Recensione Project Gotham Racing 2

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Project Gotham Racing 2 - 322

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Xbox
  • Una nuova creazione
    bizzarra

    Project Gotham
    Racing è stato uno dei primi titoli sviluppati per Xbox, un geniale connubio tra
    una grafica fluida e ricca di dettagli, un sonoro eccellente grazie al pieno
    supporto del Dolby 5.1 e l'immediatezza di un arcade, adatto a chi non vuole
    troppi fronzoli quando è al volante di un bolide. Da allora i tempi sono
    maturati, i giocatori sono, giustamente, sempre più esigenti; quindi era
    necessario che questo sequel non fosse solo una versione aggiornata di PGR, ma
    un'edizione del tutto nuova che sfruttasse i punti forti del primo capitolo
    senza diventarne una fotocopia. Il lavoro congiunto di Bizarre e Microsoft Game
    Studios avrà portato a tali risultati?

    Il comparto grafico

    Non c'è che dire, l'attesa è servita.
    Qualsiasi, e ripeto, qualsiasi dettaglio è curato in maniera maniacale. Le piste
    sono una vera gioia per gli occhi, gli scenari minuziosi e fedeli alla realtà,
    tanto che potreste anche arrivare ad affermare “Ma io lì ci sono stato!”. Il
    lavoro che c'è dietro ad ogni locazione è stato davvero enorme, ma i risultati
    pagano appieno gli sviluppatori (e noi acquirenti). I tracciati sono circa 110,
    per la maggior parte non disponibili inizialmente, ma sbloccabili attraverso il
    gioco in singolo o le competizioni online. Contribuiscono al realismo alcuni
    tocchi di classe come elementi animati negli scenari (un treno che passa a tutta
    velocità o una ruota panoramica perfettamente funzionante). Il parco macchine è
    ben variegato, di poco sopra le 100 unità e diviso per categorie. Le vetture
    sono realizzate in maniera egregia, tanto da offuscare il già grandioso
    risultato del primo Project Gotham Racing, con una fedeltà assoluta alle
    controparti reali. A seconda del tipo di vernice selezionata, normale o
    metallizzata, potremo notare un minore o maggiore riflesso dell'ambiente
    circostante (enviroment mapping), esattamente come avviene nella realtà. Del
    primo capitolo avevamo apprezzato la possibilità di danneggiare le carrozzerie
    in caso di manovre mal riuscite, e debbiamo ammettere che anche sotto
    quest'aspetto i Bizarre si sono superati: è possibile rovinare la vettura in
    nostro possesso in tanti modi. Si va dalla classica graffiatura in caso di urto
    lieve fino alla completa ammaccatura con tanto di parabrezza incrinato a seguito
    deo frontali più violenti. Nessun problema comunque, basta utilizzare le cinture
    di sicurezza ed affidarsi agli ottimi meccanici che rimetteranno in sesto la
    macchina per la corsa successiva. Com'è ormai noto dai mesi scorsi, i developer
    hanno deciso di dimezzare il frame rate di PGR2 rispetto al suo predecessore. I
    più pessimisti già pensavano in una perdita ragguardevole di fluidità, ed i
    commenti negativi sul gioco ancora in fase di sviluppo si sprecavano. Il
    risultato finale è in ogni caso ottimo, il gioco è bello fluido e la sensazione
    di velocità apprezzabile.

    Il repertorio musicale

    A livello sonoro non ci sono dubbi sul fatto che
    Project Gotham Racing 2 dia il meglio di sé sfruttando il dolby digital
    supportato. Il soundtrack a disposizione dell'utente è ben differenziato ed è
    in grado di soddisfare ogni tipo di palato. Il controllo in gioco avviene
    tramite la pressione dello stick destro sul joypad, che farà apparire
    l'autoradio e ci permetterà di selezionare la stazione radio che più ci aggrada
    oppure passare al normale lettore CD. Ma non è tutto, in quanto in base alla
    località in cui ci troveremo, le varie canzoni saranno introdotte dai DJ locali.
    Non sarà quindi un caso girare tra le strade di Firenze con Albertino a farci
    compagnia, oppure sostare sotto il Cremlino nella Piazza Rossa di Mosca ed
    ascoltare dialoghi in russo. Non manca, ad ogni modo, la possibilità di
    utilizzare le colonne sonore personalizzate. Rispetto a Project Gotham Racing
    non noto dei grandi passi in avanti nella gestione e nella varietà delle
    musiche.

