, che mostra il fianco a qualche debolezza tecnica francamente evitabile. Il valore citazionistico e ludico di questi tie-in dedicati all'universo di Kishimoto è però innegabile: in assenza dell'ottimo quarto capitolo, ancora non annunciato per la console della Grande N, questa raccolta diviene quindi il punto d'approdo obbligatorio per ogni fan che si rispetti. Resta solo il rammarico per una rimasterizzazione che, con un pizzico di impegno aggiuntivo, avrebbe sicuramente potuto ambire a traguardi più elevati. Su Nintendo Switch, insomma, la Volpe a Nove Code non mostra appieno tutta la sua potenza.

    6.8

    Che voto dai a: Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm Trilogy

    Media Voto Utenti
    Voti: 30
    7.5
    nd