Recensione Turmoil

Uscito dall'Early Access proprio in questi giorni, Turmoil ci porta sul finire del 1800, durante una spietata corsa all'oro nero, per un gestionale dalle meccaniche semplici e lineari.

Versione analizzata: PC
recensione Turmoil
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

Dopo aver passato oltre un anno in early access, finalmente anche Turmoil approda sullo store di Steam. Il titolo in questione è uno strategico dai ritmi molto blandi, sviluppato dai semi sconosciuti ragazzi olandesi di Gamious: il team, in passato, ha dato vita a giochi molto semplici, basati quasi esclusivamente su un gameplay ben oliato, tanto immediati quanto coinvolgenti. Turmoil segue questa precisa filosofia, cercando di rapire letteralmente il giocatore con lunghe e rilassanti sessioni di gioco, senza mai snervarlo o complicargli troppo la vita.

Oro nero

Ci troviamo nel 1889, con la caccia al petrolio esplosa in tutto il continente americano e i più ricchi magnati intenti a estrarre barili di oro nero nascosto nel sottosuolo. Dame annoiate, mandriani in pensione e semplici affaristi in cerca di guadagno facile si dovranno quindi sfidare per ottenere più petrolio possibile, attraverso una campagna in grado di tenervi impegnati per circa una decina di ore abbondanti. L'idea messa sul piatto da Gamious è estremamente semplice e di facile lettura, richiedendovi di costruire pozzi di aspirazione e creare una rete di tubature efficace per raccogliere il petrolio, e poi venderlo, ovviamente, al miglior offerente. Il gioco mette così in mostra due facce della stessa medaglia: ad una componente lenta e ragionata, dedicata alla gestione delle vostre strutture, se ne alterna una dal risvolto più frenetico, per evitare che i vostri barili vi vengano sottratti con pochi centesimi di guadagno.

Prima di arrivare al vero cuore dell'azione però, Turmoil vi guiderà passo passo per capire le poche ma fondamentali meccaniche di gioco. Dovrete iniziare ovviamente con l'accaparrarvi un pezzo di terreno, uno tra i centinaia di lotti messi all'asta dalla banca di turno. Qui la fortuna svolge un ruolo fondamentale, dato che non esistono indizi per sapere quale sia il terreno più proficuo e che i vostri avversari, controllati dall'intelligenza artificiale, potrebbero volutamente alzare l'offerta per farvi buttare via soldi preziosi. Le vostre finanze devono quindi essere ben gestite ancora prima di iniziare la partita e, soprattutto, dovrete tentare di pianificare una strategia vincente che possa ricompensarvi sul lungo periodo. L'IA parte comunque molto lentamente e, nelle prime ore di gioco, quando lo spazio sarà particolarmente esteso, difficilmente verrà a calpestarvi i piedi, diventando via via sempre più aggressiva con le offerte mano a mano che vi avvicinerete all'esaurimento delle zone disponibili.
Con un contratto in mano e un terreno edificabile sotto i vostri piedi, finalmente potrete dare il via alle trivellazioni. Turmoil mostra però livelli di gioco completamente privi di indizi e un tempo limite, scandito dallo scorrere dei giorni sul calendario, che vi metterà non poca pressione. Starà a voi quindi, con i duemila dollari iniziali, assoldare dei rabdomanti che sondino il terreno alla ricerca di giacimenti e poi affidarvi alla fortuna mentre create alla cieca le vostre tubature. Solo scavando riuscirete infatti ad avere una visione più chiara di ciò che avete sotto i piedi e non appena la vostra pompa colpirà una sacca di petrolio dovrete iniziare a rimboccarvi le maniche. La raccolta avviene completamente in automatico, mentre dovrete gestire lo stoccaggio del petrolio extra nei silos e la vendita dello stesso alla Left inc e alla Right inc. Le due società in questione sono però in totale rivalità e i prezzi a cui sono disposte a comprare variano costantemente, obbligandovi a gestire in maniera estremamente oculata la vendita. Dimenticatevi di controllare il mercato e i vostri operai venderanno i barili raccolti al prezzo di qualche nocciolina, facendovi rischiare pericolosamente la bancarotta. È un sistema di gioco, come dicevamo in apertura, molto semplice ma che richiede costanza ed attenzione e per questo stimola il giocatore.

Il gameplay alla fine è racchiuso tutto qui ma non mancano ovviamente tanti piccoli stratagemmi per rendere le cose più interessanti e varie con il passare delle ore. Le sacche di petrolio, nei livelli avanzati, potrebbero ad esempio essere circondate da rocce che vi costringeranno a trovare nuove strade per raggiungere il vostro obiettivo, e in città, tra un match e l'altro, potrete spendere parte dei vostri guadagni per potenziare strutture e mezzi di raccolta, o persino assoldare talpe addestrate che possano darvi maggior visione del terreno da scavare. Ogni singolo dollaro guadagnato e speso entra quindi nel bilancio globale della partita, e scelte che inizialmente sembrano non avere alcun peso, con il passare delle ore si potrebbero trasformare in debiti particolarmente difficili da sanare.
Turmoil è un gioco essenziale persino per quel che riguarda l'interfaccia e la grafica. La pulizia delle due dimensioni, unita a colori molto uniformi, regala un'esperienza visiva estremamente piacevole, quasi facendo passare in secondo piano le animazioni non particolarmente curate. Per quanto il prezzo budget di meno di 10 euro indichi un prodotto senza grosse mire, la produzione porta in dote la localizzazione quasi completa in italiano (ad eccezione dei balloon dei dialoghi, che sono stati lasciati in inglese per non modificare gli assets del gioco), rimarcando una buona cura per un progetto che, a conti fatti, merita almeno un'occasione.

Turmoil Turmoil è un gioco estremamente semplice e, proprio per questo, capace di tenere legato il giocatore allo schermo per ore. L'idea più geniale che il titolo mette in campo riguarda la fluttuazione costante del prezzo del petrolio, una meccanica che da sola alza il livello d'attenzione al punto tale da scongiurare la noia. La ripetitività d'altro canto è in agguato e, nonostante la varietà di situazioni che vi troverete ad affrontare livello dopo livello, difficilmente vi cimenterete in una nuova campagna dopo aver portato a termine la vostra prima run.

6.8

Che voto dai a: Turmoil

Media Voto Utenti
Voti: 7
7.9
nd