Bayonetta 3: la trama finora. Storia di Streghe, Angeli e Demoni

In attesa di Bayonetta 3, riscopriamo l'intricato immaginario della saga, rivivendo l'evoluzione della Strega raccontata in Bayonetta e Bayonetta 2.

Bayonetta 3: la trama finora. Storia di Streghe, Angeli e Demoni
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • I sospiranti fan della serie Platinum Games hanno chiesto per anni alla software house di riportare sulle scene la Strega di Umbra. Approdata su Nintendo Switch nel febbraio 2018, la riedizione di Bayonetta e Bayonetta 2 (trovate su Everyeye la recensione di Bayonetta e Bayonetta 2, a cura del nostro Giuseppe Arace) aveva infine portato con sé la promessa di un rapido esordio dell'inedito Bayonetta 3. Purtroppo, l'attesa ha finito per protrarsi a lungo, con gli amanti della Strega di Umbra che hanno ben presto dovuto fare - ironicamente - affidamento su di una delle virtù cardinali: la pazienza.

    Dopo un articolato susseguirsi di interrogativi e rinvii, la data di uscita di Bayonetta 3 è ormai vicina, con l'oscura incantatrice pronta a scatenare la sua furia in esclusiva su Nintendo Switch. In vista dell'appuntamento con il 28 ottobre 2022 - quale modo migliore per festeggiare Halloween? -, siamo tornati a immergerci tra i paradossi temporali, l'azione sfrenata e le violente combo dei primi due capitoli della serie Platinum Games. Ad attenderci, abbiamo trovato un immaginario sfaccettato, in grado di forgiare un'intricata mitologia e tratteggiare una singolare saga familiare. Per farci trovare pronti al terzo capitolo, ripercorriamo dunque i sentieri di Bayonetta e Bayonetta 2.

    La Trinità della Realtà: Paradiso, Inferno e regno del Caos

    Le radici dell'universo di Bayonetta affondano in un passato remoto, i cui segreti vengono progressivamente svelati dagli autori di Platinum Games. La genesi di questo immaginario dalla storia travagliata risalgono ad un conflitto misterioso, in seguito al quale la Trinità del Reale fu suddivisa in tre grandi regni. Luce e oscurità trovarono asilo rispettivamente nel Paradiso e nell'Inferno, mentre nel mezzo si generò il mondo degli esseri umani. In questo piano della realtà in cui ogni elemento sembrava confondersi e svanire in un dedalo di scale di grigio, il genere umano si ritrovò a prosperare.

    Ognuno dei reami aveva necessità di essere governato, soprattutto il caotico mondo che separava Inferno e Paradiso. Fu così che emerse un'entità nota come Aesir, che assunse il controllo del reame del Caos. Con l'obiettivo di mantenere un equilibrio tra Luce e Oscurità, la divinità generò gli Occhi del Mondo, due frammenti di puro potere, che assegnò ad altrettanti clan di esseri umani. L'Occhio Sinistro fu donato alle Streghe di Umbra, seguaci dell'ombra, mentre l'Occhio Destro venne affidato ai Saggi di Lumen, discepoli della Luce.

    Nel dare ordine al mondo del Caos, Aesir finì per dissolversi, smarrendo la sua unitarietà e generando qualcosa di molto simile a due gemelli. Da un lato, Loki ereditò la metà buona del suo animo, mentre dall'altro Loptr ne ereditò la metà malvagia.

    Mentre le due entità lentamente crescevano e vedevano aumentare il proprio potere, gli esseri umani plasmavano la propria esistenza, secolo dopo secolo. In questa fase, il mantenimento dell'equilibrio raggiunto fu affidato ad un vincolo inderogabile: la netta separazione tra le Streghe di Umbra e i Saggi di Lumen.

    Tale editto, il cui obiettivo era di mantenere separati i due Occhi del Mondo, fu tuttavia infranto dai genitori di Bayonetta. Rosa e Balder, rispettivamente una strega e un seguace del Paradiso, si unirono segretamente in matrimonio, arrivando persino a concepire una figlia, che chiamarono Cereza. Inevitabilmente, tuttavia, il loro peccato fu scoperto, tramutandosi nella scintilla che condusse allo scoppio di un violento conflitto.