    Sistema Kudos e lo
    Showroom

    Il sistema di Kudos presente nei precedenti capitoli viene ampliato
    in Project Gotham Racing 2. Dai classici punti kudos dati in base alle derapate,
    testa-coda, sorpassi, su due ruote... sono stati aggiunti quelli che premiano
    l'ottima traiettoria, l'effetto scia e in ultimo quello sulla gara
    impeccabile, cioè la conclusione della prova senza andare in contro alle
    penalità. Soffermandoci su quest'ultimo, il metodo per l'attribuzione della
    penalità (auto che sbatte contro il bordo-pista) è stato completamente rivisto
    ed ora tiene conto del tipo dell'impatto con eventuale minore o maggiore
    penalità. I kudos rimangono comunque il fulcro del gioco, sia per la modalità
    single player che per la modalità Live!. Ma come si sbloccano le auto? E' qui
    che troviamo un'interessante novità, i Bizzarre Creations hanno voluto
    includere una componente facilmente riscontrabile nei giochi di ruolo (RPG): i
    “livelli” del proprio profilo. Superata una determinata soglia di punteggio
    Kudos, passiamo al livello successivo dove saremo premiati con i gettoni kudos,
    la valuta necessaria per comprare le auto. Sì, avete capito proprio bene, in
    PGR2 le auto non si sbloccato ma si comprano, ovviamente sono escluse quelle
    “bonus” ottenute al completamento del campionato kudos. La compravendita di
    automobili avviene più o meno come nella vita reale. Nello Showroom 3D potremo,
    infatti, farci un giro a piedi come fossimo in un vero concessionario, visionare
    le auto esposte, e perché no, decidere di farci un giretto di prova sul circuito
    privato prima di procedere all'acquisto. Sebbene le prime volte ci si possa
    sentire un po' disorientati, una volta presa la mano basterà seguire i cartelli
    che ci porteranno nella stanza della marca desiderata.

    Arcade o Simulazione?

    Chiunque abbia giocato
    a PGR non potrebbe che definirlo un gioco arcade, e non avrebbe torto. Definire,
    invece, PGR2 un gioco arcade sarebbe un'ingiustizia nei confronti del lavoro
    dei Bizarre, che sono riusciti a migliorare notevolmente il comportamento delle
    vetture su strada, rendendo necessario uno stile di gioco meno istintivo e più
    ponderato. Siamo ancora ben distanti, comunque, da un gioco simulativo, che,
    oltre a permettere il tuning delle vetture, ne prevede una riduzione delle
    prestazioni in caso di incidente, cosa che invece non avviene in PGR2. Una volta
    creato il nostro profilo utente, personalizzando la targa ed il casco del nostro
    alter-ego virtuale, ci si trova dinanzi alle diverse modalità che questo gioco
    offre, a dir il vero molto longevo. Abbiamo il tradizionale “Campionato Mondiale
    Kudos” suddiviso in 14 serie che raffigurano ognuna delle classi d'auto e a
    loro volta composti da sotto-eventi. In ognuno di questi eventi più sarà alto il
    livello di difficoltà selezionato (medaglie), e più punti kudos sarà possibile
    guadagnare. La “Gara Arcade” ci vedrà impegnati in 3 grossi categorie (Percorso
    Urbano, Cronometro, Coni). Infine si ha “Attacco al Record”, che si divide in
    sfide di circuito e d'auto dove cercheremo di realizzare il nostro miglior
    tempo. Per ogni sfida si avrà rispettivamente un'auto e un circuito
    prestatibilito. Questa modalità diventa fondamentale se si è in possesso di un
    account Live! dove contemporaneamente avremo una classifica mondiale aggiornata
    con tutti i migliori tempi di ogni utente PGR2. Nota particolare per chi ha la
    possibilità di accedere ad Xbox Live!: durante il caricamento del nostro profilo
    abbiamo la possibilità di connetterci da subito al Live!, questo si rivela utile
    per i contatti con la lista amici e, più importante, per le classifiche online.
    Infatti quando concludiamo un evento del campionato kudos o gare arcade, il
    proprio punteggio kudos viene automaticamente riportato nelle classifiche Live!,
    mentre nella modalità attacco al record vi sarà il nostro miglior tempo. Inoltre
    prima di ogni gara è possibile controllare le classifiche per vedere i risultati
    dei migliori giocatori/amici e scaricare (se volete) il ghost di uno dei primi
    10 in classifica. Ovviamente se rientriamo tra i primi 10 chiunque potrà
    scaricare il nostro ghost.

