Games With Gold: i giochi gratis per Xbox One e Xbox 360 di agosto 2019

Microsoft stupisce con una line-up Games with Gold da antologia: tra gli altri, ad agosto gli abbonati riceveranno Gears of War 4 e Forza Motorsport 6.

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

La line-up dei Games with Gold di agosto 2019 è una di quelle memorabili. A questo giro, Microsoft ha dribblato qualsiasi critica proponendo una quartetto di titoli di assoluto spessore, composto da Gears of War 4, Forza Motorsport 6, Torchlight e Castlevania: Lords of Shadow. Gli ultimi due, pur essendo stati pubblicati originariamente su Xbox 360, sono tranquillamente giocabili anche sulle due ammiraglie di casa Microsoft grazie al programma di retrocompatibilità. Una piacevole consuetudine alla quale la casa di Redmond non si sottrae mai.

La distribuzione dei titoli è cominciata oggi 1 agosto con Gears of War 4 e Torchlight. Gli altri due, invece, si uniranno a metà mese. Prima di procedere alla rassegna, ci teniamo a ricordarvi che avete tempo fino al 15 agosto per scaricare Big Crown Shodown, unico superstite dei Games with Gold di luglio 2019.

Gears of War 4 (1-31 agosto)

Con un tempismo praticamente perfetto, Microsoft ha scelto Gears of War 4 come prodotto di punta per la nuova line-up mensile. Tra poco più di un mese, infatti, verrà lanciato sul mercato l'ambizioso Gears 5, che si è lasciato provare in anteprima pochi giorni fa grazie ad un Tech Test. In questo modo, anche i ritardatari potranno rimettersi in pari con la storia di J.D Fenix (figlio di Marcus e Anya Stroud), Kait Diaz e Delmont "Del" Walker, ambientata 25 anni dopo gli eventi narrati nel capitolo conclusivo della trilogia originale.

I ragazzi di The Coalition, scelti da Microsoft per raccogliere la pesante eredità lasciata da Epic Games, si sono approcciati a questo capitolo con amore e riverenza, attualizzando le meccaniche che hanno reso celebre la serie senza tuttavia osare troppo, specialmente nella campagna per giocatore singolo. In ogni caso, pur non rappresentando una rivoluzione, Gears of War 4 è un TPS solido, che dopo i titoli di coda è capace di intrattenere per un numero esorbitante di ore con le immancabili, e come sempre curatissime, modalità Multigiocatore e Orda.

Gears of War 4 è, in sostanza, un episodio di transizione perfetto, che ha ottimamente assolto al suo compito di traghettare la serie nell'attuale generazione di console spianando, al contempo, le porte per il futuro. Per maggiori informazioni, tra le nostre pagine trovate la recensione di Gears of War 4.

Forza Motorsport 6 (16 agosto - 15 settembre)

Non sarà l'episodio più recente della serie, ma Forza Motorsport 6 è ancora un gioco di corse estremamente valido che non ha nulla da invidiare a congeneri ben più attuali, fatta unicamente eccezione per il parco auto, inevitabilmente orfano dei bolidi di ultima generazione.

Fedele al DNA della serie, il modello di guida si configura come una riuscita via di mezzo tra arcade e simulazione - con una leggera tendenza verso la seconda - in grado di appagare sia i principianti che i veterani del genere racing. Forza Motorsport 6 ha inoltre rappresentato un punto di svolta importante per la serie di Turn 10, poiché ha sancito l'introduzione delle gare notturne e sul bagnato.

Insomma, se non avete mai giocato ad un capitolo della serie, Forza Motorsport 6 potrebbe rappresentare la perfetta porta d'ingresso. Siamo inoltre sicuri che, chilometro dopo chilometro, vi verrà una voglia matta di passare al settimo episodio, per poi venirci a far compagnia mentre attendiamo con trepidazione Forza Motorsport per Xbox Scarlett, che promette dei grandi passi in avanti per quanto concerne la simulazione.

Torchlight (1-15 agosto)

Mentre l'attenzione del mondo videoludico era rivolta all'atteso ritorno di Diablo con il terzo capitolo, nel 2009 i ragazzi del neo-formato studio Runic Games approdavano su PC con Torchlight, un riuscito action RPG fortemente debitore della ben più rinomata saga infernale di Blizzard Entertainment. Non a caso, tra i timonieri del progetto figuravano Max Schaefer e Erich Schaefer, co-designer di Diablo e Diablo II.

L'avventura di Torchlight comincia nell'omonima cittadina sorta sopra una miniera d'Ember, un minerale capace di imbrigliare persone e oggetti con la magia. Contaminate dal suo potere, legioni di mostri sono emerse nelle gallerie e nelle caverne sotto la città: il vostro compito sarà quello di scendere in profondità e sconfiggere, dungeon dopo dungeon, il male che si annida al loro interno. Per farlo, potete scegliere di impersonare un personaggio a scelta tra il Destroyer (il classico guerriero), il Vanquisher (predilige il combattimento a distanza) e l'Alchemist (un potente mago spara-incantesimi). Durante il viaggio, potete anche fare affidamento su un compagno animale.

Neppure la presenza di Torchlight tra i Games with Gold può essere considerata un caso: a settembre, infatti, il secondo capitolo della serie (uscito originariamente su PC nel 2012) approderà su Xbox One, oltre che su PS4 e Nintendo Switch. Quale miglior modo di prepararsi al suo arrivo?

Castlevania: Lords of Shadow (16-31 agosto)

Il retaggio di cui si son fatti carico i ragazzi spagnoli di MercurySteam, sotto la supervisione di Hideo Kojima, è uno di quelli altisonanti. La serie Castlevania ha gettato le basi per un intero genere, ancora oggi incredibilmente prolifico. Lords of Shadow è un degno depositario di tale eredità sebbene si discosti dai suoi illustri antenati, trattandosi di un action/adventure con visuale fissa in terza persona che funge da reboot della saga.

Nell'anno 1047 il male si è quasi impossessato del mondo. Creature oscure, assetate di sangue, sono emerse dalle tenebre. L'ultimo baluardo dell'umanità è rappresentato dalla Confraternita della Luce, antico ordine cristiano che manda Gabriel Belmont, il protagonista, in missione contro i Signori dell'Oscurità. Il comparto narrativo rappresenta uno dei fiori all'occhiello della produzione: maturo, drammatico e impreziosito da un narratore d'eccezione, Sir Patrick Stewart, è in grado di tenere incollati allo schermo per le oltre 15 ore richieste per completare la campagna principale.

Castlevania: Lords of Shadow eccelle anche in qualità di action-game, grazie ad una progressione inquadrata, un sistema di combattimento valido e variegato e ad una serie di indimenticabili combattimenti contro i boss, alcuni dei quali ispirati a Shadow of the Colossus. Se non ci avete mai giocato, è giunto il momento di rimediare. Peccato che i ragazzi di MercurySteam non siano riusciti a ripetersi con il secondo capitolo, figlio di uno sviluppo travagliato e deficitario sotto diversi aspetti.