    La Guerra dei Clan, così fu chiamato, vide contrapporti i Saggi di Lumen e le Streghe di Umbra, con queste ultime che ebbero infine la meglio. Nonostante la vittoria, il destino di Rosa e Cereza restò oscuro, con la donna e la bambina imprigionate dalle compagne e trattate come reiette del clan.

    Il destino di Cereza

    Tuttavia, il destino della piccola Cereza, nata dall'unione di Luce e Ombra, non poteva che essere speciale. Pur cresciuta come una rinnegata, la bimba riuscì a farsi amica un'altra giovane Strega: Jeanne. Quest'ultima non era altri che l'erede designata per il ruolo di guida della congrega di Umbra, vera e propria principessa del clan. Per poter rivendicare il proprio ruolo, tuttavia, Jeanne doveva prima sconfiggere in combattimento una sua pari. La ragazza fece a sorpresa il nome di Cereza, la cui apparente innocenza si rivelò però celare una forza e un potere straordinari. Fu così che la figlia di Rosa e Balder finì per ereditare l'Occhio Sinistro del Mondo. Nel frattempo, il padre, ultimo Saggio di Lumen, aveva acquisito il controllo dell'Occhio Destro del Mondo.

    Sobillato dagli Angeli del Paradiso, in costante lotta coi Demoni dell'Inferno, il padre di Cereza si lasciò convincere del rischio di un'imminente rottura degli equilibri. Certo che le Streghe di Umbra avrebbero ben presto dato il via ad una rivoluzione, Balder iniziò a seminare il terrore tra le menti degli umani dell'epoca. Il XV secolo si apriva così con lo scatenarsi di una monumentale Caccia alle Streghe, condotta da uomini e donne tramutatisi in pedine inconsapevoli di un perpetuo conflitto tra Luce e Ombra.

    Quando le seguaci di Umbra erano ormai state decimate, Balder scoprì di essere stato raggirato dal Paradiso. Nel tentativo di aiutare la sua amata, raggiunse Rosa, ormai ferita sul campo di battaglia. Mentre cercava di offrirle soccorso, il Saggio di Lumen vide apparire un misterioso ragazzo dai capelli argentati, che scatenò contro di lui un violento colpo.

    L'attacco gli sarebbe valso una morte certa, ma Rosa lo intercettò per lui. Vittima dell'aggressione fatale, la donna morì tra le sue braccia, pregando Balder di prendersi cura di Cereza. La promessa e il lutto dell'uomo furono però interrotti dall'improvvisa apparizione di un portale spazio-temporale, che trasportò Balder 500 anni nel futuro.

    Nel frattempo, Cereza e Jeanne erano ormai le due uniche sopravvissute sul campo di battaglia. Nel tentativo di proteggere la custode dell'Occhio Sinistro del Mondo, la mancata regina di Umbra imprigionò l'amica all'interno della potente pietra. Successivamente, allo scopo di preservare l'equilibrio del mondo conosciuto, Jeanne condannò Cereza ad un sonno profondo e la sigillò in una bara, che poi celò nelle profondità di un lago. Rimasta sola, la Strega di Umbra riprese la sua lotta contro gli Angeli del Paradiso, viaggiando in continuazione.

    Bayonetta e Cereza: quando una Strega salva se stessa

    La storia narrata in Bayonetta comincia in medias res, con il giocatore che - ignaro di quanto rievocato sino a qui - assiste al risveglio di una donna da un sarcofago emerso dalle acque di un lago. Ovviamente, il personaggio non è altri che Cereza, che dopo 500 anni di sonno e prigionia ha ormai smarrito la maggior parte dei suoi ricordi. Memore però della sua missione di Strega, la donna assume il nome di Bayonetta e conduce una caccia spietata ai danni degli Angeli. L'incantatrice arriverà persino a fingersi per anni una suora, con l'intento di attirare gli Angeli con le sue preghiere, solamente per poi sterminarli brutalmente.

    Tale quotidianità si interrompe con il ritorno in scena di Jeanne, della quale Bayonetta non ha però alcuna memoria. Tra scontri, provocazioni e dichiarazioni sibilline, la strega dai capelli argentati affronterà più volte la protagonista, risvegliando ogni volta in lei un frammento del suo passato. A complicare le cose, interviene la misteriosa apparizione di una bambina, che si presenta a Bayonetta come Cereza. Convinta che la Strega sia sua madre, la piccola - apparentemente indifesa - appare e scompare nel corso della storia, sino a instaurare un legame di affetto con l'alter-ego del giocatore.

