5 videogiochi Marvel da riscoprire in attesa di Spider-Man per PS4

In vista dell'uscita di Spider-Man di Insomniac Games, ripercorriamo la storia dei videogiochi Marvel segnalandovi cinque titoli imperdibili.

speciale 5 videogiochi Marvel da riscoprire in attesa di Spider-Man per PS4
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Ne ha stampata di carta - e macinata di strada - per arrivare dov'è oggi, quella che un tempo era solamente una piccola casa editrice di New York alla conquista di un angolo della nostra fantasia. Dapprima nata nel 1939 come Timely Publications, poi Atlas Comics ed infine marchiata nella storia come Marvel Comics. Marvel, come meraviglia: dopo quasi ottanta anni, è ancora il sentimento prevalente che accompagna le imprese impossibili - spesso dai risvolti incredibilmente reali - di Spider-Man, degli Avengers, X-Men e le altre miriadi di miriadi di "supereroi con superproblemi" creati dal genio galoppante ma il cuore saldo sulla realtà di artigiani dell'immaginifico del calibro di Stan Lee, Jack Kirby, Steve Ditko, John Buscema e molti ancora.
    Generazioni di milioni di lettori, intrepidi avventurieri di altri mondi, nell'ultimo decennio hanno potuto spostare il rapito scorrere del loro sguardo dalle pagine della carta stampata alle pellicole in movimento sul piccolo e grande schermo grazie al Marvel Cinematic Universe. Perché Marvel Comics, oggi, è solo una delle molte divisioni (assieme a Marvel Studios, Television e Animation) che compongono Marvel Entertainment, a sua volta sussidiaria di Disney e leader mondiale del genere supereroistico. Per divenire tale è stato decisivo, per la dirigenza Marvel, allargare il proprio pubblico estendendo i suoi prodotti su altri mass-media, o curando in prima persona i vari adattamenti attraverso gli studi interni oppure cedendo le licenze dei propri franchise ad aziende terze. Il secondo caso è quello che riguarda da vicino il confronto coi videogiochi, medium relativamente giovane con il quale Marvel ha sempre avuto un rapporto altalenante, fatto di pochissimi alti e molti bassi. Ciò nonostante, mentre attendiamo con speranza una netta inversione di tendenza a settare nuovi standard di qualità (e Spider-Man per PS4 potrebbe esserne l'alfiere) per le incursioni videoludiche dei supereroi Marvel, ci piacerebbe raccontare cinque dei molti incontri fra la Casa delle Idee e il nostro amato medium interattivo.

    Spider-Man (2000)

    Dopo quasi vent'anni di avventure a schermata fissa e/o a scorrimento, il nuovo millennio si aprì consegnandoci il primo videogioco in grado di farci arrampicare e librare tra i grattacieli di New York nei panni del più celebre supereroe Marvel con una libertà di movimento mai vista prima (pur contenuta da una struttura a livelli), grazie al traguardo della terza dimensione.

    Pubblicato da Activision e sviluppato da Neversoft (la defunta software house della serie Tony Hawk's e Guitar Hero) su PlayStation 1 e poi convertito per Nintendo 64, Dreamcast e PC, al tempo Spider-Man fu artefice di un salto di qualità notevole per i videogiochi su licenza Marvel: oltre al 3D, aveva una storia originale (narrata da Stan Lee in persona!) e non basata su soggetti preesistenti; inoltre sulla grigia di Sony poté avvalersi della novità delle cutscene. Rivedendolo può apparire ingenuo, ma lo ricordiamo con affetto per essere stato un tassello importante nell'evoluzione dei giochi legati all'Arrampicamuri, oltre che per alcuni ricordi flash come i "cazzottoni di tela", i cheats, i costumi alternativi e i tantissimi comics da raccogliere come collezionabili.

    The Incredible Hulk: Ultimate Destruction (2005)

    Come rendere in un videogioco la pantoclastica furia che si prova nell'essere l'Incredibile Hulk? Radical Entertainment (meglio conosciuti per Prototype) e Vivendi risposero con decisione gettando l'alter ego di Bruce Banner contro le forze armate del Colonnello Ross e gli acerrimi villain Devil Hulk e Abominio all'interno di un esplosivo beat 'em up a mondo aperto per PlayStation 2, GameCube e Xbox.

