Esport

2021 anno da record per l'esport: gli eventi ed i tornei più visti

L'esport, ormai lo sappiamo, continua a crescere in termini di seguito e popolarità, attestandosi sempre più come l'intrattenimento del presente.

2021 anno da record per l'esport: gli eventi ed i tornei più visti
Articolo a cura di

L'esport si sta sempre più affermando come l'intrattenimento del futuro. Anzi, a dirla tutta, del presente visti i numeri fatti registrare da alcuni tra i più importanti eventi competitivi internazionali. Sicuramente non può essere negata l'influenza della sindemia che stiamo tutti attraversando da ormai due anni, la quale ci ha costretti a modificare non solo le nostre abitudini quotidiane, ma anche il modo in cui fruiamo e consumiamo contenuti digitali, siano essi social, cinematografici, ludici, sportivi ed esportivi. Il picco di popolarità del gaming competitivo, esploso nel 2020, a causa della già citata "fame" di contenuti nuovi da parte del pubblico, è proseguito nel 2021. Quali sono stati, dunque, gli eventi esport internazionali più visti dell'anno scorso? Proviamo a darvi qualche numero. Non mancheranno sorprese!

League of Legends MSI 2021

Come ogni appassionato di League of Legends sa molto bene, il Mid-Season Invitational è "solo" il secondo evento internazionale del MOBA targato Riot Games. L'evento di metà stagione, riservato alle migliori squadre dei cinque continenti, quest'anno si è giocato live - ma ovviamente sempre in assenza di pubblico - nella lontana Islanda.

Il torneo, nel suo complesso, è riuscito a segnare un picco di 1.83 milioni di spettatori, con una media impressionante di oltre 711.465 connessi di media. Il picco di visualizzazioni è stato registrato durante il match DWG KIA contro RNG.

DOTA The International 10

Il The International, per chi non lo conoscesse, è il "mondiale" del MOBA targato Valve. Anch'esso presente nell'alveo esport sin dalla sua nascita e precursore di quanto costruito da Riot con League of Legends. Non solo. Di anno in anno ogni edizione del The International fa registrare numeri da capogiro per quanto riguarda il prize pool messo sul piatto per il team vincitore.

Record su record, che lo rendono il torneo più ricco del panorama competitivo (per il 2021 sono stati oltre 40 i milioni di dollari complessivi per il montepremi del mondiale), tanto è vero che i giocatori che vincono il mondiale di DOTA sono considerati tra i Paperoni del circuito (l'anno scorso sono stati 18, i milioni andati nelle casse dell'organizzazione vincitrice). La decima edizione dell'evento è stata anche quella di maggior successo anche sotto il profilo del seguito.

Il The International 10 ha fatto registrare un picco di 2.74 milioni di spettatori. Quando si analizzano quali squadre erano popolari alla TI10, Team Spirit è stata la squadra più seguita. L'organizzazione russa ha registrato una media di 805.216 spettatori, con il team esport del Paris Saint Germain - PSG.LGD - che segue a 767.762. Pensate quanto questi numeri possano giovare alla società parigina.

PGL Major Stoccolma 2021

Tra i tornei più visti, quest'anno, spicca un altro "grande vecchio" del panorama competitivo: CS:GO. Nonostante in Italia si senta parlare sempre troppo poco del tactical shooter di Valve (così come di DOTA), in campo internazionale questo è ancora tra i titoli più giocati e seguiti. Il primo Major di CS:GO in due anni non ha deluso le aspettative, diventando il torneo più visto, con oltre 2.74 milioni di spettatori connessi.

Una cifra piuttosto consistente (nonché molto più alta degli eventi del recente passato), dato che questo gigante dell'esport quest'anno se l'è dovuta vedere con l'emersione del fenomeno VALORANT. Quindi, pare proprio che i due titoli possano tranquillamente coesistere, nonostante nei primi mesi del 2021 si sia verificato il cosiddetto "esodo" dei pro player da una scena (CS:GO) all'altra (VALORANT).

VALORANT Champions 2021

Proprio di VALORANT parliamo ora (avete già letto la nostra guida agli eventi esport di VALORANT?). Anzi, del campionato mondiale del tactical shooter firmato Riot Games.