    Quando in un ennesimo scontro Bayonetta sconfigge definitivamente Jeanne,

    quest'ultima sembra finalmente riuscire a liberarsi da un'oscurità interiore e rivela all'amica ritrovata la verità sul suo passato. Le nuove scoperte conducono la Strega e la piccola Cereza di fronte a Balder. Qui, l'uomo rivela il suo oscuro piano: ricongiungere i due Occhi del Mondo per dare nuova vita a Jubileus, la Dea Creatrice, e plasmare così un nuovo universo. Nel far questo, Balder svela di aver viaggiato nel tempo, solamente per rapire la piccola Cereza dal passato e far sì che Bayonetta si affezionasse alla bambina. Allo stesso modo, il vecchio Saggio di Lumen aveva corrotto e manipolato la mente di Jeanne, facendola rivoltare contro la compagna di un tempo.

    L'obiettivo finale di questo piano complesso era favorire una nuova presa di coscienza da parte della figlia, che solo recuperando i suoi ricordi avrebbe potuto liberare il potere dell'Occhio Sinistro del Mondo. Quando ormai tutto sembra perduto e il piano di Balder riuscito, il rituale di resurrezione di Jubileus ha inizio. L'intervento di Jeanne - miracolosamente ancora in vita e ormai libera di ogni controllo mentale - riesce però a liberare Bayonetta, mentre l'azione di Balder riporta in vita una Dea Creatrice dotata solamente di metà della sua reale potenza. Combattendo unite, le due Streghe di Umbra riescono a evocare la manifestazione demoniaca della Regina dell'Inferno, che distrugge la divinità del Paradiso.

    Al termine dell'epico scontro, Bayonetta - ormai consapevole del suo potere - riconduce Cereza nel passato. Facendo dono alla piccola di un amuleto, tuttavia, altera la storia, creando una linea temporale nella quale Balder non riuscirà a rapire la piccola e a trasportarla nel futuro. La definitiva riconciliazione tra Bayonetta e Jeanne segna la conclusione del primo capitolo di Bayonetta, incentrato sulla rivelazione delle cospirazioni del Paradiso, la riscoperta di sé e la battaglia della protagonista per salvare se stessa, tanto nel passato quanto nel presente.

    Bayonetta 2: in guerra per gli altri

    In Bayonetta 2, il tempo ha portato le due Streghe di Umbra a rinsaldare il proprio

    legame, senza per questo rinnegare i propri doveri nei confronti dell'Inferno. Le ultime mosse degli Angeli, tuttavia, stanno preoccupando Jeanne, che sospetta che qualcosa di oscuro stia per accadere. L'intuito dell'incantatrice scarlatta non sbaglia e Bayonetta ne ha tragica conferma durante una battaglia apparentemente comune. Dopo aver evocato un Demone, la Strega ne perde infatti il controllo, con una drammatica conseguenza: l'entità aggredisce Jeanne e ne trascina l'anima all'Inferno. Distrutta dalla perdita, Bayonetta decide di varcare i confini degli Inferi per salvare l'amica, ma il tempo stringe. L'anima di Jeanne non potrà infatti sopravvivere a lungo nei meandri delle tenebre. Per questa ragione, la protagonista è disposta ad accettare ogni possibile aiuto, anche quello offerto da un giovane sconosciuto, un ragazzino dai cappelli argentati che si presenta come Loki. Come la Bayonetta del primo capitolo, anche il giovane non sembra ricordare molto del suo passato, ma il suo istinto gli dice che deve raggiungere la vetta del Monte Fimbulventr. La leggenda vuole che questo luogo sia legato a nientemeno che Aesir, il Dio del Caos e creatore degli Occhi del Mondo.

