Assassin's Creed Valhalla: tutti i DLC in arrivo, dai Celti a Parigi

Ubisoft ha svelato il piano post-lancio di Valhalla, una dose impressionante di contenuti gratuiti e a pagamento per espandere la saga Vichinga.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Xbox Series X
  • Assassin's Creed Valhalla è pronto ad approdare sui lidi di PS4, PS5, Xbox One, Series X e PC e ad abbattersi sul mercato con l'irruenza di un vero vichingo. Come accade nei più famosi poemi eddici, la saga di Eivo intende narrarci le epiche gesta di un viaggio, un'epopea fatta di ferro e sangue, ma anche e soprattutto di speranze e ambizioni: quelle del popolo nordico e delle sue incursioni nell'arcipelago britannico. Un incontro (e scontro) tra forze politiche, culturali e religiose diametralmente opposte.

    E se il rigore di un'Inghilterra agli albori della propria ascesa geopolitica incontrava la tracotanza dei popoli scandinavi, dando origine alla culla linguistica dell'attuale Gran Bretagna, è opportuno ricordare che le genti vichinghe navigarono, saccheggiarono e commerciarono in tutta l'Europa conosciuta (e anche oltre). Dall'esigenza di raccontare l'espansione dei guerrieri del Nord Europa in giro per il mondo nasce dunque il piano post-lancio di Ubisoft, ufficializzato da un trailer dedicato ai DLC di Assassin's Creed Valhalla: un viaggio che ci porterà, oltre che nel cuore delle abitudini vichinghe, anche in altre tappe fondamentali della Storia.

    L'ira dei Druidi

    Il supporto post-lancio di Valhalla è, senza mezzi termini, il più ambizioso di sempre per un franchise di Ubisoft. Oltre ad espansioni a pagamento con due distinti archi narrativi inediti, in linea con quanto fatto dal 2017 in poi con Origins e Odyssey, il team di sviluppo ha pianificato una serie di update totalmente gratuiti che ci accompagneranno almeno fino alla fine del 2021 e che promettono di arricchire ulteriormente l'esperienza di gioco. Ma andiamo con ordine.

    La prima grande espansione di Assassin's Creed Valhalla si intitolerà "L'ira dei Druidi" e ci porterà negli oscuri territori dell'Irlanda, alla scoperta di un antichissimo culto celtico. Pur condividendo con il popolo scandinavo radici linguistiche e culturali indoeuropee, i Celti erano un gruppo molto più antico dei vichinghi, con tradizioni e usanze religiose ancor più incentrate sul misticismo e sulla ritualità magica.

    A dimostrazione di ciò, nel DLC (che uscirà in primavera 2021) Eivor dovrà esplorare l'Irlanda indagando sul Culto di Danu, una dea primordiale irlandese risalente al periodo dell'antichità e alle invasioni irlandesi da ben prima dei Gaeli. Rispetto ai paesaggi medievali e rurali dell'arcipelago britannico del IX secolo dopo Cristo, l'Irlanda che vedremo in Valhalla ci proporrà scenari molto più cupi, tra foreste e montagne intrise del folklore oscuro tipico delle tradizioni celtiche.

    Il setting principale del DLC sarà Dublino, che già all'epoca veniva descritta come "una vera e propria metropoli", crocevia soprattutto commerciale per i popoli provenienti da tutto il mondo.

    L'Assedio di Parigi

    L'Assedio di Parigi è forse l'avvenimento più celebre di tutta la storia vichinga. Avvenne nell'845 e, secondo il mito, fu guidato dal leggendario condottiero scandinavo Ragnar Lodbrok. Ubisoft ricostruirà il celebre sacco della capitale della Franchia Occidentale nel secondo arco narrativo del piano post-lancio di Assassin's Creed Valhalla, che vedrà la luce nell'estate 2021: non sappiamo ancora se il team di sviluppo darà vita all'incontro tra Eivor e il mitico Ragnar (sulla cui reale esistenza gli storici, ad oggi, non hanno certezze), e se dunque il protagonista si unirà all'assedio per assecondare le volontà di Lodbrok o per seguire una crociata legata alla Confraternita o ancora per motivi personali.