    Le novità da Project Gotham Racing

    Oltre alle già citate differenze nel sistema kudos,
    PGR2 pone molte novità sul maggior numero di città presenti nel gioco e su
    quello delle auto disponibili. Infatti abbiamo la possibilità di poter ammirare
    la bellezza artistica di Firenze (^_^), Edimburgo, Barcellona, Stoccolma, Mosca,
    Chicago, Washington DC, Hong Kong, Yokohama e Sydney con un complessivo di 92
    circuiti. I Bizzarre Creations però hanno voluto farci un gradito regalo
    inserendo il Nurburgring storico (22km) che sicuramente farà felici gli
    appassionati. Per quanto riguarda le auto disponibili (102) mi basta citare
    l'ultima nata in casa Maranello, la Enzo Ferrari, mentre per l'elenco completo
    vi basta andare a questo link: Elenco Auto in PGR2

    Xbox
    Live! e contenuti scaricabili

    Sebbene anche solo ciò che
    il gioco offre in modalità single player ne giustificherebbe l'acquisto, su
    Xbox Live! diventa praticamente infinito. Adrenaliniche sfide a 8 giocatori
    nelle varie modalità previste (Kudos o Esibizione), lo rendono un must buy per i
    possessori del servizio online di Xbox. A differenza di altri titoli live! in
    cui le prestazioni della partita dipendono dalla connessione di chi hosta, il
    lavoro di ottimizzazione su PGR2 ha dell'incredibile. Anche una ADSL base è in
    grado di garantire un'esperienza di gioco coinvolgente e priva del benché
    minimo rallentamento. Tramite lo splitscreen è inoltre possibile condividere il
    proprio account Live! con un amico (ospite). Vincere le gare online su un
    tracciato ancora bloccato nella modalità singola, ne determinerà l'immediata
    disponibilità. Anche giocando Live! avremo un livello kudos da cui trarre
    gettoni, utilizzabili per sbloccare macchine oppure per i contenuti scaricabili.
    Per quanto riguarda i "content download" c'è ancora un alone di mistero (nuove
    città? nuove classi d'auto?..); ad ogni modo sulla confezione è citata la
    possibilità che essi possano richiedere un costo aggiuntivo, attestandosi come
    Premium Content. Prossimamente ne sapremo sicuramente di più.

    Epilogo

    Il modo migliore
    per concludere quanto scritto è chiederci se consiglieremmo o meno questo
    acquisto. La risposta è decisamente affermativa, Project Gotham Racing 2 è
    indubbiamente uno dei migliori titoli Xbox sul mercato ed il titolo di punta per
    Xbox Live!, seppur non sia privo di difetti. Anche chi non ama particolarmente i
    racing game dovrebbe concedergli una chance in multiplayer (system link o
    Live!), dove è in grado di garantire ore e ore di divertimento devastante in
    compagnia dei nostri amici.

    Quanto attendi: Project Gotham Racing 2

    Hype
    Hype totali: 0
    ND.
    nd