That's You: Dimmi Chi Sei, gratis a luglio per gli abbonati PlayStation Plus

That's You: Dimmi Chi Sei è il primo gioco della collana PlayLink di Sony. Un party game semplice quanto estremamente divertente.

recensione That's You: Dimmi Chi Sei, gratis a luglio per gli abbonati PlayStation Plus
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PlayStation nasce da una carica rivoluzionaria non unica, ma ben tarata ed esplosa al momento giusto, lasciando Nintendo e SEGA a leccarsi le ferite davanti a un futuro divenuto improvvisamente presente, e che ancora non comprendevano. PlayStation 2 segue in scia la console precedente raddoppiando gli effetti speciali, ed è solo in tarda età che la seconda macchina da gioco Made in Sony stupisce con un nuovo slancio di ribellione creativa. Grazie ai team inglesi sui quali Sony aveva tanto investito negli anni precedenti, su Ps2 arriva una lunga scia di giochi molto semplici, diversi dal solito e, cosa ben più importanti, diabolicamente riusciti. Inizia così l'epoca del popolarissimo Singstar (riproposto in versione uber scomoda anche su PlayStation 4), di esperimenti "stracool" come Dj: Decks & FX, del gioco a quiz Buzz! di cui usciranno anche tantissime espansioni a tema.
    Arrivano anche timidi tentativi di software house incuriosite dal successo di questo filone, alcuni anche molto interessanti, come Scene It! per il Kinect di Microsoft, in cui si recita una scena e questa viene poi montata nel film famoso di turno. Sono tutti giochi di gruppo, o dai gameplay pensati per dare il meglio proprio durante delle occasioni sociali, ovvero tentativo di Sony di non farci spegnere la console nemmeno quando di solito lo avremmo fatto... hey, non sembra anche a voi quello che poi ha iniziato a fare Nintendo dal Wii in poi?
    Su PlayStation 3 ritroviamo Singstar e Buzz!, ma l'interesse oramai è scemato, o è convogliato sulla linea Wii, senza contare che PS3 ci mise un bel po' a riallinearsi a quel mercato di massa che le prime PlayStation dominarono tanto bene in passato. Un tentativo ci fu comunque, e ha il nome e la forma di un PlayStation Move, "un successo " che oggi la PSVR ha riportato momentaneamente in vita ma che in passato non riuscì a fare breccia sul pubblico. Con l'arrivo di giochi come Knack 2 e l'introduzione della collana PlayLink, di cui questo That's You: Dimmi Chi Sei! è il primo esponente, Sony sta cercando finalmente di farsi scoprire e riscoprire, da nuove generazioni e nuove fasce di pubblico che potrebbero finalmente sentirsi a proprio agio davanti a una console.
    Non sorprende scoprire che That's You: Dimmi Chi Sei! è ancora figlio della "terribile Albione", dove la birra è un MMO e certi loro giochi sembrano fatti apposta per accompagnare una o due pinte insieme agli amici, senza quella segregazione dal resto del gruppo che impongono i giochi "normali". E non sorprende nemmeno scoprire che tra le scrivanie dei Wish Studios, la software house responsabile, tra gli altri ci sono proprio gli stessi volti dietro alcuni dei giochi citati qualche riga sopra, tra cui il Paul Brooke che una volta militava alla Relentless Software, autrice non a caso di Buzz e Dj: Decks & Fx. Dimmi Chi Sei sa quello che vuole, e lo sa anche Sony visto che intelligentemente lo sta regalando proprio questo mese a tutti gli abbonati PlayStation Plus, mentre gli altri possono acquistarlo, anche in versione fisica, al prezzo di 19,99 Euro.

