Esport

Call of Duty World League: periferiche e accessori dei giocatori professionisti

Vi siete sempre chiesti quali siano le periferiche fondamentali utilizzate dai giocatori professionisti di Call of Duty? Ecco le diverse soluzioni!

speciale Call of Duty World League: periferiche e accessori dei giocatori professionisti
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Moltissimi spettatori hanno seguito i primi due eventi live della Call of Duty World League: in tanti, allora, mossi dalla curiosità, hanno iniziato a chiedere consigli su quali siano le migliori periferiche per iniziare a competere sul famosissimo shooter targato Activision. Abbiamo deciso quindi di dedicare all'argomento un articolo apposito con i nostri suggerimenti: per fortuna parliamo di un gioco il cui settore competitivo è incentrato su PlayStation 4, il che richiederà pertanto un investimento non così oneroso, se paragonato ad una piattaforma economicamente più impegnativa come il PC.

    Gamepad: il migliore amico del giocatore

    Ci sono diverse filosofie di pensiero relative a quali siano i migliori gamepad in circolazione e quali tecniche adottare per garantire prestazioni più efficienti.

    Un esempio di "Claw Grip"

    Alcuni giocatori puntano al risparmio, sfruttando il classico Dualshock di casa Sony, impugnandolo però in "claw": questa tecnica prevede l'utilizzo del dito indice piegato su se stesso a ridosso dei tasti del pad in modo che, con una leggera pressione, l'utente sia in grado di premere i tasti necessari, lasciando così il pollice fisso sulla levetta sinistra.
    Ci sono invece altri giocatori che decidono di investire in gamepad moddati - e riconosciuti ufficialmente dal circuito Esport di Call of Duty - realizzati da numerose aziende sul mercato globale.
    Il più famoso ed utilizzato da quasi tutti i professionisti è sicuramente il controller prodotto da Scuf, le cui peculiarità sono ormai conosciute ed apprezzate da migliaia di giocatori di tutto il mondo: i pad Scuf sono dotati di paddles posizionati sul retro che sostituiscono i tasti X e Quadrato, permettendoci così di mantenere i pollici ben saldi sulle levette analogiche.

    Scuf ha inoltre brevettato il sistema "Trigger Stop", che garantisce un gioco minore dei grilletti posteriori, dunque un tempo di risposta ridotto rispetto al pad tradizionale. Con l'aggiunta della possibilità di cambiare le levette analogiche secondo le proprie preferenze, Scuf è indubbiamente il migliore dei gamepad in circolazione.

    L'audio: caratteristica fondamentale

    In Call of Duty è anche fondamentale riuscire a sentire i passi dei nemici, nonché qualsiasi altro rumore che potrebbe fare la differenza sull'esito dei match. Essere messi in condizione di percepire l'arrivo di uno sfidante alle spalle, del resto, è indubbiamente un vantaggio che va sfruttato a dovere.

    Vi sono numerose aziende che producono cuffie, ma la marca prediletta dai giocatori professionisti resta Astro Gaming, che con un buon compromesso qualità/prezzo offre la possibilità di usufruire di un piccolo amplificatore a parte che consente agli utenti di regolare l'audio in game, bilanciando chat vocale e campionature ambientali in modo tale da beneficiare di esperienze più immersive, precise e coinvolgenti.

    Monitor: l'elemento fondamentale

    Sebbene la frequenza di aggiornamento delle console tramite cavo HDMI resti fissa a 74MHz, possedere un monitor con caratteristiche imprescindibili quali il tempo di risposta inferiore ai 2 millisecondi, un buon equalizzatore delle scale di nero e la dimensione dello schermo non superiore ai 24", è assolutamente essenziale.
    Questa grandezza è consigliata proprio perché lo standard dei monitor da competizione si aggira attorno ai 22": acquistando dunque un pannello con simili caratteristiche non vi troverete a disagio in caso voleste partecipare ad eventi e tornei dal vivo.

    Asus e Benq sono due tra le aziende che preferiamo, sebbene non siano le più economiche. Entrambe propongono prodotti di alta qualità, che vantano sia le specifiche sopracitate, sia una durata non indifferente. Spendere il giusto prezzo per un ottimo monitor è un investimento a lungo termine che vi garantirà la qualità delle immagini necessaria per competere con le armi migliori.

    Set-up base: completato!

    Vi abbiamo parlato quindi di quelle che sono indubbiamente le periferiche base necessarie per rendervi la "vita online" il più confortevole possibile. Nel tempo sono stati inoltre diffusi sul mercato anche altri accessori che forniscono un valido aiuto in game, come gli occhiali da gaming e i "Kontrol Freek" che si applicano sulle levette analogiche per aumentarne la precisione. Ma si tratta comunque di accessori non essenziali.
    Ricordate sempre che, a monte di tutto, le periferiche fondamentali restano le vostre mani ed il vostro cervello che vanno allenati con costanza e pazienza! E sarà proprio questo l'argomento del nostro prossimo articolo, nel quale vi introdurremo al mondo delle competizioni per spiegarvi come potreste iniziare nel migliore dei modi.

    Che voto dai a: Call of Duty WWII

    Media Voto Utenti
    Voti: 94
    7
    nd