    In ogni caso, seguiremo l'esercito vichingo navigare tra l'oceano e il fiume Senna, fino ad arrivare alle porte di Parigi per infiltrarci segretamente e prendere la città dall'interno. Una mossa che i fan della serialità televisiva conosceranno bene, e che potrebbe ispirarsi in parte alla conquista di Parigi che il Ragnar di Travis Fimmel ha orchestrato in Vikings.

    Per il momento, comunque, conosciamo ancora poco della trama del secondo DLC di Valhalla, ma sappiamo che ad opporsi ad Eivor tra le mura della capitale francese ci sarà re Carlo III il Grosso, che proprio sotto il suo impero dovette scendere a patti con il popolo vichingo per allontanarli il prima possibile dalle terre della Franchia.

    I Festival e Beowulf

    Tra i bonus pre-lancio, disponibile sin dal day one, ci sarà un'ulteriore DLC, seppur di dimensioni minori rispetto ai due macro-episodi citati sin qui. Parliamo del DLC La leggenda di Beowulf, che porterà Eivor ad indagare su una serie di misteriosi omicidi. Il mandante dei delitti, stando a quanto mostrato nel breve trailer della missione, sembra violento e metodico, e sparge della muffa su ogni cadavere che si lascia alle spalle.

    Quasi sicuramente il responsabile di questi assassinii sarà il leggendario Beowulf, o un personaggio a lui collegato, ma ancora non sappiamo se il protagonista di Valhalla si rivelerà un alleato o un nemico del condottiero vichingo.
    Ubisoft ha poi presentato i "Festival", che faranno parte di un corposo piano di aggiornamenti gratuiti che partiranno alla fine del 2020 e accompagneranno la community per tutto il 2021. Si tratterà di eventi che si svolgeranno negli insediamenti creati da Eivor, e il primo contenuto gratis sarà distribuito durante il Festival di YULE. È infatti noto che la quotidianità vichinga, all'infuori di scambi commerciali, spostamenti in mare e razzie in giro per l'Europa, era anche teatro di banchetti, feste e persino attività sportive. L'obiettivo di Ubisoft sarà quindi quello di restituire ai giocatori un viaggio totalmente immersivo anche nella quotidianità del popolo scandinavo, ma le novità di Valhalla non si fermano qui.

    In ultima istanza, integrando il viaggio singleplayer all'online, gli sviluppatori hanno annunciato ulteriori modalità di gioco che si tradurranno negli Jomsviking: in sostanza, si tratta di raid più lunghi e impegnativi di quelli che affronteremo nella campagna principale, arricchiti di sfide e ricompense ancora maggiori grazie al supporto di altri giocatori connessi in rete. Stando a quanto comunicato da Ubisoft, gli Jomsviking saranno ad uso esclusivamente operativo, poiché gli utenti potranno reclutare gli amici online e comporre una squadra per portare a termine l'assedio. Se i raid si svolgeranno contro l'intelligenza artificiale, o in presenza di giocatori avversari, è però ancora tutto da scoprire.

    Assassin's Creed Valhalla Con i recenti annunci in merito al post-lancio di Valhalla, Ubisoft ha fatto una grande promessa ai fan della saga di Assassin's Creed: arricchire l'esperienza di base con una quantità considerevole di contenuti sia gratuiti che a pagamento. Il supporto del team di sviluppo tra il 2020 e il 2021 ci sembra il più ambizioso di sempre per la serie dedicata agli incappucciati, e la speranza è che ogni espansione possa confermare le aspettative sulla qualità del titolo base, ormai vicinissimo alla release mondiale. La saga di Eivor deve ancora cominciare, ma il suo viaggio si prospetta persino più lungo dei mitici poemi eddici...

    Che voto dai a: Assassin's Creed Valhalla

    Media Voto Utenti
    Voti: 143
    7.7
    nd