Far Cry 6: Recensione del DLC Collasso con Joseph Seed di Far Cry 5

Con Collasso si conclude il Season Pass di Far Cry 6: il viaggio nella mente del Padre Joseph Seed è all'altezza dei due precedenti DLC?

Far Cry 6: Recensione del DLC Collasso con Joseph Seed di Far Cry 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Xbox Series X
  • Con il contenuto dedicato a Joseph Seed, lo squilibrato antagonista di Far Cry 5, volge al termine il supporto post lancio del sesto capitolo della serie: come avevamo profetizzato nella recensione del DLC Control di Far Cry 6 su Pagan Min, anche questo terzo tassello del mosaico sulla follia propone la stessa identica formula ludica e quasi il medesimo livello qualitativo dei due atti precedenti. Ancora una volta, in Collasso ci troviamo dinanzi a un'esperienza di stampo roguelike, dove a ogni morte occorre ripartire dal principio per trovare una via di fuga dalla mente di Seed, funestata dalla voce del Signore e frustata dal tormento. Il senso di déjà-vu, per ovvie ragioni più marcato che mai, si percepisce però con maggior intensità, e questo è un peccato può esser perdonato solo se la vostra fede verso il Padre è più ampia dell'amore che avete provato per Vaas e Pagan Min (volete rinfrescarvi la memoria sugli antagonisti? Recuperate lo speciale su Far Cry 6 e la follia dei villain).

    I peccati del Padre

    Torturato dal senso di colpa per ciò che ha fatto alle persone a lui più care, Joseph Seed è ormai solo l'ombra dell'uomo probo che era convinto di essere. Forse è però ancora in tempo per rimediare, ritrovare la retta via, purificare il proprio spirito e liberarsi di quella Voce che gli martella la testa. Per farlo, il Padre dovrà ricomporre i tre pezzi della Croce (così come avvenuto per il pugnale di Vaas in Insanity e la maschera di Pagan in Control), cercando al contempo di combattere contro i suoi stessi pensieri, e gli incubi che si materializzano dinanzi ai suoi occhi.

    Per quanto le premesse narrative di Collasso siano molto simili a quelle dei primi due DLC, l'incipit e lo svolgimento ci hanno convinto in misura minore: lo scandaglio nella psiche di Joseph non aggiunge nulla di incredibilmente rilevante al racconto intessuto in Far Cry 5, e il profilo del villain non ne esce arricchito in maniera davvero considerevole. Bisogna comunque ammettere che alcune sequenze, specialmente quelle presenti nelle missioni secondarie chiamate Rivelazioni, aiutano a tratteggiare con più enfasi le personalità della famiglia Seed. Purtroppo, non c'è molto altro. Tra proiezioni dei fantasmi della mente, timide rivelazioni e visioni apocalittiche, Collasso si è dimostrato altalenante, a nostro avviso, anche sul versante della direzione artistica. La reinterpretazione allucinata di Hope County è chiaramente in linea con l'art design del quinto capitolo, ma per quanto ci riguarda non possiede lo stesso carisma scenico dell'incubo vissuto con Vaas e Pagan Min (a questo link trovate la recensione del DLC di Far Cry 6 Insanity con Vaas).

    L'ambientazione mostra qua e là qualche guizzo di carattere nelle missioni opzionali chiamate Rivelazioni, senza dubbio più suggestive e oniriche; di contro, la mappa di gioco delinea panorami meno impattanti nella composizione, più vicini alle location del Montana già viste in Far Cry 5 che a una loro distorta revisione. Manchevole in ispirazione, eppure più ricco in violenza: tra eden contaminati dalle fiamme e corpi crocifissi, Collasso ci trasporta in un paradiso terrestre dove la crudeltà sembra essere l'unico verbo.

    Il solito gameplay

    La struttura roguelike si ripresenta praticamente immutata: in una piccola mappa open world ci avventureremo in compagnia di Seed tentando di sopravvivere agli assalti dei nemici che pattugliano le varie aree. Ci saranno ancora una volta tre missioni principali e un limitato numero di attività opzionali, tra rifugi da sbloccare, Prove da completare e armi da ottenere, a cui si affiancano incarichi più virtuosi sul fronte estetico come le già citate Rivelazioni.

    All'inizio si parte con una semplice pistola e via via si conquistano nuovi strumenti di morte, abilità passive e Tratti Permanenti (ossia skill che restano attivi anche dopo la morte), da acquistare con l'accumulo di punti Espiazione: tutto è tanto, troppo, ossessivamente simile a quanto sperimentato in Insanity e Control.

    Nell'ottica del percorso post lancio imboccato da Ubisoft, la reiterazione delle dinamiche ludiche possiede una sua coerenza, ma è innegabile che al terzo atto lo stimolo a superare ogni sfida e ad attivare i successivi livelli della mente inizi a farsi più affievolito. Terminata una prima volta la main quest in circa un'oretta (a cui se ne sommano altre due per una prima run completa), otterremo la possibilità di selezionare gradi di difficoltà più elevati che, di conseguenza, offrono ricompense di maggior valore.

    Per quanto contenutisticamente il DLC sia conforme alle aspettative, c'è da ammettere che la ridondanza contenutistica si è fatta sentire più di quanto avremmo sperato. Diversificare un po' di più l'armamentario, la tipologia dei tratti permanenti o anche dei nemici da affrontare avrebbe dato all'avventura un sapore meno stantio. Ubisoft ha deciso invece di proseguire in continuità con i due atti iniziali, giungendo all'epilogo del Season Pass con (in)evitabile stanchezza. Vien da sé che il giudizio diviene più indulgente, se Joseph Seed è il vostro villain d'elezione all'interno della saga di Far Cry, o se il setting del Montana possiede per voi un appeal superiore a quello delle Rook Islands e del Kyrat. In questo caso Collasso risulterà un DLC comunque sufficientemente stimolante, meglio ancora se non avete sperimentato le brevi avventure con protagonisti a Vaas e Pagan Min.

    Far Cry 6 Far Cry 6Versione Analizzata PCCala il sipario sul Season Pass di Far Cry 6, e non nel migliore dei modi. Non particolarmente ispirato sul piano artistico, nonché dotato di una formula ludica troppo simile a quella dei primi DLC (e pertanto sempre meno intrigante), Collasso è un contenuto che chiude il trittico di esperienze nella mente dei villain con poca grinta. In fin dei conti, non ci aspettavamo nulla di troppo diverso: a nostro avviso, il viaggio nella psiche deviata di Joseph Seed è leggermente meno accattivante rispetto ai primi due atti, ma ciò non toglie che provare a espiare le colpe del Padre, per i fan del quinto capitolo, possa risultare comunque un’attività abbastanza soddisfacente. A patto che si riescano a perdonare i peccati di un DLC un po’ accidioso.

    6.5

    Che voto dai a: Far Cry 6

    Media Voto Utenti
    Voti: 62
    7.3
    nd