PSVR

WipEout Omega Collection VR Recensione: corse a gravità zero in Realtà Virtuale

Non aspettatevi niente di meno che l'eccellenza da WipEout Omega Collection VR, a patto di reggere la pressione!

recensione WipEout Omega Collection VR Recensione: corse a gravità zero in Realtà Virtuale
Articolo a cura di
Francesco Serino Francesco Serino ha videogiocato tanto e a tutto, posseduto due diversi Tamagotchi e abbandonato un Furby in autostrada. Mentre cresceva i pixel rimpicciolivano, mentre leggeva ha iniziato a scrivere. E ora eccolo qua, dopo un salto nello spaziotempo atterra su Everyeye, ma già da tempo è su Facebook, su Twitter e su Google Plus.
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • La WipEout Omega Collection, "fusione" straordinaria tra la versione Fury e quella HD del futuristico racing game di Psygnosys, è senza dubbio una raccolta di altissimo livello, e potete facilmente scoprire il perché attraverso la recensione pubblicata su Everyeye in concomitanza con il suo arrivo su PlayStation 4. Eppure mai ci saremmo immaginati che a distanza di una manciata di mesi, gli sviluppatori rendessero disponibile gratuitamente una patch in grado di trasformare questo pacchetto delle meraviglie non solo in uno dei migliori prodotti per la realtà virtuale di sempre, ma anche e soprattutto in un'esperienza che è di fatto la perfetta incarnazione del futuro che Wipeout stesso, dal suo indimenticabile debutto sino ad oggi, ha provato a rappresentare attraverso la sua acidissima iconografia.

    Firestarter

    Giocare Wipeout tramite il PlayStation VR è infatti un'esperienza fuori dal comune, specialmente per tutti coloro che ai tempi del suo debutto ne hanno apprezzato grafica, sonoro e giocabilità, vivendo anche in prima persona quella sottocultura di cui è stato fiero e stroboscopico portavoce.

    Anche se il capitolo più rappresentativo, quel Wipeout 2097 che in un solo cd-rom racchiude ancora oggi un'intera decade di catarifrangente disillusione giovanile, non è presente nel pacchetto, attraverso la realtà virtuale il suo spirito aleggia pressoché intatto, se non addirittura massimizzato in una vera e propria esaltazione digitale.
    Quando ti ritrovi la prima volta all'interno dell'abitacolo di uno dei basculanti vascelli del gioco, altezza pista naturalmente, sovrastato dai marchi Feisar in rotazione olografica, puoi soltanto sperare di sopravvivere a quella che è a tutti gli effetti la realizzazione in scala 1:1 di un mondo immaginario passato, panic room per una "jilted generation" costretta a pagare lo scotto di essere stata troppo giovane nel vecchio mondo, e troppo vecchia per tenere il passo alla rivoluzione digitale ancora in corso. Costantemente fuori posto, ne trovarono uno nella jungle che risuonava tra le precarie arcate di palazzi occupati, recitando da cyberpunkers, vivendo un po' di Trainspotting a testa. Si sopravviveva agli immancabili down usando le tortuose piste di Wipeout come corroborante popper, per non decelerare mai, per correre a perdifiato verso un'idea di futuro, lo stesso che gli avrebbe finalmente dato ragione, che solamente ora sembra aver trovato la sua giusta connotazione temporale. Wipeout attraverso la realtà virtuale è quindi solo in parte gioco, e solo dopo essere un vero e proprio museo per reduci, oltre che mausoleo per chi per quel decennio di libertà lo ha pagato decisamente troppo caro. Col visore in testa, e il gioco che prende vita attorno a te, non puoi che pensare "ci siamo, il futuro è adesso", per tornare a macinare record come un tempo saltellavi in pista a forza di Born Slippy.

    Aerodinamik

    Basterebbe questo per rendere la versione in realtà virtuale un capolavoro, eppure gli sviluppatori non si sono accontentati. Come forse già saprete, la modalità VR della Omega Collection non è un contenuto a parte, un piccolo segmento di gara come avviene in GT Sport, per esempio, ma è a tutti gli effetti la Collection originale, completa nella sua interezza. Nulla è rimasto fuori, nemmeno la grafica: che utilizziate PlayStation Pro o una Ps4 liscia, il risultato è stupefacente, grazie a un downsampling che in ogni caso garantirà dei 1080p pulitissimi, con tanto antialiasing di prima qualità. I 60fps sono naturalmente un obbligo per ogni gioco dedicato alla realtà virtuale, e questa Omega Collection non fa eccezione. Si nota, rispetto al titolo in versione tradizionale, qualche piccola differenza in termini di luce e luminosità: non si tratta però di un ritocco al ribasso, bensì di modifiche studiate per dare il meglio attraverso i calibratissimi schermi del PlayStation VR.

    Wipeout non è certo una produzione adatta ai neofiti della realtà virtuale: serve un minimo di "gamba" per sopravvivere indenni (senza giramenti di testa) a un primo velocissimo giro, ma gli aiuti inclusi sono tanto intelligenti quanto efficaci, ed il risultato finale si dimostra comunque incredibilmente confortevole. Di default, utilizzando la visuale interna, durante le curve a ondeggiare sarà soltanto l'esterno della navicella, mentre il cockpit rimarrà di fatto sempre in linea con la pista, per un'idea semplice e geniale, in grado di non intaccare minimamente la sensazione di essere alla guida di una velocissima vettura a levitazione magnetica, ma garantendo minimi rischi di motion sickness. Il gioco può anche essere fruito con visuale esterna, e in certe gare non è male poter variare, ma naturalmente il meglio lo si vive da dentro: quando puoi sentire fischiare i missili avversari a un metro dai motori, quando durante i sorpassi rallenti e con la vista accompagni il rivale più vicino proprio fin davanti ai tuoi cannoni pronti a far fuoco.

    Wipeout Omega Collection Wipeout Omega CollectionVersione Analizzata Playstation 4 ProContinuiamo a credere che per dare il meglio, simile tecnologia abbia bisogno di giochi creati appositamente, eppure tale granitica convinzione inizia vacillare nel vedere i risultati di questi ultimi adattamenti, partendo da Skyrim VR fino ad arrivare all’incredibile esperienza chiamata Omega Collection. Il lavoro tecnico è encomiabile, il risultato finale onirico e portentoso. Per tutti i possessori del PlayStation VR, insomma, un’opera assolutamente imprescindibile.

    9

    Che voto dai a: Wipeout Omega Collection

    Media Voto Utenti
    Voti: 43
    8.7
    nd