Libri a 360 bit: 5 letture sui samurai per prepararsi a Onimusha Warlords

La remastered di Onimusha Warlords sta per arrivare: vi proponiamo, per l'occasione, 5 libri sui samurai da non perdere.

rubrica Libri a 360 bit: 5 letture sui samurai per prepararsi a Onimusha Warlords
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

Inutile girarci attorno: il 2019 sarà l'anno del Giappone feudale, anzi dei samurai. Già perché tra Ghost of Tsushima, Nioh 2 ed anche Sekiro Die Twice il Sol Levante non è mai stato così tanto presente in ambito videoludico. Ma ci siamo dimenticati di citare Onimusha Warlords, titolo carissimo a tanti appassionati, apparso originariamente nel 2001. Infatti il prossimo 15 gennaio Capcom lo riproporrà in una nuova versione multipiattaforma, con grafica rimasterizzata in full hd, una colonna sonora inedita composta ad hoc (di cui siamo molto curiosi) e anche la possibilità di selezionare una "Easy Mode" per i giocatori più inesperti. Un gradito ritorno, non c'è che dire! E a questo proposito, visto che, come avete potuto ormai capire, "l'anno del Dragone" sarà proprio il 2019, vi proponiamo cinque letture più una a tema samurai. In tal modo le vostre katane saranno più letali che mai.

Rashomon e altri racconti di Akutagawa Ryunosuke

Dire Akutagawa vuol dire, in un certo senso, Giappone, visto che pochi altri autori hanno saputo esprimere in maniera così compiuta e completa lo spirito, la filosofia, la storia e il complesso sistema di valori di un intero popolo. Ecco perché leggere questa raccolta di racconti pubblicata da Einaudi è una sorta di viaggio all'interno del folklore giapponese, in compagnia di personaggi indimenticabili e caratterizzati da una forma di ironia molto particolare. Citato nel manga Bungo Stray Dogs, questo libro è una lettura imprescindibile per chi ama le storie con protagonisti samurai, oni e vecchi dall'aspetto svampito che all'occorrenza dimostrano una sapienza universale. Tra l'altro il racconto portante della raccolta, Rashomon e altri racconti (in vendita su Amazon a 15.30 euro) è stato scritto dallo stesso Akutagawa nel 1916, all'indomani di una dolentissima delusione d'amore. Considerato da molti studiosi tra i vertici del cosiddetto "rekishi monogatari" (racconto storico), Rashomon è insomma una perla che riflette con arguzia gli egoismi e l'ipocrisia umana.

Chanbara: il lampo e il tuono di Roberto Recchioni

Vero e proprio "instant classic", Chanbara (disponibile su Amazon.it a 15.30 euro) è un potente affresco sulla vita dei samurai. Il lavoro di Roberto Recchioni e Andrea Accardi è impressionante e il volume di Bao, caratterizzato da dimensioni imponenti, è davvero un oggetto bellissimo. Chanbara, la parola che dà il titolo alla raccolta, è un termine molto importante nella cultura giapponese, in quanto indica, a livello cinematografico, proprio i film sui samurai, una sorta di variante orientale dei nostrani film "cappa & spada". Come intuibile, il tema portante dell'opera è l'onore, al centro di storie ambientate nel Giappone Feudale che lasciano veramente il segno. Potentissimi i disegni realizzata da Accardi che ben si sposano alla sceneggiatura di Recchioni, abile nel costruire storie sempre tese "sul filo di una katana", dove guerrieri potentissimi si scontrano senza esclusione di colpi ma senza mai venire meno al proprio codice d'onore. Alcune tavole lasciano senza fiato per la loro bellezza e rendono questo volume di Bao un must da possedere in qualsiasi libreria filo-nipponica.

