Speciale Call of Duty Campionship - Road to Los Angeles 2014

La più grande competizione eSport dedicata allo sparatutto Activision è ad un passo dalla fase finale.

speciale Call of Duty Campionship - Road to Los Angeles 2014
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Davide Leoni Davide Leoni I videogiochi entrano nella sua vita alla fine degli anni ’80, ai tempi del primo incontro con Super Mario Bros, e ancora oggi ne fanno stabilmente parte, dopo più di 20 anni. Pregi e difetti: riesce a terminare Super Mario Bros 3 in meno di otto minuti ma non ha mai finito Final Fight con un credito... ci sta ancora provando. Lo potete seguire su Facebook e su Google Plus

Torna il Call of Duty Championship, torneo ufficiale di Call of Duty che ormai da qualche anno mette in competizione tra loro i migliori giocatori dello sparatutto targato Activision. Le fasi finali della manifestazione si svolgeranno dal 28 al 30 marzo a Los Angeles, in California. Ben trentadue squadre si daranno battaglia per aggiudicarsi il ricco montepremi, un milione di dollari in totale.
Gli animi sono già caldi, ed in attesa dei furiosi match che ci terranno con il fiato sospeso alla fine del mese, ripercorriamo le tappe della competizione, dando un'occhiata ai team che hanno trionfato nel corso delle due semifinali.

Semifinali

Le squadre, provenienti da ogni parte del mondo, si sono inizialmente affrontate in una fase online, per poi scontrarsi dal vivo: le semifinali europee si sono tenute a Londra dal 28 febbraio al 2 marzo, nel prestigioso Twickenham Stadium, per poi continuare negli altri continenti. In questi eventi la competizione si rivela notevolmente serrata, poiché il corretto svolgimento delle partite è supervisionato dagli arbitri della Major League Gaming, la più importante federazione mondiale di eSports.

La competizione londinese ha visto trionfare il gruppo TCM Gaming: il team inglese ha battuto i rivali di Epsilon eSports per un punteggio di 3-1, aggiudicandosi così un premio pari a 15.000 euro.
Per quanto riguarda le squadre italiane, segnaliamo la buona prestazione di Sublime T1, la quadra ha superato la fase eliminatoria, eliminando Anarchy Killer e battendo in seguito Reign Mix con un punteggio di 3-1.
Un buonissimo risultato, peccato che il team sia stato fermato a causa dei problemi di alcuni membri proprio alla vigilia dei quarti di finale.
Sublime T1 ha avuto comunque accesso alla finalissima di Los Angeles, e i numeri per impressionare il pubblico indubbiamente ci sono tutti.
Buona fortuna, ragazzi!

Match di qualificazione fra due team italiani. La sfida Anarchy vs Sublime, ha visto il trionfo del secondo team


La semifinale americana invece si è disputata lo scorso fine settimana in Florida, nell’aula magna della Full Sail University. Strictly Business ha battuto gli storici rivali di CompLexity, guadagnandosi quindi il posto assicurato alla finalissima.

Il “game5” della finale americana.


Sognando la California

Come abbiamo detto poco sopra, la finalissima del Call of Duty Championship si terrà a Los Angeles, sul Sunset Boulevard, presso l’Hollywood Palladium, noto teatro della città. Non si tratta di una manifestazione per soli nerd. Presentatori d’eccezione (spesso ex giocatori, ma anche webstar, Youtuber e via dicendo), balletti, performance musicali dal vivo con il pubblico delle grandi occasioni: non manca proprio nulla. Le squadre sono l'attrazione principale del Call of Duty Championship, veri professionisti che hanno fatto della loro passione una professione e passano le giornate ad allenarsi. Lo scorso anno il torneo è stato vinto dal team Fariko Impact: i ragazzi della squadra si sono portati a casa ben 400.000 dollari battendo tutti i rivali in Call of Duty Black Ops 2.

La finalissima europea: TCM vs. Epsilon


Le regole sono affinate di anno in anno, ma è inutile dire che la competizione è bella intensa: le manche si svolgono solo su determinate mappe ed esclusivamente in alcune modalità prestabilite, usando certe armi a discapito di altre. Ovviamente non sono ammesse scorrettezze di alcun tipo, ma generalmente gli atleti virtuali sono molto leali e corretti, forse più di sportivi “reali” che guadagnano milioni di dollari ogni anno. E’ effettivamente difficile spiegare le sensazioni che si provano ad assistere a questi mega eventi, certamente più popolari nei paesi asiatici ma in rapida ascesa anche da noi. Si tratta, come abbiamo già detto, di uno spettacolo a tutto tondo, l’alta qualità del “pacchetto” è testimoniata anche dalle cifre in ballo, dagli sponsor che fanno a botte per apparire sulle magliette e i cappellini dei team: da Turtle Beach a SteelSeries, passando per Logitech, Razer, Astro e altri marchi di punta nel mercato degli accessori per videogiocatori.

Call of Duty: Ghosts L’edizione 2014 del Call of Duty Championship è sponsorizzata da Microsoft, le competizioni saranno trasmesse in diretta su Xbox LIVE e su Major League Gaming TV. La finale si svolgerà, come abbiamo detto, dal 28 al 30 marzo, sarà un fine mese decisamente interessante per tutti gli appassionati di eSports e sparatutto. Noi di Everyeye.it saremo presenti all'evento, restate quindi sulle nostre pagine per un coverage completo, per tutti i commenti pre-partita, e per le interviste con i team.

Che voto dai a: Call of Duty: Ghosts

Media Voto Utenti
Voti: 77
6.2
nd