The Outer Worlds: Assassinio su Eridano, la recensione del secondo DLC

Assassinio su Eridano propone un'avventura investigativa intrigante e sfaccettata, senza però offrire grandi variazioni rispetto al passato.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • A sei mesi circa dall'approdo su Gorgone, la location del primo DLC di The Outer Worlds (per approfondire ecco la recensione di The Outer Worlds Pericolo su Gorgone), la ciurma dell'inaffidabile si appresta ad affrontare una nuova avventura tra le stelle di Alcione, in più di un senso. In Assassinio su Eridano saremo infatti chiamati a risolvere il mistero dietro lo sconvolgente omicidio di una delle attrici più famose dell'intero sistema stellare, tra le pagine di una "detective story" tanto surreale quanto esilarante.

    Un nuovo caso per il capitano dell'Inaffidabile

    Un omicidio misterioso, una schiera di sospetti eccellenti, l'ombra di una intrigo corporativo, e al centro di tutto un detective improvvisato con l'acume di un rapace e la sensibilità di un comodino, o viceversa. Assassinio su Eridano trascina i giocatori tra le nubi di un arcipelago fluttuante per vivere un'avventura "a tinte gialle" e carica di sfumature piacevolmente pulp, che gioca con i cliché del genere lasciando ai giocatori la libertà di definire il carattere del proprio investigatore.

    Che decidiate di affrontare il caso con la cinica freddezza di un detective hard boiled alla Marlowe, o con la pacata meticolosità di un Poirot del futuro, il vostro compito sarà quello di scovare l'autore di un delitto tanto efferato quanto inspiegabile: qualcuno ha ucciso Helen Alcione, la più grande star "etervisiva" della galassia nonché volto delle distillerie Rizzo, in procinto di presentare una nuova varietà di "spettrovodka" presso il gran salone del sontuoso Grand Colonial Hotel.

    Una volta accettato l'incarico, saremo quindi chiamati a raggiungere l'albergo per esaminare di persona la scena del crimine e dare ufficialmente il via alle indagini, che coinvolgeranno diversi personaggi di spicco dello star system di Alcione, tra le maglie di un caso d'omicidio con risvolti sorprendentemente intricati e perversi. Per facilitare l'investigazione, al nostro alter ego verrà subito consegnato uno strumento all'avanguardia in grado di tracciare ed analizzare le prove rinvenute sul campo: l'Amplificatore di Discrepanze. Sviluppato dalla dottoressa Goodnight, il medico legale della colonia, questo scanner senziente introduce quella che, di fatto, è l'unica meccanica inedita presente nel DLC: puntando l'apparecchio verso uno dei punti d'interesse presenti nello scenario, potremo infatti esaminare gli indizi che ci serviranno per vagliare ogni possibile pista, e "spremere" al meglio i sospettati. Se da una parte l'introduzione di una dinamica nuova di pacca rappresenta un punto a favore per l'offerta di Assassinio su Eridano, specialmente in relazione alla rotta totalmente conservativa vista in Pericolo su Gorgone, va detto che si tratta di un elemento non particolarmente sviluppato, che perde attrattiva piuttosto rapidamente.

    Le "fasi investigative" del DLC risultano infatti piuttosto elementari e ripetitive, e pertanto non riescono ad alterare in maniera consistente le routine ludiche del gioco base, al centro di un gameplay che mantiene sostanzialmente intatto il proprio bilancio di pregi e difetti. L'elenco dei primi comprende ovviamente una scrittura briosa e fieramente sopra le righe, che sostiene e alimenta l'interesse del giocatore per tutta la durata del contenuto (tra le 5 e le 7 ore), dispensando continuamente dosi abbondanti di umorismo nero e satira pungente.

    Obsidian non si smentisce, nel bene e nel male

    Ora come al lancio, infatti, il principale punto di forza della produzione resta l'indiscutibile talento di Obsidian per la costruzione narrativa (per approfondire ecco la recensione di The Outer Worlds), per la caratterizzazione di personaggi e storie attraverso dialoghi e trovate brillanti, sempre con un occhio di riguardo per la dimensione ruolistica dell'esperienza, sia in termini di libertà d'interpretazione sia per quel che concerne il rapporto tra statistiche e possibilità d'approccio - almeno sul fronte delle conversazioni.

