Recensione Starfox Adventures

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco Starfox Adventures - 2024

Articolo a cura di
Disponibile per
  • NGC
  • Le avventure della volpe stellare

    Dopo aver sconfitto Andross per la seconda volta liberando il sistema di Lylat e il pianeta Corneria dalla minaccia della distruzione, Fox McCloud e il suo team di avventurieri spaziali si sono presi una meritata pausa in attesa di nuove missioni da portare a termine. L'apparente situazione di tranquillità appena creatasi non tarda però a svanire al presentarsi di una nuova terribile minaccia che incombe sul destino del Dinosaur Planet, terra abitata da creature pacifiche che convivono in armonia; il generale Scales, leader della razza degli Sharpclaw, ha infatti rubato le quattro pietre sacre garanti dell'equilibrio del pianeta, causandone la disgregazione. Fox salta quindi sul suo fidato Arwing e si prepara ad affrontare una missione completamente nuova, piena di misteri ed insidie; senza neppure conoscere l'entita che si cela realmente dietro a tutto questo.....
    Il primo ed (ahimè) ultimo lavoro dei ragazzi della Rareware su GameCube ha radici piuttosto lontane nel tempo; nato inizialmente sul "vecchio" 64 bit Nintendo con il nome di Dinosaur Planet, è stato poi dirottato sulla nuova console (esattamente come Eternal Darkness) avvalendosi della partecipazione straordinaria dello Starfox Team e trasformandosi, con opportune modifiche alla cosmesi ed al gameplay, in Starfox Adventures: Dinosaur Planet. Il titolo si presenta con un menu semplice ma completo inserito in un'interfaccia visiva decisamente d'effetto; sono presenti le classiche opzioni audio e video (Progressive Scan e widescreen per i televisori compatibili), mentre i controlli non possono essere personalizzati.

    Fox non è mai stato così bello

    Già dai primissimi istanti di gioco si capisce subito quanto questo gioco sfrutti finalmente le potenzialità grafiche del nuovo hardware Nintendo; tutto, dalle ambientazioni ai personaggi, è realizzato con estrema cura e attenzione per il dettaglio. L'engine poligonale da cui nasce il gigantesco mondo di Starfox Adventures è davvero sorprendente: il polygon count è decisamente elevato, le ambientazioni, tutte di estensione non indifferente e riccamente dettagliate, sono state ricreate mediate strutture poligonali solide e molto convincenti. La stessa qualità caraterizza anche le texture che sono state realizzate con molta cura e in parecchi casi sfoggiano un bump-mapping di tutto rispetto, rendendo così gli ambienti più realistici e credibili; inoltre, sono state disegnate con una ricercatezza stilistica molto raffinata, cosa che contribuisce enormemente a dare al gioco quel feeling di magia e trasporto che lo caratterizza. Un lavoro non indifferente è stato svolto anche sul versante della gestione delle fonti di luce e delle ombre che, a parte qualche piccolo problema di flickering, sono sempre ben definite e reagiscono dinamicamente al variare dell'illminazione circostante; notevoli sono anche gli effetti grafici, che annoverano soluzioni visive di grande impatto fra cui motion-blur, sfocatura di campo, nebbia volumetrica, effetto calore in stile Super Mario Sunshine e dinamiche particellari molto avanzate, nonchè uno stupendo effetto di distorsione dell'immagine quando Fox si riflette nel manto acquoso di un ruscello. Il punto forte della cosmesi sta però nella realizzazione dei personaggi, in particolare quelli principali; in questa sua ultima incarnazione Fox sfoggia infatti una pelliccia che ha dell'incredibile. Pur non disponendo di pixel e vertex shaders programmabili, i ragazzi della Rare sono comunque riusciti a ricreare un "fur-shading" davvero sorprendente, con peli che reagiscono in modo dinamico e naturale ad ogni minimo movimento del nostro beniamino. Degne di lode sono anche le animazioni, sempre molto naturali e realistiche, che contribuiscono in modo netto alla verosimiglianza delle azioni di gioco e in particolar modo alle fasi di combattimento; il sistema di animazione studiato per i movimenti del volto e del labiale è inoltre davvero ben realizzato e regala un tocco di realismo in più al gioco e un bel pò di carisma al nostro eroe. Questo vero e proprio tripudio visivo si muove alla bellezza di 60 fps, purtroppo non proprio "costanti"; i rallentamenti, anche se repentini e talvolta fastidiosi, sono comunque molto rari e si presentano per lo più nei momenti di caricamento e di sovraffollamento. Il sistema di gestione delle telecamere riprende fedelmente le illustri orme di Ocarina of Time, seguendo costantemente il personaggio e permettendo al giocatore di centrarla alle spalle di quest'ultimo con la pressione di un tasto.Passiamo al versante sonoro. Da questo punto di vista il gioco non lascia nulla al caso; musiche sempre varie e a tema (anche se non orchestrate), effetti sonori di fattura più che pregevole e presenza massiccia di un voice-acting molto ben realizzato, il tutto con pieno support della decidifica Dolby Pro Logic II.

    Non chiamatelo Link....

