Star Wars Pinball VR: le Guerre Stellari si combattono sul Flipper

Combattiamo lo scontro tra Lato Oscuro e Lato Chiaro a suon di flipper con la nuova esperienza VR dedicata all'universo di Guerre Stellari.

Star Wars Pinball VR: le Guerre Stellari si combattono sul Flipper
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Era solo questione di tempo prima che Star Wars Pinball, realizzato dai veterani di Zen Studios che di flipper se ne intendono, giungesse anche in realtà virtuale dopo essere stato distribuito sulle console delle scorse generazioni e sull'ibrida di Kyoto nel 2019 (qui potete recuperare la nostra recensione di Star Wars Pinball su Switch). La formula ludica, d'altronde, ben si sposa sulla carta con l'immersività garantita dalla VR, pronta a darci la gradevolissima illusione di trovarci davvero dinanzi a un tavolo da gioco: ed ecco che Star Wars Pinball VR atterra sia su PlayStation VR sia su Oculus Quest, permettendoci di combattere le Guerre Stellari di George Lucas a suon di alette, palline e moltiplicatori, in una conversione che, per quanto funzionale e coinvolgente, non sfrutta sempre a dovere le potenzialità della realtà virtuale.

    Lato Chiaro e Lato Oscuro

    Il matrimonio tra la VR e l'universo videoludico Star Wars procede a gonfie vele, e opere come Tales From The Galaxy's Edge sono pronte a dimostrarlo (a questo link trovate la nostra recensione di Star Wars: Tales From the Galaxy's Edge): ma accanto a produzioni di caratura più ampia al pari di quella di ILMxLAB, fanno capolino prodotti dalle ambizioni più moderate, come Pinball VR che, pur nel suo piccolo, riesce a restituire una festa di fan service per gli innumerevoli appassionati della mitologia di George Lucas.

    Sin dal primo avvio veniamo trasportati all'interno di una stanza a tema Star Wars, dove spuntano mensole da riempire con monili e collezionabili di varia natura, statue a grandezza d'uomo da posizionare negli angoli, poster da appendere alle parteti e trofei da sfoggiare, senza dimenticare la presenza perenne di un dettagliato Jabba The Hutt posto vicino al sottoscala e di un jukebox vintage nel quale selezionare (a patto di averle sbloccate) le indimenticabili musiche della serie.

    Prima di iniziare, in ogni caso, saremo chiamati a scegliere se combattere tra le forze del Lato chiaro o del Lato Oscuro: i nostri punteggi andranno a rinfoltire l'una o l'altra fazione, che potrà comunque essere cambiata in qualsiasi momento dal maxi schermo presente nel salone.

    Ed è proprio da questo grosso display che sarà possibile accedere alla Campagna, il cuore pulsante di Star Wars Pinball, nella quale affrontare una serie di sfide sugli otto tavoli a disposizione: a variare saranno ovviamente gli obiettivi da raggiungere e le prove da superare, ma il concept alla base resterà sempre il medesimo, e prevedrà la necessità di superare una determinata soglia di punteggio, così da guadagnare i frammenti di Holocron, la valuta con la quale sbloccare i Talenti e i Poteri della Forza. Si tratta di potenziamenti da selezionare e attivare durante le partite, upgrade che ci daranno qualche vantaggio per permetterci di massimizzare i risultati dei match. La Campagna è sufficientemente longeva, ma considerato il limitato numero di tavoli a disposizione - al netto di una discreta varietà di obiettivi da perseguire - non brilla certo per coinvolgimento.

    È chiaro che il pur lungo susseguirsi di prove è pensato per prendere confidenza con i differenti tavoli, tutti estremamente ben realizzati, e valutarne gli elementi interattivi, i target da colpire e i percorsi da imboccare con la pallina al fine di incrementare il moltiplicatore del punteggio. Una volta presa confidenza con i flipper, arriva il momento di cimentarsi nelle due modalità separate dalla campagna: da un lato troviamo l'opzione Arcade, in cui sarà possibile sfruttare i Talenti della Forza, e dall'altro la Classic Mode, che restituisce un'esperienza ludica priva di modificatori, dove a contare è solo l'abilità dell'utente.

