Xbox Game Pass: i nuovi giochi PC di gennaio 2020

Gennaio vede altri tre giochi arrivare nel catalogo Xbox Game Pass per PC: Children of Morta, A Plague Tale Innocence e GRIS.

rubrica Xbox Game Pass: i nuovi giochi PC di gennaio 2020
Articolo a cura di

Nemmeno il tempo dare il benvenuto a Frostpunk ed FTL: Faster Than Light, che è già arrivato il momento di salutare l'arrivo in Xbox Game Pass per PC di altri tre giochi di assoluto spessore. Ieri ha fatto il suo ingresso nel catalogo Children of Morta, mentre entro la fine del mese toccherà pure a Gris e A Plague Tale Innocence. Tutti e tre i titoli sono stati lanciati sul mercato nel corso del 2019, e pertanto entrano a far parte del servizio in abbonamento di Microsoft a pochi mesi dal loro debutto, una ulteriore conferma dell'elevata qualità del servizio. Andiamo quindi alla scoperta dei nuovi giochi di Xbox Game Pass per PC!

Children of Morta (16 gennaio)

Children of Morta può essere descritto come un action GDR in stile rogue-lite, nel quale lo sviluppo dei personaggi riveste un ruolo decisivo. Piuttosto che mettervi nei panni di un solo individuo, l'opera di 11bit Studios e Dead Mage sceglie di farvi giocare in quelli di un'intera famiglia di straordinari eroi, i Bergson, che con tutti i loro difetti e le loro virtù hanno intrapreso una lotta contro la Corruzione.

In Children of Morta la morte non è permanente, ed è possibile cambiare membro della famiglia da una run e l'altra. Ogni eroe si distingue per il proprio arsenale di abilità: il padre, John, è un guerriero munito di spada e scudo, mentre Linda è un'arciera dalla mira letale. Kevin è un combattente silenzioso, Lucy una maga del fuoco, Mark un esperto di arti marziali e Joey, infine, predilige l'uso del martello.

Come in ogni hack 'n' slash che si rispetti, nei dungeon generati in maniera procedurale, composti da due-quattro livelli ciascuno, troverete ad aspettarvi orde di spietati nemici, oltre che gli immancabili boss di fine livello. Nella sua recensione di Children of Morta Claudio Cugliandro ha parlato in maniera estensiva delle meccaniche di gioco.

A Plague Tale Innocence (23 gennaio)

A Plague Tale: Innocence segue le vicende dei fratelli Amicia e Hugo, costretti anzitempo a lasciarsi alle spalle la fanciullezza in una Francia medievale devastata dalla guerra e dalla Peste Nera. I due hanno vissuto separati per gran parte della loro vita: Hugo, malato sin dalla nascita, è rimasto isolato per anni mentre la madre, un'alchimista, cercava disperatamente una cura. In fuga dall'Inquisizione e circondati da orde di ratti, i due dovranno imparare a conoscersi e a fidarsi l'una dell'altro, lottando contro orrori indescrivibili pur di restare in vita.

Ludicamente parlando, ci troviamo dinanzi ad un action-adventure in terza persona che fa della narrazione il suo inequivocabile punto di forza. La campagna, dallo svolgimento piuttosto lineare, intrattiene per circa 12-15 ore, alternando con il giusto equilibrio sessioni stealth e fasi puzzle solving. Ad innalzare ulteriormente il valore della produzione ci pensa la varietà delle situazioni, delle ambientazioni e delle meccaniche di gioco che vengono continuamente introdotte nel corso dell'intera esperienza, scongiurando il pericolo ripetitività. Ne saprete di più leggendo la recensione di A Plague Tale: Innocence.

Gris (23 gennaio)

GIS è un puzzle-platform in due dimensioni nel quale la componente narrativa riveste un ruolo fondamentale. L'omonima protagonista è una ragazza piena di speranze, che tuttavia si trova a vivere un'esperienza molto difficile. Da questo dolore riuscirà a trarre la forza necessaria per crescere emotivamente e imparare a vedere il mondo in modo diverso, scoprendo nuove strade da percorrere sfruttando abilità che prima non sapeva di avere.

Nel raccontare questo processo di elaborazione del dolore, Gris trasporta i giocatori in una dimensione fatta di simboli e allusioni oniriche, e non dice neppure una parola, lasciando all'espressività della protagonista, alla bellezza dei paesaggi e all'accompagnamento musicale il compito di dialogare con il giocatore.

In un contesto del genere, il gameplay - legato alla risoluzione di determinati puzzle e alla scoperta di nuove abilità per avanzare - riveste un ruolo marginale. Vi consigliamo di leggere la recensione di GRIS curata dal nostro Giuseppe Arace, che ha tessuto le lodi di un art design ammaliante e di una colonna sonora di rara bellezza.