Ascesa e declino di una grande casta di guerrieri di Leonardo V. Arena

Rispetto agli altri due volumi proposti, questo Ascesa e declino di una grande casta di guerrieri (costa 12.30 euro su Amazon.it) di Arena è un libro prettamente storiografico ma non per questo meno interessante. Infatti, grazie ad una prosa frizzante e per niente noiosa, Leonardo Arena ci fa conoscere la complessa nascita della casta sociale dei samurai, ascesa avvenuta tra il 1185 e il 1333. Arena inoltre, in pagine davvero gustose, è attentissimo nella descrizione degli abiti, delle armi e delle armature di questi guerrieri eccezionali, che non lesinavano certo in creatività per i loro equipaggiamenti da battaglia. Va detto poi che il libro di Arena non si concentra soltanto sui samurai, ma allarga lo spettro di analisi all'intera storia del Giappone presentandola in maniera gradevole e romanzata, e riuscendo a catturare l'attenzione anche del lettore più distratto. Un vero e proprio "bignami", insomma, utilissimo per orientarsi tra i vari personaggi realmente esistiti che i videogiochi a tema Giappone feudale ci hanno proposto e ci proporranno nei prossimi mesi!

L'Ultimo Samurai di Helen DeWitt

Cosa succede quando viene a mancare la figura paterna? Da questa domanda muove "L'ultimo samurai" di Helen DeWitt, romanzo raffinatissimo con protagonisti il bambino Ludo e sua madre Sibylla. In assenza di una figura paterna la madre fa vedere al figlio, almeno una volta alla settimana, "I sette samurai", il capolavoro di Kurosawa, portando in tal modo Ludo ad innamorarsi precocemente del Sol Levante (a soli sei anni inizierà a studiare giapponese). E così, in un continuo gioco letterario in cui che va dall'Odissea a Zanna Bianca, Ludo continuerà a cercare disperatamente il padre perduto (anzi mai avuto) nelle pagine dei libri che legge, fino a venire a conoscenza di come egli sia vivo e, per di più, un apprezzato scrittore di libri di viaggio. Il desiderio di saperne di più porta il bambino ad affrontare un difficile viaggio. La sua ricerca tuttavia non andrà a buon fine ma, forte della massima "un buon samurai parerà il colpo", Ludo intraprenderà un percorso che lo cambierà, in meglio, per sempre.

Lezioni spirituali per giovani Samurai di Yukio Mishima

Anche in questo caso siamo di fronte ad un vero e proprio caposaldo della cultura del Sol Levante. Infatti Mishima era fermamente convinto che "la verità può essere raggiunta solo attraverso un processo intuitivo in cui pensiero e azione si trovano uniti". Da qui lo studio, anche in chiave filosofica, del samurai, che per l'autore è la perfetta sintesi di questi due aspetti, così diverse, dell'esperienza umana. Ne viene fuori un libro denso di metafore e di immagini suggestive, che ne faranno un vero e proprio best-seller in tutto il mondo. Se l'essenza stessa della "giapponesità" la si può ritrovare nei samurai, questo è il volume in cui questa viene presentata con più chiarezza e poeticità in assoluto. Il libro di Mishima (costa 15.40 euro su Amazon.it) è inoltre praticamente zeppo di frasi memorabili, che potrete usare come didascalia per condividere sui social i momenti più salienti dei vostri gameplay. In fondo "Il valore di un uomo si rivela nell'istante in cui la vita si confronta con la morte" non è una delle citazioni più fighe di sempre?

Special Guest: Sulla Maestria di Tanizaki Jun'ichiro

Un divertissement letterario che ci dice molto, anzi quasi tutto, sul Giappone. Si parte infatti da una foto, scorta per caso su di un giornale, che ritrae un samurai e che accende nel narratore la scintilla per un'intricata e appassionante riflessione, la quale finisce per coinvolgere le finalità ultime e il senso stesso della vita dell'uomo. Ma "Sulla Maestria" (su Amazon.it lo trovate in offerta a 11.70 euro) non è soltanto un saggio sullo stare al mondo con consapevolezza, ma è anche e soprattutto un sincero tributo ai valori dell'umiltà e della perseveranza, punti-chiave nel sistema valoriale dei samurai. Tradotto con grande maestria da Gala Maria Follaco e passando, senza soluzione di continuità, da Chaplin a Balzac, "Sulla Maestria" è un libro bellissimo che non farà altro che aumentare il vostro tasso di hype per la remastered di Onimusha Warlords!