Super Cane Magic Zero Recensione: la follia di SIO in un videogioco

Dopo una lunga fase Early Access, Super Cane Magic Zero arriva finalmente su PC e console: lo abbiamo provato.

recensione Super Cane Magic Zero Recensione: la follia di SIO in un videogioco
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Switch
  • PS4 Pro
  • Simone Albrigi, in arte SIO, è uno dei fumettisti di maggior richiamo del panorama italiano. Coinvolto in numerosi progetti sul web e cartacei, impegnato politicamente ma anche proficuo creatore di humor e vignette comiche, nel corso del tempo ha costruito uno stile espressivo che oramai riusciamo facilmente a ricondurre al suo tratto e al suo approccio, indipendentemente dalla forma e dal mezzo utilizzati. Ciò accade anche per Super Cane Magic Zero, un action RPG fortemente influenzato dai roguelike più recenti del mercato indipendente, da The Binding of Isaac a Crypt of the Necrodancer, e chiaramente costruito, sia sul piano ludico che narrativo, con un tocco di nonsense tipico delle opere di Albrigi. Non si tratta però del classico prodotto confezionato per sfruttare il nome di un artista coinvolto: nonostante la semplicità di numerose delle sue parti, Super Cane Magic Zero riesce anche a sfruttare delle idee particolarmente interessanti.

    La minaccia del cane AAAAH!

    Tanto tempo fa, nella terra conosciuta come "Il Molise", viveva un commercialista di Bergamo. Ma non è questa la storia di Super Cane Magic Zero! Infatti, l'opera di Studio Evil ci parla del cane AAAH!, orfano del Mago Torta (chiamato così perché...fa le torte!), che per la tristezza a seguito della morte del padrone diventa un potente stregone canino, e ogni volta che abbaia accadono le cose brutte.

    Toccherà al nostro Coso, conosciuto anche come Zorg, o Zpruf, o A, B e C, riunire i rimanenti maghi più potenti del mondo di WOTF, e sconfiggere il Super Cane Magico AAAH!. Sì, questa è davvero la trama del GDR di Evil Studio, giusto per far capire il livello di assoluto distacco dalla realtà offerto dal gioco. Persino i rari enigmi ambientali che troveremo si basano sull'assurdo: se ci verrà chiesta una password speciale, la scopriremo nei modi più stupidi possibili, e se dovremo sbloccare delle linee di dialogo particolari, potremo osservare reazioni e risposte degli NPC al limite dell'illogico. Inoltre, il nostro protagonista, Coso, avrà un sistema di "credenze" che lo porteranno a credersi una cometa o una stella, e a cambiare quindi la sua stessa formazione fisica: nel primo caso sarà immune al ghiaccio, nel secondo alla lava, giusto perché vuole crederlo.

    Ciò, ovviamente, ha un impatto enorme anche dal punto di vista del gameplay, dato che potremo superare burroni di lava solo perché lo vogliamo! Il surreale ed il nonsense non dominano solo sul piano narrativo, poiché caratterizzano anche molte delle regole ludiche del gioco. Il rischio, per molti che non apprezzano la necessità di sperimentare sulla loro pelle le strutture e le meccaniche del titolo, è di ritrovarsi a subire danni auto inflitti o a perdere risorse particolarmente rare mentre si cerca di capire come si attivano un oggetto o un'arma.

    Infatti, da un punto di vista ludico, con Super Cane Magic Zero ci troviamo di fronte a un classico action RPG isometrico, in cui dovremo costruire una build in grado di reggere all'urto di numerosi nemici e pericoli ambientali, e adattando il nostro sistema di gioco ai livelli e alle armi disponibili. Il punto è che interagiremo con tonnellate di consumabili, risorse, vestiti, mutande, cani-cappello e grucce dell'armadio, ognuna potenzialmente utile in una certa situazione è totalmente inutile in un'altra.