    In prossimità della vetta, si trova anche uno dei portali per accedere all'Inferno, una circostanza che spingerà Bayonetta e Loki a condividere il cammino. Ben presto, però, una minaccia si affaccia all'orizzonte, quando un Saggio di Lumen dal volto celato appare ripetutamente, ostacolando l'avanzata del duo. In seguito ad uno scontro particolarmente spettacolare, Bayonetta riesce finalmente a raggiungere Jeanne e a liberarla dal morso dell'Inferno, così che la sua anima possa fare ritorno nel mondo degli esseri umani. La Strega non ha però il tempo di festeggiare, perché un nuovo intervento del mascherato antagonista la costringe ad un'ennesima battaglia.

    Nel corso di quest'ultima, scopriamo così che il Saggio di Lumen non è altri che Balder, che in questa linea temporale sta cercando di vendicare la morte di Rosa. Guidato da un personaggio misterioso noto come il Profeta, l'uomo ha potuto riconoscere nei suoi ricordi il giovane Loki, che presenta le medesime fattezze dell'aggressore che aveva causato il sacrificio e la morte di Rosa.

    In seguito a questa rivelazione, il ragazzino perde il controllo dei suoi poteri e causa l'apertura di un varco temporale, che riporta Bayonetta e Balder indietro nel tempo.

    Neanche a dirlo, i due si ritrovano 500 anni nel passato, al cuore della battaglia tra Paradiso e Streghe di Umbra. I due sono però separati, e per un primo periodo la protagonista combatte a fianco alla madre. In questa fase, Bayonetta incontra nientemeno che Loptr: i lettori più attenti avranno infatti ormai intuito il coinvolgimento nella vicenda degli eredi di Aesir. Nel passato, Bayonetta e Balder si ricongiungono, e assistono infine impotenti alla morte di Rosa. Compreso finalmente che il responsabile della dipartita della Strega non è Loki, bensì lo stesso Loptr, padre e figlia tornano nel presente determinati a cercare vendetta. Balder comprende di essere stato ingannato sin dall'inizio dal Profeta e conduce Bayonetta al suo cospetto. Qui, viene svelato ogni arcano. Loptr - alias il Profeta - ha cospirato per riunire Loki, Bayonetta e Balder allo scopo di sfruttare il potere degli Occhi del Mondo, rigenerare Aesir e assumere il controllo del mondo degli esseri umani.

    Prende così il via un'epica battaglia finale, che vede Loki dare fondo ad ogni suo potere, sino a scoprire di poter persino cancellare l'esistenza degli stessi Occhi del Mondo. Distrutti gli artefatti, Bayonetta e Balder uniscono le forze per sconfiggere Loptr, le cui spoglie mortali vengono annichilite.L'anima dell'entità, tuttavia, non può essere distrutta.

    Mentre quest'ultima cerca di fuggire, il padre di Bayonetta decide di assorbirla dentro di sé, pur consapevole che con il tempo la malvagità di Loptr finirà per corromperlo. Per scongiurare l'eventualità di un disastro, chiede alla figlia di giurare che, se mai sarà necessario, dovrà dimenticare di essere Cereza e porre fine alla sua vita.

    Chiudendo il cerchio iniziato col primo capitolo, Bayonetta 2 ci rivela dunque la reale causa della corruzione di Balder nel primo Bayonetta: in futuro l'uomo cederà al richiamo dell'oscurità dell'anima di Loptr. Dopo aver compreso la realtà, la Strega di Umbra si ricongiunge a Jeanne, mentre Loki si congeda da Bayonetta. Dopo aver combattuto per la salvezza di Jeanne e aver calcato i campi di battaglia accanto alla madre e al padre, Bayonetta è ora pronta per una nuova avventura: il debutto di Bayonetta 3 è ormai dietro l'angolo.

    Bayonetta 3 Con una mitologia tanto intricata quanto suggestiva, la saga di Bayonetta si appresta a compiere un nuovo passo il prossimo 28 ottobre 2022. Con l'esordio di Bayonetta 3 su Nintendo Switch, la Strega di Umbra avrà l'occasione di proseguire il suo difficile percorso di crescita e maturazione. Dopo aver combattuto per se stessa nel primo Bayonetta e aver lottato accanto a Jeanne, Rosa e Balder in Bayonetta 2, l'incantatrice di Platinum Games tornerà a scatenare bocche da fuoco e demoni arcani, ma questa volta l'obiettivo sarà la salvezza dell'intero genere umano.

    Che voto dai a: Bayonetta 3

    Media Voto Utenti
    Voti: 22
    7.9
    nd