PSPLUS

PlayStation Plus: i nuovi giochi gratis per PS4 di luglio 2019

A luglio gli abbonati a PlayStation Plus troveranno nella Instant Gaming Collection Detroit Become Human e Horizon Chase Turbo.

PlayStation Plus luglio 2019
Speciale: PlayStation 4
Articolo a cura di

Un nuovo mese sta per cominciare, e ciò può voler dire una sola cosa per tutti gli abbonati a PlayStation Plus: l'Instant Gaming Collection ha dato il benvenuto a due nuovi giochi gratuiti! Le aspettative in vista dell'annuncio, dopo il grande successo riscosso dai giochi gratis di giugno - Borderlands: The Handsome Collection e Sonic Mania - erano molto elevate. Per luglio Sony ha così deciso di riservare a tutti i suoi utenti due giochi appartenenti a generi molto differenti dai precedenti, ovvero ovvero Detroit Become Human: Digital Deluxe Edition e Horizon Chase Turbo. Il primo ha sostituito in extremis PES 2019, gioco precedentemente annunciato da Sony, e include anche Heavy Rain per PS4, mentre il secondo vi catapulterà nelle sale giochi degli anni '90, dove andavano per la maggiore i cabinati da racing.

Entrambi sono stati resi disponibili oggi martedì 2 luglio, andando a sostituire Borderlands: The Handsome Collection e Sonic Mania. Come di consueto, prima di passare alla rassegna dei titoli Plus, vi aggiorniamo sulle promozioni in corso sul PlayStation Store. Come di consueto, prima di passare alla rassegna dei nuovi titoli, vi aggiorniamo sulle promozioni in corso sul PlayStation Store. Mentre vi scriviamo, sono attivi i Mega Sconti sui giochi PS4, tra i quali spiccano The Witcher 3: Wild Hunt, RAGE 2, Ghost Recon Wildlands, Dishonored 2 e DOOM, giusto per citarne alcuni. Avete tempo fino all'11 luglio per approfittarne!

Detroit: Become Human Digital Deluxe Edition

Con una mossa decisamente insolita compiuta sul filo del rasoio, Sony ha deciso di sostituire il gioco precedentemente annunciato, Pro Evolution Soccer 2019, con Detroit Become Human, terzo lavoro di Quantic Dream realizzato con l'appoggio della compagnia giapponese. Uscito per la prima volta in esclusiva su PlayStation 4 nel maggio dello scorso anno, il titolo diretto da David Cage prosegue sul solco tracciato dai suoi precedenti lavori andandosi a configurare come un racconto interattivo in cui le decisioni dei giocatori condizionano in maniera profonda lo svolgersi della storia, attraverso un sistema stratificato ed elaborato ricco di possibilità alternative.

Il racconto è ambientato in una Detroit del 2036 rivitalizzata dall'introduzione degli Androidi nella vita di tutti i giorni. La situazione, all'apparenza idilliaca, precipita tuttavia quando alcuni Androidi iniziano a comportarsi come se fossero dei veri esseri umani con dei sentimenti. I Devianti, così vengono chiamati, sono capaci di manifestare rabbia, paura e amore. Detroit: Become Human narra la storia di tre differenti androidi: Kara, una Deviante costretta fuggire dopo aver condiviso il sogno di libertà con una bambina. Markus, intenzionato a diventare il leader di una rivoluzione e liberare i suoi simili dalla schiavitù. Connor, un "cacciatore di Devianti", progettato per aiutare gli investigatori umani in casi che coinvolgono i suoi simili

Con l'aiuto di regia dinamica e di una recitazione digitale allo state dell'arte, la sceneggiatura induce i giocatori a riflettere su tematiche estremamente importanti come la natura degli esseri umani, il valore del libero arbitrio e la presa di coscienza di creature artificiali. Detroit: Become Human è un thriller sci-fi dalle tinte drammatiche e psicologiche, uno dei migliori lavori di sempre di Quantic Dream. L'edizione offerta agli abbonati a PlayStation Plus è la Digital Deluxe, e include al suo interno anche uno dei precedenti lavori di Quantic Dream, Heavy Rain per PS4.

Horizon Chase Turbo

Horizon Chase Turbo è una vera e propria dichiarazione d'amore nei confronti degli iconici giochi di corse che impazzavano nelle sale giochi degli anni '80 e '90. Ogni singolo pixel del titolo di Aquiris Game Studio rappresenta un sentito omaggio a titoli immortali come Out Run, Top Gear e Rush. La grafica, pur essendo 3D, ricalca lo stile tipico dell'era 16-bit, ed è arricchita da una colonna sonora chiptune composta da Barry Leitch, storico sound designer di titoli arcade come Lotus Turbo Challenge e dei già citati Top Gear e Rush.

In Horizon Chase Turbo è prevista una sola visuale, quella alle spalle della vettura. Si parte, come da tradizione, sempre in ultima posizione, con l'obiettivo di arrivare primi effettuando sorpassi a rotta di collo stando bene attenti a non schiantarsi contro le automobili, i cartelli stradali, le rocce e i cactus disseminati sul percorso! Il modello di guida, com'è lecito attendersi, è puramente arcade, semplice ed immediato da padroneggiare.

Tramonti, pioggia, neve, ceneri vulcaniche e violente tempeste di sabbia... L'offerta contenutistica di Horizon Chase Turbo è di tutto rispetto e vanta ben 109 piste disseminate in 48 città. Le coppe da affrontare sono 12, mentre le auto sbloccabili ammontano a 31 unità. Per i più nostalgici è prevista una modalità multigiocatore in locale in grado di ospitare fino a quattro partecipanti in contemporanea su schermo diviso. Per quanto concerne la componente online, è prevista una modalità competitiva basata sui ghost che permette di sfidare gli amici, oltre alle immancabili classifiche online con le quali confrontare i propri tempi con quelli dell'intera comunità.