Recensione Rayman 3

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Rayman 3 - 1761

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS2
  • Gba
  • N-Gage
  • Xbox
  • NGC
  • Pc
  • Rayman ritorna in un nuovo gioco multipiattaforma e, sebbene ci sia il numero tre nel titolo, in realtà è la quarta volta che questo personaggio compare in un videogioco e la seconda volta che compare sul Game Boy Advance.
    La prima avventura, "Rayman Advance", uscito poco dopo il lancio della console, altro non era che un porting della bidimensionale versione originale uscita nel 1996 per Playstation, Saturn, Jaguar e PC.
    La mascotte di casa Ubi Soft ottenne poi un gran successo nel '99 con il secondo capitolo, approdato ai lidi del 3D sulle console a 128 bit; infine il terzo capitolo si discostò dalla serie platform essendo rivolto al multiplayer, conosciuto come Rayman M o Arena, un clone di Mario Party.

    La trama

    Globox, amico di vecchia data di Rayman e gran mangione, ha ingoiato involontariamente un pericoloso Lum nero per salvare i suoi piccoli amici Teens. Essendo questo Lum il malefico leader di una nuova specie, bisogna che esca al più presto possibile dallo stomaco di Globox, prima che giungano altri cattivi per recuperarlo ed ottenerne il suo potere. Proprio mentre la melanzana protagonista (non vi siete mai accorti che è una melanzana con testa, mani e piedi?) viene a conoscenza dell'accaduto dallo stesso Globox, quest'ultimo scompare misteriosamente. Inizia la nuova avventura di Rayman per salvare il suo amico attraverso quattro mondi: Foreste selvagge, Cattivi sogni, Mondo di lava e Covo dei pirati.

    Grafica e sonoro

    Il gioco a differenza del suo precedente capitolo risulta fluido e senza rallentamenti, con differenti livelli di parallasse per dare un maggiore senso di profondità. E' strutturato in 2D con inquadratura del personaggio laterale, i movimenti avvengono in tutte le direzioni possibili; nei livelli strutturati in 3D l'inquadratura è alle spalle del protagonista, come nelle "Paludi di Begoniax" dove legati a Sam il serpente faremo un po' di sci nautico...o meglio sci di palude, evitando le sabbie e le bombe disseminate lungo il livello; così come nel livello del "Magma esplosivo" dove correremo in modo molto simile alle gare svolte in F-Zero.
    Il gioco è graficamente molto colorato, i colori sono vivaci e mai uguali, i personaggi sono tutti animati ottimamente; un discorso a parte merita il nostro protagonista, poiché una volta lasciato inattivo, dopo un po' inizierà a fare qualcosa per passare il tempo, come masticare gomme facendo palloncini, giocare con lo yo-yo o la cosa più simpatica inizierà a palleggiare con il proprio corpo.
    Le musichette sono essenzialmente semplici e rilassanti, riprendono anche alcuni motivi già sentiti nei precedenti capitoli, una volta che saremo nelle vicinanze delle gabbie, dei piccoli amici da salvare, potremo udire anche le loro richieste d'aiuto con un pietoso lamento: help!

    Gameplay

    Il gioco funziona tramite mappe, si parte dalla principale (all'estrema sinistra è disposta una cascina dalla forma cubica...esatto, si tratta del collegamento al GCN!) dove vi sono gli accessi per i diversi mondi, una volta entrato in uno di essi, Rayman si troverà in un livello con diverse tende di colore blu e rosse. Quelle blu sono accessibili da subito mentre le rosse solo dopo aver completato i livelli precedenti ed in tutto saranno più di cinquanta.
    Rayman non dovrà solamente saltare da una piattaforma all'altra, bisognerà attivare i classici interruttori, usare barili esplosivi come armi o usarli come razzi per spostarsi da un punto all'altro del livello. Durante la fase esplorativa si dovranno liberare anche i piccoli Teens rinchiusi nelle gabbie, cosa obbligatoria poiché per accedere al mondo successivo se ne deve liberare una quantità minima.
    Le azioni di Rayman aumentano ogni volta che la nostra melanzana incontra la maga Ly che gli fornirà nuovi poteri come il doppio pugno, il pugno volante (per usare i Lum viola) o la possibilità di scalare pareti, ad esempio. Lungo il suo cammino Rayman incontrerà più volte l'amico Murfy che gli darà preziosi consigli su come affrontare particolari livelli.
    Come detto, bisogna cercare di raccogliere più Lum possibili, e questi sono presenti in diversi colori: ci sono quelli gialli, da usare come merce di scambio per ottenere mappe aggiuntive, quelli verdi che funzionano da Chek point, quelli rossi che ricaricano un pallino d'energia ed infine quelli argento, che forniscono una vita ed i viola per aggrapparsi e raggiungere zone più distanti.
    I nemici presenti nel gioco aumentano con il progredire dei livelli, non sono molto difficili da eliminare; la vera difficoltà del gioco è data dai salti: in più di un livello è richiesta la massima precisione per centrare i salti e non morire miseramente. Capiterà di dover rifare più di una volta un livello solo per alcuni millimetri d'imprecisione nel salto eseguito, cosa non eccessivamente frustante, in ogni caso.
    I salvataggi avvengono a fine d'ogni livello, in modo automatico, e quando uscite dal gioco, i "continua" sono infiniti, per la gioia di Rayman: fate caso al suo differente comportamento in caso di continuo o game over e capirete!

    Multiplayer

    Rayman 3 offre al giocatore diverse opportunità di sfruttare il multiplayer: c'è la possibilità di giocare in due con una sola cartuccia o giocare in quattro con più cartucce per utilizzare le sei mappe create ad hoc.
    Il gioco sfrutta molto bene anche la connessione con la sua controparte maggiore: "Rayman 3 Hoodlum Havoc" per il Game Cube, ogni cento Lum raccolti durante il gioco, si ottiene una mappa aggiuntiva, si potranno scaricare fino ad undici diversi mondi bonus nella versione portatile. E' inoltre possibile giocare sia con il GC sia con il GBA insieme, sul display del GBA il giocatore vedrà diversi pezzi scendere dall'alto (tipo Tetris) con i quali dovrà costruire un percorso per il giocatore con il GC.

    Che voto dai a: Rayman 3: Hoodlum Havoc

    Media Voto Utenti
    Voti: 66
    7.9
    nd