Recensione Paperino Advance

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Paperino Advance - 1713

Recensione  Paperino Advance
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Gba
  • Ecco il papero più famoso e sfortunato del mondo, ovvero: "Paolino Paperino" o "Donald Duck" (per gli anglofoni), made in Walt Disney, arrivare anche su Game Boy Advance, con la sua ultima fatica conosciuta come: "Operazione Papero" o anche "Quack Attack". E' comparso su tutte le piattaforme più diffuse di questi anni: PS, PS2, Nintendo64, Dreamcast, Game Boy Color. Non poteva di certo mancare una versione GBA e visto il lavoro svolto dai programmatori possiamo dire proprio di no. Il gioco della Disney Interactive è stato sviluppato dalla casa francese Ubi Soft.
    Come molti prodotti Ubi Soft, è presente anche la nostra lingua, un elogio, visto che molte case non ci tengono in considerazione, difatti il menu di gioco da la possibilità di scegliere tra: inglese, francese, tedesco, spagnolo ed italiano (per il manuale in francese, spagnolo ed italiano, tra l'altro molto esauriente), questo per i sottotitoli naturalmente, poichè il parlato non è presente a parte le esclamazioni di Paperino. Il gioco è naturalmente rivolto ad un target formato dai più piccini, difatti vi è presente anche un demo che mostra il nostro protagonista come si muove nei vari livelli (nel primo livello, compaiono in alcun casi anche i tasti da usare), le opzioni permettono di abilitare/disabilitare il sottofondo musicale; ho trovato i motivetti musicali, a tal proposito, molto carini ed in tema con lo scenario del livello, consiglio vivamente di lasciare attivate entrambe le opzioni perchè è uno spasso sentire il nostro Paperino che fa: "oh oh" quando è sospeso ad una corda/catena e guarda verso il basso, se lo lasciate inattivo si toglie il berretto e si gratta le piume. Una vera chicca. Ciò dimostra la cura nei più piccoli dettagli riposta dai programmatori.

    La storia

    La presentazione si apre mostrando direttamente la nostra amata giornalista Paperina (fidanzata del nostro amico papero) nel maniero del cattivo, naturalmente, Merlock poi la telecamera smette di funzionare (alla Blair Witch Project, insomma), le scene anche di pochi secondi sono spettacolari sembrano prese dalla versione del DC, poi successivamente il tutto si svolge con schermate statiche in 2D con frasi scritte che spiegano cosa succede dopo la misteriosa scomparsa; Paperino preoccupato che chiama subito Archimede Pitagorico (per chi non lo sapesse, il genio/inventore di Paperopoli) per salvare la sua bella, quest'ultimo ci offre il suo aiuto prestandoci la macchina per i viaggi spazio-gomma-temporali, ma Merlock sottrae ad Archimede le sfere di energia necessarie per il suo funzionamento. Ora entriamo noi in azione, in penne e piume naturalmente, recuperando le sfere in ogni livello, per la precisione tre e trovando l'ingresso del teletrasporto (che segna la fine del livello).

    Tecnicamente

    Le azioni possibili di Paperino sono camminare, strisciare, correre, saltare, dare pugni, guardare più lontano, I nemici possono essere uccisi saltandoci sopra (tranne I porcospini ed i teschi con su la candela) oppure prendendoli a pugni, una volta eliminato ogni nemico rilascia tre stelle che subito salgono verso l'alto, bisogna fare in fretta per recuperarle. Hanno una duplice funzione come per le altre stelle presenti nei livelli, al raggiungimento di 100 (le stelle sono di tre tipi: gialle=valore 1 stella, blu=valore 5, rosse=valore 10) si ha diritto ad una vita in più, e raccogliendo tutte le stelle presenti nel livello si ottiene una foto, per un totale di 16, I livelli sono invece 17, uno in più per lo scontro diretto con Merlock. Raccogliendo tutte le foto si ottiene infine, una foto extra di Paperina. Paperino inizia con sei vite, se viene colpito una volta giustamente s' incavola ed alla seconda volta muore, ma è possible recuperare lungo I livelli dei gelati che lo fanno felice e ripristinano l'energia, sono sparse tra I livelli anche delle sfere con la testa del papero di profilo, raccoglietele, valgono una vita. Tre sono I continui a disposizione, ma anche se finiscono c'è il sistema di password per ogni livello, cosa che ho trvato a dir la verità scomoda, avrei preferito più un sistema di salvataggi.

    Si comincia?

