PSPLUS

PlayStation Plus marzo 2019: COD Modern Warfare e The Witness gratis su PS4

La lineup PlayStation Plus di marzo 2019 rinuncia ai giochi PS3 e Vita e offre COD Modern Warfare Remastered e The Witness per PS4.

PlayStation Plus: i giochi gratis di marzo 2019
Speciale: Playstation 4
Articolo a cura di

C'era molta curiosità nei confronti dell'annuncio dei giochi gratis PlayStation Plus di marzo 2019. A distanza di molti anni dalla nascita del servizio, Sony ha infatti rimosso dalla Instant Gaming Collection i titoli per PlayStation 3 e PlayStation Vita. A parziale compensazione, all'inizio di questo mese ha incrementato lo spazio per i salvataggi cloud riservato agli abbonati, portandolo da 10 a 100 GB. Un bonus sicuramente gradito, ma sicuramente non sufficiente a colmare l'assenza di ben quattro giochi che, seppur diretti a console ormai poco utilizzate, molto spesso finivano per essere compatibili anche con l'ammiraglia di casa PlayStation grazie alla funzionalità cross-buy. Non stupisce affatto, quindi, che la comunità fosse estremamente curiosa di scoprire in che modo Sony avrebbe impiegato le risorse "liberate". A quanto pare, i timori di alcuni sono diventati realtà.

La compagnia giapponese ha infatti deciso di non rimpiazzare in alcun modo i titoli assenti, limitandosi ad offrirne solamente due per PlayStation 4. Per fortuna, l'offerta di marzo 2019 è più che solida, e comprende due giochi di rilievo come Call of Duty Modern Warfare Remastered e The Witness. Prima di passarli in rassegna, segnaliamo che potranno essere messi in download a partire da martedì 5 marzo. Fino ad allora, se non lo avete già fatto, avete ancora tempo per aggiungere alla vostra raccolta i giochi PS4 gratis di febbraio 2019, ovvero Hitman: La Prima Stagione Completa e For Honor. In via del tutto eccezionale, Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots (PS3), Divekick (PS3-PS Vita), Gunhouse (PS Vita) e Rogue Aces (PS Vita-PS4) rimarranno invece disponibili per qualche giorno in più del solito, ovvero fino all'8 marzo.

Call of Duty Modern Warfare Remastered

Tra i titoli più apprezzati dell'intero franchise, Call of Duty: Modern Warfare è tornato in edizione rimasterizzata nel 2016 per accompagnare il lancio di Infinite Warfare. Inizialmente pubblicato come parte di un bundle, è stato ben presto reso disponibile anche in versione stand-alone. Quando venne lanciato per la prima volta nel 2007, il titolo originale sviluppato da Infinity Ward sancì l'ingresso della serie nell'era moderna e, contemporaneamente, l'esplosione definitiva di un franchise che da quel momento in avanti non ha mai più abbandonato le posizioni più alte delle classifiche mondiali.

Call of Duty: Modern Warfare Remastered conserva tutti i punti di forza dell'originale, e li ripropone con una grafica aggiornata e al passo dei tempi. Non rinuncia neppure alla componente multigiocatore, che per la prima volta in assoluto ha introdotto meccaniche come il sistema del Prestigio e le Serie di uccisioni, che non hanno più abbandonato la serie. Il gameplay risulta in parte superato, esattamente come alcuni meccanismi nella narrazione della campagna per giocatore singolo, ma l'eccellente lavoro di ammodernamento compiuto da Raven Software, che è intervenuta anche sul bilanciamento delle mappe multigiocatore, permette di apprezzare al meglio uno dei capisaldi del genere d'appartenenza.

The Witness

The Witness è il secondo progetto partorito dalla mente geniale di Jonathan Blow, designer che nel 2008 ha contribuito a far esplodere la scena indipendente con quel piccolo gioiello che risponde al nome di Braid. Ha richiesto ben otto anni di lavoro e, per fortuna, non ha affatto tradito le aspettative dei giocatori. The Witness si configura come un enigmatico puzzle-game in prima persona ambientato su una meravigliosa isola tropicale, caratterizzata da colori accesi e panorami mozzafiato. Il giocatore, che all'apparenza sembra essere l'unica persona sull'isola, è libero di muoversi in un piccolo open world costellato da un'intricata rete di rompicapi che bloccano porte, dispositivi e meccanismi di varia natura.

Gli enigmi sono piuttosto differenti tra loro, ma aderiscono tutti al medesimo principio. La loro risoluzione richiede l'interazione con un pannello, attraverso il quale bisogna tracciare una linea per collegare un punto di partenza ad uno di arrivo. Un concetto molto semplice, ma capace di dare vita a un incredibile varietà di rompicapi, la cui risoluzione si rivelerà tanto complessa quanto gratificante. Il game design, di pregevole fattura, non lascia nulla al caso ed esorta il giocatore a superare i propri limiti, anche quando sembrano invalicabili, mentre cerca di dare un senso a tutto ciò che lo circonda. L'assenza totale della colonna sonora e dell'interfaccia grafica contribuisce inoltre a creare un'atmosfera unica e ad accrescere il senso di mistero di un'esperienza non adatta a tutti, ma che si rivelerà indelebile per tutti coloro che avranno la pazienza e la tenacia necessarie per affrontarla.