Syberia 3: Recensione del DLC An Automaton with a Plan

Syberia 3: An Automaton with a Plan è un breve racconto punta e clicca che narra una vicenda inedita con protagonista l'automa Oscar...

recensione Syberia 3: Recensione del DLC An Automaton with a Plan
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Syberia 3 è croce e delizia di tutti gli appassionati della saga. C'è chi lo ha amato nonostante le imperfezioni tecniche e i controlli decisamente irritanti, c'è chi invece lo ha odiato senza pietà e senza sfumature. Di certo non è stato un successo di immagine per Microids, che ha rilasciato un prodotto tecnicamente grezzo, ben lontano dalla perfezione; tanto che, a dispetto del finale aperto, il futuro della saga è apparso sin da subito molto incerto.
    È stata quindi una sorpresa inaspettata l'annuncio di un DLC, gratuito su steam solo per chi già aveva acquistato il gioco, e scaricabile liberamente per tutti su playstation store e windows store: An Automaton with a Plan fa vestire al giocatore i panni di Oscar, il compagno automa di Kate Walker, e racconta una vicenda inedita che si inserisce tra le pieghe della storia principale di Syberia 3.

    Cuore di automa

    La tribù Youkol si trova allo stadio di Olimpia, costruito su di un tempio sacro. Durante la cerimonia sciamanica, Kate ha delle visioni della sua famiglia e del suo capo che le rammentano quanto lei ormai, per quel mondo, non sia nulla più che una reietta. È Oscar a svegliarla dalla trance e a riportarla nella sua yurta per la notte: lì Kate verrà drogata e catturata dall'investigatore Nick Cantin, incaricato di riportarla a New York ad ogni costo. La protagonista si risveglierà ancora confusa sul pavimento di quella che sembra una sala di comando, nella quale si intravede una figura sullo sfondo, forse Oscar. Kate perde nuovamente i sensi: Cantin è ora stramazzato al suolo, colpito da un gigantesco lampadario, e l'automa può finalmente liberare l'amica, che non avrà pace finché non sarà riuscita a comprendere fino in fondo lo svolgimento degli eventi. L'avventura si sviluppa quindi come un flashback alternato ai dialoghi dei due amici: il giocatore è chiamato a guidare Oscar nella sua missione di salvataggio e allo stesso tempo ad ascoltarne il resoconto, non sempre così fedele al corso degli avvenimenti.
    Se il gameplay vero e proprio si rivela estremamente semplificato e abbastanza deludente (il contenuto aggiuntivo non dura molto più di una mezz'ora, cutscene incluse) quello che è interessante è proprio l'alternanza tra i due piani narrativi del racconto e degli eventi come sono realmente accaduti.
    An Automaton with a Plan, più che a un'esperienza ludica vera e propria, assomiglia a quelle strisce a fumetti che accompagnano l'uscita di un film o un videogioco di successo, e che ci fanno scoprire qualcosa di più intimo e quotidiano riguardo alla vita e al carattere dei personaggi.
    Quei pochi, semplici puzzle altro non sono che il pretesto per far emergere la personalità di Oscar e per raccontare il suo rapporto di amicizia con Kate Walker, fatto di frecciatine ironiche e di manifestazioni di orgoglio che nascondono un affetto profondo e sincero.

    Dal punto di vista tecnico il DLC risente degli stessi problemi del gioco originale: caricamenti lunghi, un avatar incontrollabile che si perde facilmente negli angoli ed una grafica poco fluida. Dopo mesi dall'esordio, l'impatto col sistema di controllo è addirittura peggiore di quel che ricordavamo: Syberia 3, se non altro, aveva il pregio di portare gradualmente il giocatore da ambienti ristretti a luoghi più ampi, dandogli almeno la possibilità di abituarsi, una soluzione intelligente di game design che in questo add-on non è purtroppo presente. Unica nota positiva: alcune ambientazioni, assenti nel capitolo originale, non mostrano il fianco né ai rallentamenti né ai caricamenti infiniti del resto del gioco, segno forse che il team di sviluppo inizia a mostrare finalmente una maggiore dimestichezza con l'engine del gioco, il che ci fa ben sperare per eventuali futuri capitoli in grado di superare tutti gli ostacoli tecnici del terzo episodio.

    Syberia 3 Syberia 3Versione Analizzata PCAn Automaton with a Plan è una breve storiella di contorno che avrebbe potuto benissimo essere realizzata in forma di fumetto o di cortometraggio animato. I puzzle infatti sono pochi e estremamente semplificati e l’attenzione è tutta sulla personalità dell’automa Oscar e sul suo rapporto di amicizia con Kate Walker. È un piccolo divertissement della durata di circa 30 minuti, che tra una frecciatina di Kate e una smargiassata di Oscar scorrono via con leggerezza. È tutt’altro che un contenuto eccezionale ma, quantomeno, è stato rilasciato sotto forma completamente gratuita. Del resto, come recita il detto: “a struzzo gigante donato non si guarda in bocca”.

    6

    Che voto dai a: Syberia 3

    Media Voto Utenti
    Voti: 29
    7.2
    nd