Recensione The Wind Waker

Leggi la nostra recensione e le opinioni della redazione sul videogioco The Wind Waker - 531

Articolo a cura di
Disponibile per
  • NGC
  • Introduzione

    Da quasi 20 anni e dall'uscita del primo "The Legend of Zelda" (cartuccia dorata per NES 8 Bit), il nome Link è stato per tutti i videogiocatori il simbolo di mille avventure, grande magia e immenso coinvolgimento. Ogni capitolo di questa saga ha sempre provocato una grande attesa, sempre ripagata dalla buona se non ottima fattura del gioco. Gioco che non può essere semplicemente inscatolato e catalogato come un unico genere, ma che racchiude in sè elementi di Action-RpG e di J-RpG, di Avventura Grafica e di Platform. Molti capitoli della Leggenda si sono susseguiti, fino ad arrivare a quello che la critica (e non solo) ha incoronato come miglior videogioco di sempre: lo splendido "Ocarina of Time", su Nintendo 64. Poi i tempi sono cambiati, e le cartucce del N64 si sono evolute nei Mini-DVD del Nintendo GameCube. L'annuncio di un nuovo capitolo di Zelda ha fatto piombare la maggior parte dei videogiocatori in uno stato di attesa snervante.
    E finalmente rieccolo. La casa della grande N ha lanciato sul mercato il gioco che per molti (me compreso) è significato l'acquisto del Nintendo GameCube. Ha lanciato sul mercato l'ennesimo ritorno della Leggenda. Finalmente Link è tornato e, dopo questa titanica avventura, difficilmente ce lo dimenticheremo. Tutto questo è "The Wind Waker", l'ultimo capitolo di "The Legend of Zelda", che vede come protagonista un ragazzino vestito di una tunica del colore dei prati e armato di una spada in grado di esorcizzare il male; e una Principessa, la Principessa Zelda, che l'Eroe dovrà salvare dalla sete di potere del malvagio Ganondorf. La Leggenda è rinata...

    La trama

    E' il giorno del compleanno del giovane Link, sull'Isola Primula. Al raggiungimento dell'età della giovinezza, è costume vestire i festeggiati nello stesso modo in cui era vestito l'Eroe del Tempo (il Link di "Ocarina of Time") quando ha salvato il mondo, ovvero con una tunica verde. Lo stesso giorno un grande pennuto plana sull'isola e, colpito dalla cannonata di una nave pirata, lascia cadere la sua preda, Dazel. Per ripicca l'uccellaccio rapisce la sorella di Link, Aril, e la porta su un'altra isola, la Fortezza dei Demoni. Link decide dunque di impugnare la spada donatagli da un anziano dell'Isola Primula e lo scudo di sua nonna e partire, con il gruppo di pirati capitanati da Dazel, alla volta della Fortezza dei Demoni, per capire cosa si nasconde dietro al rapimento della sua sorellina. Questo è solo l'inizio di un'immensa avventura, che porterà Link a solcare i mari, insieme alla sua barchetta rossa parlante Re Drakar, alla scoperta di ben 49 isole, di tesori sommersi, di nemici enormi e fortissimi con l'obiettivo finale di distruggere il nemico di sempre, Ganondorf e riportando pace e serenità nel mondo.

    Tecnicamente parlando...

    E' un cartone animato. Questo è il primo pensiero di chi inserisce il Mini-DVD nel NGC e preme il pulsante Power. E' inutile cercare difetti nella maestosa grafica in Cel-Shading di questo gioco, non ne ha. Basta soffermarsi a scrutare le varie espressioni di Link e degli altri personaggi oppure osservare le onde sollevate dalla barca, o ancora assistere alle varie esplosioni, per capire che Nintendo ha fatto un lavoro sublime. Anche le varie locations sono ben dettagliate e quasi tutte sono dotate di una colonna sonora propria. Colonna sonora che, seppur non raggiungendo quella di "Ocarina of Time", è molto ben fatta e soprattutto calza a pennello in ogni situazione. Nei vari passaggi del gioco (quando viaggiamo in mare, quando affrontiamo un nemico, quando approdiamo su una delle numerose isole...) saremo accompagnati da litanie appropriate e mai ripetitive. Perfino l'evolversi della giornata è curato nei minimi dettagli e, oltre ad essere uno spettacolare effetto grafico, sarà utile per terminare il gioco al 100%. Infatti, di notte e con una particolare posizione della luna, su alcune isole potrebbero succedere particolari fatti che ci permetteranno di scoprire le miriadi di segreti presenti in questo titolo.

