SNK 40th Anniversary Collection Recensione: una raccolta per i nostalgici

SNK festeggia il quarantesimo anniversario con una raccolta che include classici come Guerrilla War, Crystalis, P.O.W., Ikari Warriors e Alpha Mission.

recensione SNK 40th Anniversary Collection Recensione: una raccolta per i nostalgici
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Negli anni 90 Capcom ed SNK hanno combattuto una guerra senza esclusione di colpi, in sala giochi e sulle console domestiche, sfidandosi principalmente sul ring virtuale dei fighting games. Il fatto che il catalogo del Neo Geo sia composto in larga parte da titoli di lotta e arti marziali ha spinto molte persone a credere, erroneamente, che la SNK abbia concentrato le proprie energie su un unico genere. La realtà è molto diversa. Prima di Fatal Fury, Art of Fighting, Samurai Shodown e The King of Fighters, la casa produttrice aveva già attirato l'attenzione con titoli di tutt'altro tipo, spesso relegati in sala giochi e mai entrati nelle case degli utenti. Grazie alla crescente popolarità delle raccolte di vecchie glorie del passato, pensate per preservare il patrimonio ludico della storia dei videogiochi e raccontare ai nuovi utenti la nascita del medium, con la SNK 40th Anniversary Collection è ora possibile rispolverare alcuni prodotti con cui l'azienda nipponica spopolò nelle fumose sale arcade appartenenti a un passato che sembra lontano anni luce.

    Archeologia del videogioco

    Lavorare a questo genere di raccolte non è affatto facile, soprattutto se tra i titoli selezionati ci sono giochi usciti solo in versione arcade e mai convertiti su altre piattaforme. A volte ci si deve scontrare perfino con la scomparsa del codice sorgente. Per fortuna, da diversi anni a questa parte c'è un team che ha fatto del recupero delle antiche perle la propria missione. Collezione dopo collezione Digital Eclipse continua a smussare le imperfezioni delle proprie opere e a svolgere un lavoro prezioso per preservare un passato altrimenti destinato all'oblio.

    Quanto di buono abbiamo già visto nella realizzazione delle raccolte di Street Fighter e Mega Man torna anche in questa collection dedicata alla storica rivale di Capcom. Il fatto di poter scegliere se giocare la versione originale arcade o la conversione su console dei titoli apparsi su più piattaforme, con tutte le limitazioni del caso, permette ai giocatori più giovani di capire quali compromessi gli utenti dell'epoca erano costretti ad accettare per godersi a casa il proprio gioco preferito. Per chi oggi è abituato a giocare senza rinunce titoli come Fortnite, indifferentemente su PC o su cellulare, è difficile capire come ci si sentiva davanti al miraggio irraggiungibile di una conversione arcade perfect. Il fatto di poter fare un confronto diretto tra le varie incarnazioni dei titoli usciti su più piattaforme aggiunge un ulteriore tocco di classe a un'opera degna di essere custodita con affetto.

    Per ogni gioco presente nel pacchetto, poi, sono state inserite opzioni utili a personalizzare l'esperienza in base alle proprie esigenze. In alcuni prodotti si può impostare una modalità di visualizzazione verticale, per riprodurre al meglio le sensazioni garantite dall'opera originale. Trattandosi di una raccolta divulgativa sono stati inseriti livelli di difficoltà per ogni genere di utente, ed è perfino possibile godersi l'azione in una gradita modalità spettatore. Se proprio non volete rinunciare alla difficoltà assassina tipica dei cabinati divora-gettoni, potete tranquillamente replicare l'esperienza originale, ma in caso di necessità troverete un fido alleato nella modalità rewind, con cui riavvolgere in qualsiasi momento l'azione per correggere gli errori fatali.

    50% gioco

    Non tutti i giochi presenti nel pacchetto hanno resistito all'inesorabile scorrere del tempo. Tra le opere inserite nell'elenco, trovano spazio ad esempio titoli quali Alpha Mission, Guerrilla War, Crystalis! e Fantasy: nonostante le utili aggiunte apportate dagli sviluppatori alcune esperienze appaiono oggi fin troppo ruvide per divertire come facevano all'epoca della loro uscita. Jane Austin diceva che del passato bisogna ricordare solo quello che ci dà gioia, ma in questo caso è bello constatare che per la selezione dei giochi SNK non si è soffermata solo sulle effettive qualità ludiche dei vari titoli. Opere come Vanguard sono ben lontane dalla giocabilità dei migliori sparatutto a scorrimento, ma la produzione merita comunque di essere riscoperta per via del suo interessante approccio con scrolling dinamico. Al di là del semplice divertimento, quindi, anche l'importanza storica è stata fondamentale per decidere quali prodotti inserire nel pacchetto.

    A Digital Eclipse va anche il merito di aver studiato soluzioni in grado di riprodurre i controlli unici dei vecchi cabinati. Per farlo, gli sviluppatori hanno preso in prestito l'impostazione tipica dei twin stick shooter, dando vita, per esempio, a una rivisitazione in chiave moderna della saga classica di Ikari Warriors. Per tutti i puristi sta per uscire una patch che permetterà di attivare l'opzione single stick (con tanto di multiplayer con doppio joycon), garantendo un'esperienza ancora diversa. A quanto annunciato dagli sviluppatori, la raccolta riceverà numerosi aggiornamenti gratuiti, che oltre a correggere i piccoli bug riscontrati al lancio, amplieranno il catalogo con nuovi giochi.

    50% cultura

    Un prodotto di questo tipo sarebbe incompleto senza una corposa modalità museo. Anche da questo punto di vista la raccolta non delude le aspettative, proponendo le scansioni dei documenti di design originali, immagini dei cabinati e piccole sezioni dedicate ai singoli giochi, con aneddoti sempre attinenti e interessanti. La presentazione del materiale è stata preparata con cura, con animazioni pulite e una gradevole alternanza tra informazioni e immagini del gioco esaminato.

    Scoprire l'origine di un personaggio iconico come Athena, o le difficoltà nella realizzazione di eventuali conversioni per i sistemi casalinghi, non solo è affascinante, ma aiuta a comprendere meglio la storia dei videogiochi e ad apprezzare le opere più oscure di SNK, come il mai pubblicato Tangram Q. Gli amanti delle vecchie colonne sonore, poi, troveranno una sezione interamente dedicata alle musiche dei titoli della raccolta, ascoltabili liberamente senza alcun tempo di caricamento.

    SNK 40th Anniversary Collection SNK 40th Anniversary CollectionVersione Analizzata Nintendo SwitchLa SNK 40th Anniversary Collection è l’ennesima raccolta che non si limita solo a proporre una banale lista di vecchi giochi emulati in modo approssimativo. La qualità della riproduzione è piuttosto fedele alle controparti di partenza, e il lavoro di preservazione storica è di prim’ordine, merito anche del corposo museo pieno di curiosità. La possibilità di godersi anche le colonne sonore originali aggiunge ulteriore prestigio al catalogo. Certo, non tutti i titoli sono ancora in grado di divertire, ma la selezione aiuta a comprendere meglio la storia di una casa produttrice che molti conoscono solo per il Neo Geo e i suoi numerosi fighting games. Ricordiamo che il parco titoli della collection è destinato a espandersi gratuitamente l’11 dicembre, aggiungendo altri 11 giochi al già corposo pacchetto.

    7.5

    Che voto dai a: SNK 40th Anniversary Collection

    Media Voto Utenti
    Voti: 5
    8
    nd