Come sappiamo il titolo è giovanissimo (uscito solo a giugno 2020 con la patch 1.0, ecco la nostra recensione di VALORANT) e la scena competitiva lo è ancor di più (iniziata ufficialmente a gennaio 2021). In un anno la struttura piramidale del VALORANT Champions Tour (la quale quest'anno sarà rivista) strutturata in Challengers, Masters e Champions, ha macinato numeri sempre più alti sino, appunto, a giungere al fatidico appuntamento mondiale di dicembre.

La Grand Final dei VALORANT Champions, disputata tra Acend e Gambit Esports ha stabilito un nuovo record di visualizzazioni di picco con quasi 1.1 milioni di spettatori simultanei. La Bo5 tra le due squadre ha stabilito il record di 1.089.068 spettatori, per l'esattezza.

In precedenza, il record apparteneva al Grand Final del VCT Stage 2 Masters a Reykjavík, con Sentinels e Fnatic, che aveva raccolto un picco di spettatori di 1.085.850. I Sentinels sono stati la squadra più popolare negli eventi VCT Masters a Reykjavík e Berlino e hanno avuto il secondo numero di spettatori medio più alto dei VALORANT Champions Tour con 612.481 persone. I Gambit, invece, sono stati la squadra più popolare dei mondiali a Berlino, con una media di 647.059 spettatori.

PUBG Mobile Global Championship Stagione 0

Nonostante sia iniziato a novembre 2020, la stagione 0 del Global Championship di PUBG Mobile ha registrato un'enorme mole di visualizzazioni: 3.80 milioni di spettatori, con una presenza media di pubblico di circa 528.000 durante le sue 122 ore di trasmissione.

Da questi numeri - in gran parte trainati dalle regioni asiatiche e sudamericane - si evince la travolgente crescita dell'esport mobile, anche in termini di popolarità e di seguito (per saperne di più vi invitiamo a recuperare il nostro speciale sull'ascesa del gaming su dispositivi mobile). Non solo PUBG, ma anche Mobile Legends, League of Legends Wild Rift, CoD Mobile e molti altri, stanno macinando grandi numeri...e grandi montepremi.

Worlds: il mondiale di League of Legends

In questa speciale "lista" non potevano mancare i Worlds di League of Legends, tradizionale appuntamento annuale che quest'anno ha fatto registrare un picco di spettatori di ben 4.01 milioni di utenti (escludendo dall'equazione, peraltro, il pubblico cinese). Questo è ora il torneo più visto della sua storia, nonché il primo evento competitivo su PC ad attirare oltre 4 milioni di spettatori.

Inoltre, l'evento detiene anche il primato per la maggior quantità di ore guardate (174,82 milioni). La Grand Final tra EDward Gaming e DWG KIA ha registrato un pubblico di oltre 73 milioni di spettatori, stando ai numeri - comprensivi in questo caso anche del territorio cinese - resi pubblici da Riot Games pochi giorni dopo la finale.

Free Fire World Series 2021 Singapore

Free Fire è un titolo mobile che probabilmente in tanti assoceranno a PUBG. In effetti è anche FF è un battle royale che ci assomiglia molto...ed è anche seguitissimo, soprattutto in Brasile, India e in Oriente, ovvero tutti territori in cui il gaming mobile è considerato religione. Lo dimostra la Free Fire World Series 2021 di Singapore.

Il torneo, in quell'occasione, ha guadagnato 5.41 milioni di spettatori e una visualizzazione media di 2.08 milioni di persone connesse a seguire l'evento. Secondo i dati raccolti, 1,95 milioni di spettatori provenivano dal solo territorio indiano; 1.03 milioni dall'Indonesia e addirittura 1.06 milioni dal Brasile.

Il 2021, insomma, è stato un anno assolutamente da incorniciare per ciò che concerne la popolarità del gaming competitivo in tutto il mondo. Ora sarà interessante vedere se la tendenza positiva, nel 2022, continuerà. Non dimentichiamo che stanno per ripartire praticamente tutte le maggiori scene esport mondiali e altre se ne aggiungeranno man mano, come quella di Halo, prevista per l'autunno. Non a caso, quest'ultima, nel primo torneo ufficiale dedicato a Infinite (a proposito avete già letto la nostra recensione di Halo Infinite?) ha tranquillamente sorpassato i 260.000 cuncurrent. Il potenziale, per il ritorno degli Spartan nell'esport, è immenso.