    Sistema di Gioco

    Due parole vanno spese sul sistema di gioco di questo titolo. Oltre al Gameplay spettacolare, "The Wind Waker" si avvale di alcune caratteristiche che lo rendono un gioco unico: la World Map smisurata e la "Bacchetta del Vento".

    La World Map
    Viaggerete in solitudine con il solo ausilio della vostra barca parlante. In contrapposizione alla relativamente piccola mappa di "Ocarina of Time", in questo capitolo della Leggenda vi è un immenso mare, diviso in quadranti, ciascuno dei quali contiene un'isola con particolari caratteristiche, un pesce che se nutrito vi darà informazioni sull'area, e un tesoro sommerso raggiungibile grazie alle apposite mappe che troverete nel corso dell'avventura. Su ogni isola c'è qualcosa da fare e, se vorrete completare il gioco al 100%, dovrete scoprire cosa. In quasi ogni quadrante inoltre, potremo trovare molti nemici (tra cui piovre giganti) e molte torri di vedetta in cui quasi sempre troveremo tesori o monete (le care vecchie Rupie). E' anche possibile teletrasportarsi in alcuni luoghi grazie alle trombe d'aria presenti in alcune parti dell'oceano se, naturalmente, si troverà il modo per domarli.

    La Bacchetta del Vento/Combattimento/Crescita
    In sostituzione alla mitica Ocarina, Link in questo capitolo verrà in possesso di una particolare bacchetta, la Bacchetta del Vento (da quì il titolo "The Wind Waker", il risvegliatore di venti). Grazie all'ausilio di questa bacchetta, e le melodie che l'eroe imparerà durante la sua avventura, esso potrà in principio direzionare i venti, ma più avanti riuscirà a far accadere fatti straordinari che gli spianeranno la strada e gli permetteranno di proseguire lungo la propria via.
    I combattimenti sono strutturati come il più classico degli Action RpG, ovvero spadate a volontà (con la possibilità di eseguire colpi segreti più potenti del normale), lanci di boomerang e martellate. Per ogni boss dovremo utilizzare una strategia diversa i molti oggetti che raccoglieremo strada facendo saranno fondamentali nelle battaglie. La crescita del personaggio sarà legata al ritrovamento dei famosi portacuori e dei frammenti di cuore (4 per formare un portacuore intero). Ne troveremo davvero tanti sulla nostra strada e, alla lunga, questo ci semplificherà non di poco le cose.

    Conclusioni

    Non avete mai giocato un capitolo della Leggenda? Cosa aspettate? Questa è la vostra occasione. Un Gioco (con la G maiuscola) così, non può assolutamente mancare nella vostra collezione personale. Ottimo sia per coinvolgimento e longevità, pecca forse nella semplicità della trama e nell'eccessiva facilità, una volta raggiunto un numero neanche troppo alto di portacuori. Difetti che in ogni caso decadono di fronte alla realizzazione tecnica che rasenta la perfezione. Inoltre per qualche tempo sarà ancora disponibile sugli scaffali dei negozi l'Edizione Limitata, contenente oltre a "The Wind Waker", anche il suo predecessore "Ocarina of Time" e una sua versione con alcune difficoltà supplementari: "Ocarina of Time: Master Quest". E chi se la lascia sfuggire questa occasione più unica che rara?

    Che voto dai a: The Legend of Zelda: The Wind Waker

    Media Voto Utenti
    Voti: 87
    8.9
    nd