Recensione Portal 2 - Peer Review

Portal 2 si espande con un DLC gratuito

Portal 2
Videorecensione
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Portal 2 è stato un altro centro perfetto di Valve, che ha consegnato ai videogiocatori un prodotto originale e freschissimo per soluzioni di gameplay e sceneggiatura. All'indimenticabile avventura in Single Player, resa davvero unica dalle personalità che la popolano (la cinica GLaDOS e l'impacciato Wheatley), si affianca una campagna Co-Op sinceramente entusiasmante, che eleva all'ennesima potenza la complessità del level design. Dopo sei mesi dalla release, Valve regala un DLC pensato in primis per espandere il multiplayer cooperativo. Sono poche le novità in questo pacchetto gratuito, ma sicuramente i fan torneranno ben volentieri nelle grinfie dell'IA più malvagia di sempre.

Thinking in Portal... Again!

Peer Review, questo il titolo dell'Add-On, è disponibile per il donwload su tutte le piattaforme digitali (Steam, PSN, Live Marketplace). Una volta installato, ci si dirige immediatamente al “Nodo Centrale”, lo stanzone che funge da Hub per la campagna cooperativa. Si scopre così, ben visibile, una nuova stanzetta, con due enormi pulsanti rossi. Una volta attivati, veniamo aspirati da due tubi che ci conducono al nuovo percorso test. Composto da nove stanze, questo DLC non brilla certo per la quantità di contenuti. Eppure, basta qualche secondo per tornare ad innamorarsi di Portal 2 e della cervellotica struttura messa in piedi dal team di sviluppo. Impietoso, il level design mostra subito evidentissime asperità, proponendo rompicapi non banali ed anzi ammaliando con una difficoltà superiore alla media delle stanze già attraversate in passato. Chi aveva riposto il titolo Valve nella propria ludoteca, si troverà di fronte ad uno scoglio abbastanza roccioso, e dovrà sforzarsi un po' per tornare ad abbracciare le logiche di Portal 2.
Nonostante siano poche, nelle nove stanze test c'è davvero di tutto. Ci sono raggi traenti e laser, ponti di luce e molle per schizzare da una parte all'altra della camera. Fin da subito le soluzioni sono molto ardite, ed è necessaria una buona coordinazione ed il solito colpo d'occhio. Ben presto si torna anche a giocare con le vernici: combinandole semmai con i ponti, per costruire rudimentali rampe di lancio o improvvisate pareti rimbalzanti.
In una delle stanze test più avanzate (ancora “in allestimento”, ci dice GLaDOS), il compito è “semplicemente” quello di imbiancare la location, parete dopo parete, per poter aprire portali in zone sempre nuove. La soddisfazione che si prova a superare le insidie proposte è sempre moltissima, e le soluzioni di game design avanzano in alcuni casi quelle della campagna co-op regolare (anche se il salto coordinato con tanto di scontro aereo resta probabilmente inarrivabile).
Peccato solo che dopo un paio d'ore le coppie più sagaci riescano ad uscire indenni dal “Percorso 6”. Ma del resto, per essere un DLC gratuito possiamo accontentarci.
Da citare, a margine, la sceneggiatura. Non certo brillante come quella dell'avventura co-op “regolare”, cerca in qualche modo di connettersi con la campagna principale, commentando marginalmente le gesta di Chell. Ovviamente GLaDOS non risparmia cattiverie e commenti taglienti, sempre pronti a strappare un sorriso.

Troppo Lento

Il DLC introduce anche la modalità sfida, sia per il single che per il multiplayer. Questa opzione, supportata in maniera efficace dalle LeaderBoards che permettono di confrontare i propri tempi con quelli degli amici, giunge forse un po' troppo in ritardo rispetto all'uscita del gioco. In questo Game Mode si deve semplicemente cercare di raggiungere la fine della stanza test più in fretta possibile, dapprima metabolizzando la soluzione, e poi cercando di utilizzare i portali per spostarsi più velocemente e ridurre i tempi morti. Ovviamente si tratta di un'impresa titanica, che spreme ancora di più le meningi dei videoplayer più competitivi, ma è difficile che qualcuno decida di tornare nelle vecchie stanze test per migliorare le proprie prestazioni. Ovviamente per eventuali nuovi acquirenti, la presenza delle Sfide potrebbe essere un valore aggiunto (e non si deve dimenticare che su Steam Peer Review è stato rilasciato in occasione di un'offerta speciale con un prezzo decisamente lusinghiero). Nell'economia di questo DLC, l'introduzione della modalità sfida resta leggermente marginale, almeno su console. Su PC, di contro, ci penseranno forse le comunità di modder a fare la fortuna di un game mode che ha spopolato anche ai tempi del primo Portal. Forse, tuttavia, non sarebbe stata una cattiva idea rilasciarlo a partire dal Day One.

Portal 2 Peer Review non è ricchissimo di contenuti, e sfigura di fronte ad altri Contenuti Aggiuntivi a pagamento ultimamente arrivati sulla scena. Resta però un'espansione totalmente gratuita, e quindi a disposizione di tutti i Fan. Un piccolo regalo da parte di Valve per far tornare a parlare di uno dei suoi prodotti più riusciti. Tralasciando la modalità Sfida, adeguata soprattutto ai perfezionisti, il nuovo percorso per la campagna Co-Op è sicuramente da provare. Ottimo il level design, elevatissima la difficoltà.