    È chiaro che, per sua stessa natura, la durata della vita di Star Wars Pinball VR dipenderà totalmente dalla voglia dei giocatori di battere i propri record e ottenere nuovi elementi scenici con cui arredare la stanza in VR, personalizzandola il più possibile. Se di base la formula ludica funziona, amalgamando a dovere la complessità dei percorsi più elaborati e la semplicità delle meccaniche, bisogna ammettere che la trasposizione in realtà virtuale avrebbe potuto ambire a traguardi un po' più elevati sul fronte della pura immersività.

    Flipper in VR

    Partiamo dal presupposto che ciascuno degli otto tavoli a disposizione risulta concepito davvero con grandissima perizia, ottimamente massimizzata dalla resa in VR: l'elaborata composizione viene valorizzata da eccellenti effetti sonori e visivi, in un tripudio di luci intermittenti e sequenze scriptate che si sbloccano indirizzando la pallina in specifiche sezioni.

    Così facendo, dinanzi ai vostri occhi il tavolo si animerà, dando modo ai modellini di allestire una piccola scenetta alla quale assistere in maniera passiva. Sono piccole chicche ideate con furbizia e acume, che delizieranno senza dubbio i fan della serie. A questo si affianca anche una componente scenica di tutto rispetto, dal momento che prima di ogni partita, attorno al flipper e a seconda della tipologia di tavolo selezionata, compariranno i protagonisti della saga, da Baby Yoda fino a Vader in persona, inscenando un siparietto di pochi secondi volto a immergerci ancora di più nelle trascinanti atmosfere del brand.

    Peccato solo che l'interazione con l'ambiente sia quasi nulla: il contatto col tavolo è molto superficiale, e si limita alla pressione dei grilletti sugli Oculus Touch per muovere le alette; anche gli oggetti che arricchiscono la stanza restano semplici elementi d'arredo, dando all'insieme un aspetto museale, nonché limitando la sensazione di sentirsi davvero presente nell'ambiente.

    Lo stesso può dirsi per la scarsa partecipazione del giocatore nelle poche sequenze interattive che fanno capolino nel corso delle partite: compiendo determinati percorsi, d'altronde, potremo "entrare" direttamente nel tavolo e prender parte a fasi concettualmente più immersive, tra cui spicca - ad esempio - un faccia a faccia a suon di spade laser contro Darth Vader. Nello specifico, simile frangente risulta sia molto breve, sia scarsamente interattivo, dal momento che per completarlo dovremo limitarci a premere una sequela di tasti al momento giusto, senza la necessità di agitare la lama muovendo i controller (se volete provare il brivido delle lotte con le spade laser, vi suggeriamo di leggere la nostra recensione di Vader Immortal Episodio 1). L'impressione, insomma, è che Star Wars Pinball in VR sia un esperimento riuscito solo in parte, capace di fornire un adeguato senso di presenza perlopiù sul fronte audiovisivo, limitando quella componente interattiva che dovrebbe contraddistinguere i migliori titoli in realtà virtuale.

    Star Wars Pinball VR Star Wars Pinball VRVersione Analizzata PCDopo essere approdato su console tradizionali, Star Wars Pinball arriva anche su Oculus Quest e PlayStation VR con una conversione dignitosa, ma non del tutto impeccabile: è ovviamente una festa di fan service, supportata da una cornice visiva e sonora abbastanza soddisfacente, ma poco interattiva e non sempre adeguatamente stimolante in realtà virtuale. La piacevolezza delle partite agli otto flipper disponibili viene comunque acuita in maniera notevole dall’immersività offerta dalla VR, e nel complesso, pur con qualche limite di troppo, Star Wars Pinball si dimostra un’esperienza che vale la pena provare.

    7.2

    Che voto dai a: Star Wars Pinball VR

    Media Voto Utenti
    Voti: 1
    10
    nd