    Come forse alcuni di voi sapranno, giocando a Starfox Adventures la sensazione di dejavu è forte; il gioco presenta infatti diverse somiglianze con The Legend of Zelda: Ocarina of Time, somiglianze che saltano all'occhio in particolar modo dal punto di vista della giocabilità. I programmatori hanno infatti preso spunto da tutti i pregi del titolo Nintendo, affinandone alcune caratteristiche e rendendolo così ancora più piacevole da giocare; ma vediamo di analizzare il gameplay più da vicino. Starfox Adventures è un action/adventure in terza persona con piacevoli variazioni sul tema; capita infatti un tantum che le vostre esplorazioni a terra siano intervallate da percorsi a bordo del vostro Arwing, grazie al quale potete raggiungere le "parti" di pianeta più lontane. Queste sezioni, oltre ad essere molto utili a spezzare il ritmo di gioco e rendere l'azione più varia, sono caratterizzate dal classico feeling delle prime avventure di Fox e il suo team e quindi si rivelano una vera manna dal cielo per i più nostalgici. I comandi risultano piuttosto familiari sia per quanto concerne queste fasi di gioco sia per quanto riguarda quelle in cui ci si trova a guidare Fox alla scoperta degli inesplorati paesaggi del Dinosaur Planet. I movimenti principali del personaggio sono affidati alla leva anlogica di sinistra, ovvero quella principale; il salto è rigorosamente automatico (Zelda docet) ma si deve stare attenti, in quanto l'intensità di quest'ultimo dipende direttamente dalla velocità di rincorsa. Tutte le azioni che Fox può compiere nel gioco si effettuano tramite la pressione del tasto A e sono "context-based"; le possibilità di interazione variano infatti a seconda della situazione in cui il nostro eroe si viene a trovare e sono sempre indicate nell' HUD su schermo. Una volta recuperata l'unica arma offensiva disponibile, ovvero il bastone magico lasciatovi da Krystal, il tasto A, in mancanza di altre azioni effettuabili, si setta automaticamente sull'utilizzo di quest'ultima per averla sempre a portata di mano in caso di imboscate e attacchi improvvisi degli Sharpclaw. Nel caso vi troviate a dover combattere, potete scegliere la strategia adatta fra lo scontro corpo a corpo e l'attacco a distanza, ma in entrambi i casi vi conviene avere già padroneggiato la tecnica di L-targeting; tramite la pressione del tasto dorsale L, potete infatti, dopo aver impugnato il bastone, inquadrare il nemico ed attaccarlo direttamente con una serie di combo effettuabili tramite il tapping del tasto A e lo spostamento dello stick anlogico nelle quattro direzioni "cardinali" o eventualmente tenerlo a debita distanza e colpirlo con l'ausilio di uno degli speciali poteri magici di cui il bastone è dotato. Ovviamente oltre ad attaccare dovete anche difendervi; a questo scopo è presente il tasto dorsale R che in caso voi siate impegnati in un combattimento per così dire "targettizzato", vi permette di bloccare qualunque attacco (mentre se premuto al di fuori di uno scontro crea un scudo di energia protettivo). Durante i combattimenti si rivela decisamente utile anche il tasto X (normalmente utilizzato per effettuare una capriola frontale) per schivare i colpi se premuto insieme ad una direzione sulla leva anlogica. Il sistema studiato per la gestione dell'inventario è molto intuitivo e sfrutta completamente la seconda leva analogica del pad, il C-stick; premendo a destra e a sinistra sullo stick, si ha la possibilità infatti di navigare fra le tre sezioni principali del vostro inventario ovvero Oggetti, Poteri del bastone e Azioni di Tricky. Nella sezione oggetti sono presenti tutti gli ammennicoli che avete modo di trovare (o acquistare) durante la vostra avventura e che vi tornano utili in più di un'occasione. Nella sezione poteri del bastone potete trovare una serie di abilità magiche proprie del vostro bastone che vanno scovate nel corso della missione e che si rivelano indispensabili per poter proseguire; questi poteri, per i quali è presente un indicatore di magia che va ricaricato raccogliendo opportuni cristalli, possono inoltre essere assegnati al tasto Y per un accesso più rapido e comodo. L'ultima sezione è costituita da tutte le azioni che potete far compiere a Tricky, il principe dinosauro che accompagna Fox durante gran parte della sua avventura e il cui aiuto si rivela assolutamente fondamentale nella risoluzione di certi enigmi e nella scoperta di luoghi segreti e nascosti.

    Conclusioni

    L'ultimo capitolo della saga di Starfox ha subito notevoli innovazioni rispetto al passato, e ha guadagnato molto dal talento e dalla dedizione dei ragazzi della Rareware; è uno dei giochi visivamente più belli ed appaganti per GameCube, ha uno stile tutto particolare che lo rende davvero magico e coinvolgente, ha una trama ben studiata e impegna il giocatore con un mix di azione, avventura ed enigmi della durata di più di 20 ore di gioco effettivo. E se questo non bastasse, Starfox Adventures ha ereditato gran parte del suo essere da una delle pietre miliari della storia dei videogiochi, e ne ha migliorato certi aspetti per essere ancora più piacevole ed appagante da giocare. Insomma, il mio consiglio è quello di non lasciarsi sfuggire questo capolavoro, se non altro per avere almeno nella propria softeca l'ultimo grande gioco Rareware su console Nintendo.

    Che voto dai a: StarFox Adventures

    Media Voto Utenti
    Voti: 13
    7.6
    nd

    Altri contenuti per StarFox Adventures