    Tieniti e dadi e mettici la faccia

    Prima idea geniale, già utilizzata nell'ultimo Singstar del resto: non si usano pad, o microfoni, ma tutte le interazioni verranno consumate attraverso uno smartphone o un tablet. In pratica, per giocare a Dimmi Chi Sei!, ognuno dovrà tirare fuori il suo dispositivo e scaricare l'applicazione naturalmente già disponibile per piattaforme Android e iOS (prima dell'acquisto del gioco controllate se la vostra è compatibile!). Dimmi Chi Sei! supporta da un minimo di due a un massimo di sei giocatori, ma è bene sapere che in due si limiterà ad offrire un breve test di compatibilità, quindi non si potrà mettere mano alla vera ciccia del gioco in questione. Nella modalità di gioco principale, disponibile da tre giocatori in poi, per prima cosa è necessario scattarsi una foto, che il gioco si premunirà di modificare a piacimento per trasformarla nella perfetta "pedina" di Dimmi Chi Sei!. Da qui in poi, i partecipanti verranno inondati di domande e sfide decisamente molto divertenti, che sfrutteranno il dispositivo in mano a ciascuno di loro in modo sempre diverso. In un round, Dimmi Chi Sei! potrebbe chiedere al gruppo di scegliere chi di loro uscirebbe con uno sconosciuto, o riderebbe alle battute sceme della professoressa, e nel successivo di scattare una foto a un giocatore ben preciso per poi modificarla con il programma di disegno incluso nell'app di gioco. Se nel primo caso è la maggioranza a vincere il round, in casi come quest'ultimo allo scadere del tempo tutti i disegni verranno mostrati sullo schermo televisivo e successivamente votati dai giocatori in modo da decretare insieme il migliore. Ma le varianti sono davvero molte, le domande presenti infatti sono ben 1.000 e spaziano su argomenti diversi, come l'amore, la scuola e gli hobby...La cosa migliore, però, è che da come è impostato il gioco non sono domande che invecchiano nel tempo, ma che prendono forza di volta in volta dallo stile e dall'ironia dei partecipanti.

    L'aspetto più riuscito di Dimmi Chi Sei! secondo noi è proprio questo: si tratta di un quiz a tutti gli effetti, ma lo spunto comico e la risposta giusta cambiano in base ai giocatori, non come nel vecchio Buzz o nel classico Trivial Pursuit dove una volta che sai la maggior parte delle risposte se ne va via un bel pezzo del divertimento. Dalle opzioni è possibile anche attivare e disattivare del filtri, in modo da evitare domande pruriginose (ma sempre molto ma molto soft, eh!) quando giocate con vostra nonna e con il nipotino. Naturalmente serve un briciolo di autoironia altrimenti c'è anche il rischio che qualcuno finisca di giocare col broncio (ma in questo vi consigliamo di rincarare la dose!). Inoltre, sempre dalla app gratuita, è anche possibile creare nuove domande, in modo da rendere Dimmi Chi Sei! sempre più simile a come lo vogliamo noi.

    That's You: Dimmi Chi Sei! That's You: Dimmi Chi Sei!Versione Analizzata PlayStation 4Fa ridere tantissimo e a volte imbronciare, anche se questo porta ad altre risate e ad altre prese in giro. Un esperimento riuscitissimo, grazie anche all'eccezionale livello della produzione dove tutto è bello e rifinito, sia dal punto di vista tecnico che artistico, per un'esperienza sorprendentemente piacevole a trecentosessanta gradi. In That's You: Dimmi Chi Sei! c'è qualità, longevità e un prezzo ottimo anche per chi non lo scaricherà da abbonato Plus. E non sottovalutiamo il fattore rimorchio: questo è il tipico gioco di società dove si genera quel genere di chiacchiericcio amichevole che può anche portare addirittura verso un feeling particolare con uno dei concorrenti, e questo non è affatto poco! C'è anche una modalità online, ma la vera forza di questo gioco è quella di interagire con chi ti sta accanto, ed è proprio su questa caratteristica che sono basate molte delle sue domande e sfide. L'app, oltre che a permettere di creare nuove domande per giocarci poi su Ps4, propone anche un simpatico gioco di disegno da giocare solo in versione mobile. Se siete dei tipi solitari lasciate perdere, ma se ogni tanto organizzate feste o festicciole, beh, non c'è altro da aggiungere, specialmente in piena estate!

    8

    Che voto dai a: That's You: Dimmi Chi Sei!

    Media Voto Utenti
    Voti: 20
    7
    nd