    Scritto dall'esperto sceneggiatore Paul Jenkins, The Incredible Hulk: Ultimate Destruction è ancora oggi il miglior videogioco sul Gigante di Giada (e uno dei più apprezzati tra i giochi su licenza) per il genuino divertimento che scaturisce dal balzare decine di metri verso il cielo per pestare elicotteri, lanciare alberi come freccette e indossare le due metà di una vettura come guantoni di boxe per buttare giù palazzi a non finire.

    X-Men Origins: Wolverine (2009)

    Sempre a proposito di personaggi dagli evidenti problemi di autocontrollo, il mutante artigliato non poteva che essere della partita quando si tratta di piombare sui malcapitati in disaccordo per massacrarli finemente a colpi delle sei lame d'adamantio di fiducia. Concetto riassunto egregiamente da Raven Software (autori di Heretic, Singularity) e Activision con X-Men Origins: Wolverine, un esagerato e ferino hack-and-slash senza compromessi ispirato a God of War e al tempo stesso un tie-in atipico che solo in parte riprende le vicende dell'omonimo film dello stesso anno per concedersi maggiori libertà sul fronte narrativo.

    Uscito praticamente su ogni piattaforma della scorsa generazione venendo accolto inizialmente in maniera piuttosto tiepida a causa della sua ripetitività, è stato rivalutato (pur senza esagerare) più positivamente grazie alla Uncaged Edition, aggiornamento che incrementato la violenza grafica del titolo rendendolo più aderente alla dimensione matura originale. Chi ha visto Logan, d'altronde, sa quanto la violenza sia fondamentale per la corretta rappresentazione del personaggio di Len Wein.

    LEGO Marvel Super Heroes (2013)

    Dopo i fortunati sodalizi con altri mondi della cultura pop come Star Wars e Harry Potter, era solo questione di tempo prima che la creatività smisurata incanalata dai mattoncini danesi si incontrasse con lo sterminato universo dei supereroi Marvel. E infatti così è stato, prima con i set reali poi con quelli ricreati digitalmente da Traveller's Tales e Warner Bros.

    Sulle piattaforme della scorsa e attuale generazione, LEGO Marvel Super Heroes è stato apprezzato per il mix irresistibile tra sfrenato fanservice (oltre 180 personaggi giocabili ognuno con le sue abilità, tra cui Stan Lee che può hulkizzarsi per l'occasione) e una struttura di gioco semplice ma appagante, orientata tra azione leggera e puzzle-solving e condita dal classico humour dei giochi LEGO. Citato da Warner Bros. come il videogioco più venduto della serie, ha ricevuto anche uno spin-off (LEGO Marvel's Avengers) e un seguito di recente uscita, LEGO Marvel Super Heroes 2.

    Marvel vs. Capcom 3: Fate of Two Worlds (2011)

    La nostra rassegna non poteva che concludersi con la serie crossover che rappresenta senza dubbio il vertice assoluto raggiunto dal marchio Marvel in ambito videoludico: dopo ben undici anni di latitanza dall'ultimo Marvel vs. Capcom 2: New Age of Heroes, il terzo capitolo nato dalla veterana esperienza di Capcom nel campo dei fighting game - sono solo i creatori di Street Fighter - tornò su PlayStation 3 e Xbox 360 (per poi raggiungere in tempi recenti PC e console successive) in un pantagruelico festival all'insegna dell'esagerazione e di sogni altrimenti irrealizzabili se non nelle nostre più remote fantasie.

    Finalmente approdato alle tre dimensioni e dotato di un accattivante stile artistico dai contorni marcati che richiama pesantemente quello dei comics, Marvel vs. Capcom 3 è un iperbolico e abbagliante scontro tre contro tre che si estende senza soluzioni di continuità da terra e per aria, una manifestazione d'amore per due pantheon di personaggi memorabili e per i loro fan, l'unico scenario dove Iron Man può dare il cambio a Dante di Devil May Cry per attivare i raggi repulsori contro le bombe di Viewtiful Joe poco prima l'aver schivato lo scudo di Capitan America e dopo aver respinto un colpo di shotgun di Chris Redfield. Ci auguriamo vivamente che la serie non venga nuovamente messa in pausa, visto il recente status di flop commerciale dell'ultimo capitolo, Marvel vs. Capcom Infinite.

    Queste erano le nostre cinque scelte provenienti da una rosa davvero sterminata di titoli. Diteci la vostra quindi: quali sono i videogiochi Marvel a cui siete più affezionati?

    Che voto dai a: Marvel's Spider-Man

    Media Voto Utenti
    Voti: 369
    8.3
    nd