    Inizia la corsa per i vari livelli con elementi in comune a tutti come ad esempio I libri magici, sospesi in aria che una volta toccati danno un tot di secondi a disposizione per recuperare la sfera, raccolte tutte e tre si apre il portale; quando si sfiora il libro, la telecamera si sposta e ci mostrra dove è situata la sfera (che s'illumina per la durata del tempo in cui si può raccogliere), opzione molto comoda, i secondi per recuperarla variano da un min di 9 ad un max di 80.
    Il gioco è strutturato in quattro mondi composti a loro volta da quattro livelli ciascuno: Mondo Papero, Paperopoli, il maniero di Amelia, ed infine il laboratorio di Merelock (qui I livelli sono cinque c'è lo scontro con il mago). Simpatico il sistema introdotto per I vari cattivoni di fine
    mondo, vengono affrontati nel terzo livello e non nel classico ultimo di fine mondo, I nemici non si devono uccidere, bisogna cercare si sfuggirgli o catturarli (idea già presente in un altro platform proprio di Paperino: Deep Duck Trouble per Game Gear nd giosali).
    Analizziamo le caratteristiche di ogni mondo:

    Primo mondo: Monte Papero
    Ambientato in un bosco con i relativi nemici che sono uccelli, porcospini, e non so quali esseri nascosti nei cespugli. Sono presenti dei funghi che fanno saltare più in alto (sostituti nel secondo mondo dalle tende). Il mostro è un orso che probabilmente ci ha scambiato per una torta di mele di Nonna Papera e quindi ci vuole, penso, degustare, povero paperino corri sempre salta abbassati, sembra Sonic, tanto che l'azione è veloce.
    Secondo mondo: Paperopoli
    Paperino cammina su per i tetti della sua città Paperopoli (no, non è come l'Uomo Ragno, comunque) saltando da uno all'altro, facendo nel contempo attenzione ai vari operai con martelli pneumatici che stanno eseguendo lavori in corso, uccelli che vanno a destra e sinistra ed ai getti di vapore che escono dai comignoli. Il cattivone del mondo in questione è uno scoiattolo che viene inseguito da Paperino, io non sono stato capace di acchiapparlo, ma penso che difficilmente possa essere agguantato.
    Terzo Mondo: Il maniero di Amelia
    Livelli un pò spettrali, dalle finestre in sottofondo si vede la luna con fulmini, lampi e saette, un bel temporale, qui si nota una maggiore cura dei dettagli degli sfoni rispetto alla versione GBC. I nemici sono dei teschi che camminano dei soli, di due tipi, quelli normali e quelli con una candela in testa, che odiose invece le malefiche zucche in stile Halloween che sputano delle fiammelle, simpatici, invece, I piccoli fantasmi, attenti a degli strani paperi con sciabole su delle sedie a rotelle. Quando Paperino si appenderà a delle catene, tra un salto ed un altro deve stare attento anche alle candele appese sulle pareti che bruciano, non sono elementi decorative dei fondali. Per saliere in alto deve saltare nei cassetti che si aprono e chiudono velocemente. Naturalmente il tutto non fà paura ai più grandi, e forse neanche ai più piccini che sono abituati a cose peggiori. Simpaticissimo il mostro di fine livello che è un fantasma assomigliante vagamente a Zio Paperone, per via della tuba probabilmente.
    Quarto Mondo: Il tempio di Merlock
    Ultimo con uno stile fiammeggiante, lava e fiamme ovunque, quasi un classico per I platform. Lance aguzze che escono dal soffitto e pavimento con cubi rotanti con lame, da evitare, su cui saltare, fare attenzione a stregoni con mega maschere e lance, strani esserini che sputano fuoco, pipistrelli azzurri. Spesso capiteranno delle sfere roventi da evitare, infatti nel terzo livello si deve sfuggire ad un enorme sfera rotolante, (bisogna provare a sentirsi Indiana Paper prima o poi no?). Questo è il mondo un pò più irascibile non per Paperino ma per il giocatore a mio avviso, visto che molte volte bisogna essere precisi al massimo nei salti, per evitare nemici, lame ed altro, ma è l'ultimo in fondo no? dopo vi è lo scontro con Merlock (da prendere a pugni otto volte).

    In conclusione

    Paperino Advance è sicuramente un ottimo platform, degno del Game Boy Advance, con una grafica a dir poco stupenda, nulla da invidiare a molti altri platform per le console da casa, difatti ammirando il dettaglio nella cura riposta dei fondali, sembra di non giocare con un portatile, (ma non dimentichiamoci che abbiamo il portatile per eccellenza, il migliore a mio avviso attualmente). Un neo graficamente si presenta effettuando a volte I salti, poichè non risulta chiaro dove atterrare, anche se forse, il tutto è in parte, colpa della mancata retroilluminazione della console. I comandi sono precisi, si nota qualche risposta in ritardo, però, nel caso in cui l'azione si presenta frenetica (tipo: corri, striscia, salta e doppio salto). La difficoltà del gioco è bassa nei primi livelli per poi aumentare man mano, più di difficoltà si tratta di dover calibrare bene le tempistiche dei salti per evitare collisioni contro nemici od oggetti pericolosi. Il difetto di rilievo che ho riscontrato a mio avviso è costituito da una certa omogeneità dei livelli o meglio tra I livelli di uno stesso mondo, che sono molto simili tra di loro graficamente, si tratta insomma di quattro grandi livelli. Il fattore rigiocabilità vi viene offerto dal dover recuperare tutte le stelline per poter raccogliere le foto, potete comunque raccoglierle anche la prima volta che affrontate il livello, in qualche livello risulta a volte difficile.

    Che voto dai a: Paperino Advance

    Media Voto Utenti
    Voti: 3
    6.7
    nd