    Da questo punto di vista, Assassinio su Eridano mostra un significativo passo avanti rispetto al precedente DLC, anche per quanto riguarda la coerenza col tema da "crime fiction" dell'espansione e l'organicità del racconto. Quasi tutte le missioni secondarie - non in gran numero ma ben realizzate - contribuiscono in qualche modo ad arricchire l'indagine al centro di una campagna che, malgrado qualche occasionale fluttuazione qualitativa, mantiene alto il coinvolgimento fino alle battute conclusive. È proprio sul finale, purtroppo, che l'intreccio ordito da Obsidian perde parte del suo slancio: senza anticipare troppo, possiamo dirvi che l'ultimo tratto dell'investigazione mostra qualche evidente forzatura narrativa, che in ogni caso non inficia in maniera netta l'efficacia generale del racconto.

    Nel complesso, insomma, Assassinio su Eridano ribadisce a chiare lettere gli intenti di Obsidian per il supporto post lancio di The Outer Worlds: proporre agli appassionati nuovi motivi per esplorare il Sistema di Alcione, lungo una rotta sì conservativa ma tutto sommato funzionale. Un discorso che riguarda anche l'offerta contenutistica in senso più ampio: il nuovo DLC non include infatti grandi novità né sul fronte dell'equipaggiamento, né per quanto riguarda l'assortimento dei nemici, entrambi recuperati quasi in toto dal gioco originale.

    Ci sono un paio di intriganti eccezioni, come una spettacolare gatling a spettrovorka o un parassita vermiforme di dimensioni davvero preoccupanti, ma vi invitiamo comunque a non aspettarvi grandi variazioni rispetto al catalogo di base.

    Passando allo scenario, l'arcipelago di isole sospeso tra le nubi di Eridano merita sicuramente un posto d'onore tra le ambientazioni più suggestive di Alcione, grazie soprattutto ai meriti di una direzione artistica decisamente ispirata, che allieta i sensi con un mosaico di scorci di grande impatto, in grado di bilanciare i difetti di un comparto tecnico tutt'altro che esaltante.

    Di contro, però, la nuova location non brilla certo per varietà, e anche il level design non risulta pienamente convincente, in particolar modo sul versante della gestione degli spazi e della navigabilità. Possiamo assicurarvi che, nel corso delle ore, la prospettiva di attraversare l'ennesimo ponte sospeso si farà sempre meno allettante, malgrado le meraviglie paesaggistiche della colonia, intrisa di splendore naturale e decadente opulenza.

    The Outer Worlds: Assassinio su Eridano The Outer Worlds: Assassinio su EridanoVersione Analizzata PCDopo le sfumature noir del precedente Pericolo su Gorgone, Assassinio su Eridano cala i giocatori tra le pagine di una “detective story” intrigante e ben confezionata, che ribadisce a gran voce il talento di Obsidian per la scrittura. Malgrado qualche occasionale fluttuazione qualitativa e un piccolo cedimento nelle battute finale, infatti, la storia del DLC si mantiene sugli ottimi livelli visti tanto nel gioco base quanto nella precedente espansione. Sebbene la nuova meccanica investigativa contribuisca, almeno inizialmente, a infondere una nota di freschezza nel gameplay, Assassinio su Eridano resta un DLC fortemente conservativo sia in termini di design che di assetto contenutistico. Il bilancio generale dell’offerta risulta comunque leggermente superiore rispetto a quello del precedente contenuto scaricabile, e pertanto non abbiamo alcun dubbio sul fatto che gli amanti del titolo di Obsidian troveranno su Eridano ottime ragioni per tornare a visitare il Sistema di Alcione.

    CONFIGURAZIONE PC DI PROVA

    • CPU: i7 7740X
    • RAM: 16 GB DDR4
    • GPU: RTX 2080 Super
    7.5

    Che voto dai a: The Outer Worlds: Assassinio su Eridano

    Media Voto Utenti
    Voti: 2
    7.5
    nd