PSVR

Smashbox Arena per PlayStation VR Recensione

Smashbox Arena è un first person shooter competitivo in realtà virtuale, con uno stile vivace ed un gameplay accessibile a tutti.

recensione Smashbox Arena per PlayStation VR
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Nella moltitudine di prodotti disponibili sugli store delle piattaforme VR, sono tantissimi i generi esplorati dagli sviluppatori, i quali hanno provato sia ad adattare quelli maggiormente diffusi nel gaming tradizionale, sia ad inventarne di nuovi, grazie alle potenzialità della Realtà Virtuale. Nella maggior parte dei casi, però, si tratta comunque di produzioni rigidamente in singolo, in quanto il multiplayer sembra non aver fatto ancora del tutto breccia nelle abitudini di chi gioca con un caschetto per la VR. Laddove Echo Arena e Onward hanno mosso i primi passi nel settore del multigiocatore per Oculus Rift e HTC Vive, Smashbox Arena, uno sparatutto "team based" ad opera del team BigBox VR, ha deciso di offrire un gameplay molto più accessibile rispetto a quello dei predecessori: il titolo ha infatti proposto un'esperienza ludica piuttosto immediata e sufficientemente divertente, compatibile con tutti i principali visori presenti sul mercato, incluso il PlayStation VR.

    Sunday morning shooting

    L'aria che si respira appena indossato il visore di Sony e impugnati i due controller PlayStation Move (obbligatori per poter entrare in partita) è decisamente scanzonata, fresca e briosa, inusuale, insomma, per il genere degli shooter, spesso legati principalmente ad atmosfere seriose e cupe. Smashbox Arena possiede invece un piglio stilistico che sembra volersi accostare ad alcuni dei titoli multiplayer più accessibili della storia, come Smash Bros e Mario Kart.
    Anche in termini di meccaniche di gioco l'immediatezza è al primo posto: il sistema di movimento sfrutta l'ormai classico metodo dei teleport e gli scontri nelle arene si affrontano utilizzando soltanto due tasti.
    Le armi impugnate, che seguono fedelmente i movimenti delle proprie mani nello spazio, ci permettono di teletrasportarci e sparare utilizzando rispettivamente il tasto presente sotto al pollice e il grilletto a portata di indice.
    A differenza di molti altri titoli in cui si utilizzano i teleport per spostarsi, il metodo utilizzato da Smashbox Arena è però leggermente differente e va ad impattare sul gameplay delle battaglie: per scegliere la destinazione occorre insomma lanciare una sorta di trasmettitore che, una volta attivato, ci farà spostare verso la sua posizione, rendendo di fatto non istantaneo il movimento all'interno degli scenari.
    Tale scelta abbassa notevolmente il ritmo dei duelli, rendendoli molto meno frenetici del previsto e introducendo quindi un certo grado di strategia. Sparare e colpire gli avversari diventa dunque tanto importante quanto disporsi in difesa, cercando di muoversi nei punti dello stage più protetti, alla perenne ricerca di munizioni e power-up. Le armi a disposizione che permettono di generare i teleport non possono però a tutti gli effetti sparare munizioni proprie, se non attirando a sé una delle sfere che cadranno sull'arena ad inizio partita, da utilizzare in qualità di proiettili. Inoltre la potenza di fuoco che offrono è alquanto ridotta: mirando ad un avversario distante sarà necessario tenere a mente che la "pallottola" perderà progressivamente velocità, fino a deviare la propria traiettoria.

    Molto più efficaci risultano invece le munizioni speciali, in grado di cambiare l'esito di una battaglia in pochi istanti: i loro effetti sono completamente folli e vanno dalla palla di fuoco al gigantesco macigno di pietra, che rotola per il livello investendo gli avversari, fino all'utilissimo fucile da cecchino, dotato di un singolo colpo ma dalla mira assolutamente precisa, cui si affianca una rapidità fulminante nell'andare a segno, ben diversa pertanto dai proiettili tradizionali. Nonostante la presenza di un blando Story Mode in singolo, utile più che altro come campo d'allenamento, Smashbox Arena, come ormai avrete intuito, è un prodotto totalmente votato alla competizione online. Considerando un gameplay ragionato e dinamico al tempo stesso, diviene importantissimo imparare a schivare col giusto tempismo ed il corretto posizionamento, magari abbassandosi fisicamente dietro ad una protezione, stando inoltre sempre ben attenti a non uscire ovviamente dal raggio di rilevamento della PlayStation Camera, senza voltare le spalle all'obiettivo e coprire le sfere illuminate dei Move con il nostro corpo corpo.

    Smashbox Arena Smashbox ArenaVersione Analizzata PlayStation 4Smashbox Arena è un titolo dai valori produttivi moderati, che punta tutto sulla semplicità e sul divertimento. L’esperienza è infatti molto basilare ma sia il sistema di teleport sia il funzionamento delle armi offrono un po’ di diversità utile a rendere il gameplay degli scontri piuttosto vario. Si tratta quindi di un prodotto adatto ad un pubblico abbastanza eterogeneo, da chiunque non ha mai indossato un visore fino al veterano di Echo Arena che vuole provare un gioco più immediato. Peccato quindi per un quantitativo di contenuti decisamente limitato, in quanto le arene risultato tutte molto simili tra di loro e la modalità single player ha il solo scopo di fungere da tutorial, in modo da permetterci di far pratica con il gameplay prima di entrare nelle arene multiplayer. Proprio il comparto online soffre poi di una cronica mancanza di utenti, quindi non risulta sempre facile trovare cinque avversari epr organizzare una partita con soli sfidanti "umani", senza dover riempire i posti vacanti con i bot gestiti da un’intelligenza artificiale non sempre impeccabile.

    6.5

    Che voto dai a: Smashbox Arena

    Media Voto Utenti
    Voti: 2
    5
    nd