    Spetterà al giocatore capire quando utilizzare ciascuno di questi oggetti, anche perché una delle più utili e al contempo pericolose interazioni di Super Magic Zero è quella di poter mangiare virtualmente ogni cosa che ci capita a tiro: persino alcuni collezionabili si potranno ottenere solamente in questo modo, richiedendoci un piccolo sacrificio in termini di salute (non deve essere semplice digerire un frigorifero!). Di conseguenza, per chiunque apprezzi l'umorismo di SIO, sarà estremamente divertente controllare gli effetti di questi oggetti, mentre per tutti gli altri simile meccanica potrebbe rivelarsi anche un fastidioso limite. Gli sviluppatori ne sono consapevoli, tant'è che dei quattro livelli di difficoltà disponibili, il primo garantisce sostanzialmente l'immortalità, e risulta palesemente pensato per chiunque voglia solo godersi senza impegno la follia di Super Cane Magic Zero.

    Esplorazione e combattimenti

    Sul piano squisitamente ludico, rispetto al potenziale umoristico offerto dai consumabili, si nota un certo ridimensionamento dell'estro produttivo, che riporta l'opera su binari ben noti. Avremo numerose armi di diverso valore e potere, caratterizzate da effetti differenti: il fuoco, ad esempio, danneggia molto i vegetali, la terra estingue il fuoco, e così via.

    Non è presente però una reattività dei controlli tale da rendere l'esperienza sufficientemente fluida, anche perché in alcuni frangenti il gioco soffre dei leggeri cali di frame a seconda del numero di nemici e personaggi presenti su schermo, che a volte possono tranquillamente superare la decina. Nonostante questo, però, il divertimento si mantiene comunque su buoni livelli per via di un design degli avversari ispirato e divertente, dotati di pattern comunque molto curiosi e freschi.

    Non manca comunque una grande varietà di dinamiche e mappe con cui interagire, da sfruttare per combinare esplosivi, zone di copertura dai proiettili, e quant'altro: ad esempio, se lanceremo in un burrone di lava i nemici vegetali, questi moriranno in un istante, mentre qualora scagliassimo al suo interno mostri di fuoco - considerata la loro affinità con l'elemento - finiremo per curarne la salute.

    Tutto questo ci impone quindi di analizzare l'ambiente e le minacce con più attenzione, ed agire di conseguenza. Inoltre, alcune trovate sceniche, come l'assenza di luce o la presenza di alcuni NPC che bloccano il passaggio, rendono più interessante l'esplorazione. Facciamo un altro esempio: in una zona immersa nel buio, per avere un briciolo di visibilità, dovremo portare con noi una lampada, la quale però rende molto più arduo combattere contro i nemici che incontreremo passo passo; ne consegue che il dungeon in questione promuove l'utilizzo delle armi a distanza per tentare di sopravvivere. In generale, il vero elemento negativo dell'esperienza, ancor più della semplicità forse eccessiva dei combattimenti, risiede in una certa quantità di grinding e farming di croccantini per cani (sì, sono la moneta del gioco!) necessari a sbloccare negozi e strutture che ci permetteranno, come in un metroidvania, di tornare in zone già esplorate, nel tentativo di scovare finalmente i percorsi che conducono ai vari maghi da liberare. Per fortuna, una direzione artistica complessivamente ispirata, sia dal punto di vista meramente estetico che musicale, riesce a rendere meno pesante e asfissiante la necessità di ripetere più volte alcuni passaggi.

    Una piccola nota finale spetta al multiplayer, che sembrava poter espandere il potenziale nonsense dell'opera ma che purtroppo risulta molto limitato. Le arene competitive non fanno altro che proporre armi e oggetti da usare e lanciare contro altri giocatori; in tal modo, Super Cane Magic Zero viene privato però delle sue caratteristiche più rilevanti, ossia il nonsense e le buffe interazioni ambientali, finendo inevitabilmente per perdere di mordente.

    Super Cane Magic ZERO Super Cane Magic ZEROVersione Analizzata PCSuper Cane Magic Zero emerge da anni di early access con una buona quantità di contenuti. Solidissimo dal punto di vista della direzione artistica, arricchisce l'esperienza ludica con alcune idee piuttosto numerose e interessanti, come il sistema di “credenze”. Nonostante la spiccata semplicità del sistema di combattimento, un mutiplayer poco rilevante e la gravosa necessità di farming e grinding per alcune sessioni dell'avventura, Super Cane Magic Zero riesce a tradurre appieno in formato videoludico le particolarità più marcate del fumettista SIO.

    7

    Che voto dai a: Super Cane Magic ZERO

    Media Voto Utenti
    Voti: 16
    7.2
    nd