PlayStation Now: quattro giochi da recuperare su PS4 ad ottobre 2019

Da ICO a God of War per PS4: ecco quattro giochi da (ri)scoprire grazie al servizio in abbonamento PlayStation Now.

PlayStation Now Ottobre 2019
Speciale: PlayStation 4
Articolo a cura di

Sony ha iniziato un grosso processo di rinnovamento del suo servizio PlayStation Now rivedendo i prezzi degli abbonamenti. Oltre le strategie commerciali, anche sul fronte del catalogo disponibile si sono viste diverse migliorie, grazie ad alcuni titoli largamente apprezzati dai giocatori di tutto il mondo. Nella ludoteca di PSNow, infatti, verranno introdotti i giochi più popolari, che però faranno parte dell'offerta solo per un intervallo di tempo. Con quest'aria di cambiamento, ritorna la nostra rubrica dedicata a chi vuole sfruttare il suo abbonamento per recuperare tutte le grandi produzioni passate e recenti. Eccovi quindi quattro perle da non lasciarsi scappare su PlayStation Now a ottobre.

LEGO Star Wars The Complete Saga

Forse il nome dello studio TT Games non vi dirà nulla, anche se chi è cresciuto nell'era dei 16 bit ricorda sicuramente un certo Toy Story, ma è nel 2005 che il team britannico si lega a un marchio celebre in tutto il mondo: quello dei LEGO. Sfruttando i mattoncini, in collaborazione con LucasArts, TT Games ha dato vita a un filone videoludico unico, basato sulla licenza delle Guerre Stellari. Lego Star Wars è stato un'assoluta sorpresa, ed è riuscito a reinterpretare in chiave comica i momenti più iconici della pellicola di George Lucas.

La partnership è continuata negli anni, e ha coinvolto tutte le pellicole arrivate nelle sale, e su PS Now potete recuperare le prime due trilogie grazie a Lego Star Wars: The Complete Saga. Per chi non conoscesse questi titoli, si tratta di avventure leggere, basate sulla raccolta di segreti e sul backtracking. A rendere tutto speciale è il fatto che, a quei tempi, i mattoncini non parlassero. Vi lasciamo solo intuire come può essere stata reinterpretata la celebre scena in cui Luke scopre la vera identità del padre.

ICO

Se invece siete alla ricerca di avventure che segnino profondamente il vostro vissuto da videogiocatori, su PSNow avete a disposizione alcune opere del maestro Fumito Ueda. Impossibile non citare, in tal senso, lo splendido ICO, ad oggi ancora sprovvisto di una versione ammodernata per la generazione corrente, al contrario del collega Shadow of the Colossus.

In ICO vestiamo i panni dell'omonimo protagonista, nato con delle corna che portano il suo villaggio a considerarlo come un presagio di oscurità. Innocente e odiato, il giovane viene rinchiuso in un castello sconfinato, ed è qui il protagonista incontra Yorda, una ragazza finita nello stesso luogo per chissà quale motivo. Da questo pretesto, nasce un racconto silenzioso, fatto di piccoli e significativi indizi narrati nel peculiare stile di Ueda. In poche parole, una produzione imperdibile per tutti i videogiocatori.

King of Fighters XIII

Fino a questo momento, la nostra puntata si è concentrata sulla simpatia dei Lego o il fascino delle opere di Ueda. Serve quindi un po' d'azione, e abbiamo il titolo che fa al caso vostro: The King of Fighters XIII. La serie di SNK, nota anche per Metal Slug e oggi rimasta un po' ai margini del mercato, per lungo tempo ha dato filo da torcere a sua maestà Street Fighter.

Il tredicesimo capitolo, nato su cabinato nel 2010 e approdato anche sulle console della passata generazione qualche anno dopo, è stato uno dei punti più alti toccati dal picchiaduro, in un'epoca in cui il fascino delle due dimensioni era tornato a farsi sentire. Gli sviluppatori si sono sforzati per bilanciare perfettamente l'intero roster di combattenti, confezionando un titolo grandioso per gli amanti delle lotte. Badate bene, si tratta di un picchiaduro a incontri che strizza l'occhio agli esperti del genere, ma che può rivelarsi molto appagante anche per chiunque sia alla ricerca di qualche nuova sfida.

God of War

Continuando il nostro filone di violenza, cattiveria e potenza distruttiva, era impossibile non menzionare il dio spartano più celebre dell'industria. God of War, arrivato lo scorso anno su PS4, non ha bisogno di presentazioni, e abbiamo deciso di inserirlo come simbolo della nuova strategia attuata da Sony con PlayStation Now. Il catalogo, infatti, includerà produzioni più recenti e note al pubblico, e nonostante i limiti del gioco in streaming, anche gli utenti PC potranno provare alcune delle esclusive migliori della console nipponica.

In questo caso, parliamo dell'attuale detentore del premio Game of the Year, strappato alla mastodontica concorrenza di Rockstar e Red Dead Redemption 2. In fondo, Kratos ci ha abituato alle lotte contro i titani, e in questo capitolo lo spartano acquisisce una profondità inedita, che si intreccia in un rapporto complicato con il figlio Atreus. Il director Cory Barlog, insieme ai ragazzi di Santa Monica, ha confezionato un'avventura con una regia d'eccezione, ispirata nel comparto artistico e appassionante nel gameplay (come abbiamo raccontato nella nostra recensione di God of War). In definitiva, uno dei titoli più importanti di questa generazione, ormai vicina alla chiusura.