Esport

Celebrity eSport: quando l'investimento arriva dal portafoglio dei VIP

Chi sono gli investitori nell'eSport? A quanto pare soprattutto le celebrità. Ecco alcuni delle star che hanno deciso di compiere il grande passo...

speciale Celebrity eSport: quando l'investimento arriva dal portafoglio dei VIP
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • L'esport, proprio come qualsiasi altro settore in rapida crescita, fa affidamento sulle continue iniezioni di denaro. Come ben sappiamo, le proiezioni attuali degli analisti concordano più o meno tutte su un dato: mostrano che l'intero settore raggiungerà un valore superiore a 1 miliardo di Dollari entro il 2020, ma ciò non significa che le squadre e le organizzazioni stiano attualmente generando proprio quel preciso profitto. Stiamo ovviamente parlando delle realtà di primissima fascia. In questa "Terra di Nessuno" gli investimenti dei cosiddetti "angeli", spesso pensando a lungo termine e a fondo perduto, consentono quindi di coprire le spese di squadre e organizzazioni e forniscono materialmente i finanziamenti non solo per la mera sopravvivenza ma anche per l'avvio di una successiva espansione nel settore. Ciò, ad esempio, arriva a includere l'approntamento di spazi dedicati al gaming in cui i giocatori si allenano e possono stringere un rapporto più stretto con i fan; la costruzione di squadre o l'acquisto spot in cui far giocare proprio le formazioni costituite.

    Il portafoglio a fisarmonica delle celebrità

    L'enorme potenziale dell'esport è ormai chiaro a tutti, quindi l'interesse che lo circonda sta via via aumentanto, attirando parti (molto spesso, insospettabili) che desiderano accaparrarsi una fetta dei futuri guadagni. Però, per guadagnare prima bisogna ovviamente investire, come dicevamo. E, di solito, si parla di tantissimi soldi. Milioni di Dollari.

    Spesso tale esborso economico se lo possono permettere società di capitali di rischio o fondi costituiti ad hoc che diversificano i loro investimenti in un gran numero di settori e uno di questi è diventato proprio l'esport. Accanto a questi soggetti, però, si accalcano anche molti personaggi famosi, consapevoli del potenziale del gaming competitivo e disposti a puntare sulla "novità", sganciando un bel po' di quattrini. Questi VIP provengono dal mondo dello spettacolo, dagli sport tradizionali o da qualche altro settore, ma tutti sono nomi familiari e tutti hanno un proprio, preciso interesse nell'esport. Abbiamo quindi pensato di stilare una piccola lista delle personalità più importanti attive nel gaming competitivo in questo momento. Considerate questo elenco solo il primo, perché le celebrità si stanno moltiplicando e tutte meritano attenzione.

    Shaquille O'Neal

    Iniziamo con l'Uomo d'Acciaio. "Shaq" è, incontestabilmente, considerato una leggenda dell'NBA. La sua personalità, unita a una stazza che non l'hanno fatto certo passare inosservato, gli hanno permesso di creare rapidamente un impero grazie a un'attività di personal branding estremamente efficace: videogiochi, film, una carriera da rapper (cinque album all'attivo) e merchandise vario, il tutto tenuto rigorosamente fuori dalla sua professione. Dopo aver concluso la propria carriera di cestista (ricordiamolo: Orlando, Lakers, Heat, Suns, Cavaliers, Celtics e due ori alle Olimpiadi) e oltre a esser commentatore televisivo, Shaq ha partecipato a molteplici investimenti attingendo dal proprio, incalcolabile patrimonio.

    Oggi è impegnato nell'organizzazione NRG dove Shaq assieme ad altri investitori (Jennifer Lopez e ad altri ex sportivi di spicco) ha raccolto oltre $ 15 milioni di finanziamento. L'organizzazione ora gestisce i San Francisco Shock, una franchigia della Overwatch League, e molte altre formazioni sparse su più titoli. Shaq è anche coinvolto attivamente nella gestione e nella crescita dell'organizzazione e sempre ben disposto a sfruttare la propria influenza per boostare la promozione dei giocatori. Non tanto tempo fa, se ricordate, aveva postato un video su Twitter in cui dava il bentornato in seno all'organizzazione di "KingRichard", un giocatore di Fortnite. Non dimentichiamo, per concludere, che Shaq è anche il general manager dei Kings Guard, formazione competitiva dei Sacramento Kings che partecipa alla NBA 2K League.

    Ashton Kutcher

    L'ex di Demi Moore (perché, suvvia, ce lo ricordiamo tutti per quel ruolo) nella vita fuori dal set è tutto fuorché uno scapestrato burlone. Sa bene dove investire i propri soldi. L'attore è diventato un venture capitalist di successo in questi ultimi anni. Kutcher ha investito in società tecnologiche direttamente o tramite la sua compagnia "Sound Ventures", mettendo soldi in Airbnb, Skype e molte altre attività che si concentrano sull'ecommerce. È uno dei grandi investitori di Unikrn, una piattaforma di scommesse in criptovaluta. Che, ovviamente, si occupa delle scommesse sull'esport e non solo. Questo investimento ha dato i propri frutti quando Unikrn ha ottenuto una licenza totale per il gioco d'azzardo nell'Isola di Man. Senza contare, infine, che possiede una partecipazione rilevante nella nuova piattaforma di streaming caffeine.tv.

    Michael Jordan

    MJ è il più grande giocatore NBA di tutti i tempi, su questo non ci piove. Jordan ha anche tentato le vie della MLB e del Golf con scarsissimi risultati. La leggenda del basket, però, è da qualche tempo coinvolto anche nell'esport. Fa parte di aXiomatic, un gruppo che possiede il Team Liquid. Michael Jordan non è entrato nell'investimento da solo. O, meglio, ci è entrato personalmente ma affiancato da Curtis Polk, amico di MJ che ne cura gli affari e partecipa al board amministrativo dei Charlotte Hornets...di proprietà dello stesso Jordan.
    Il più grande cestista di sempre può vantare un patrimonio netto di $ 1,7 miliardi. Di sicuro il gaming competitivo potrebbe costituire una notevole valvola di sfogo per i suoi futuri investimenti.

    Steve Aoki e gli Imagine Dragons

    Facoltoso e talentuoso DJ e produttore EDM non è per nulla estraneo al richiamo di tutto ciò che è tecnologico, visto che è una figura di spicco nell'ascesa dell'electro house. Naturalmente, essendo anche un giocatore, Aoki ha trovato il modo di acquistare il team Rogue Gaming (organizzazione con sede a Las Vegas), il quale è stato poi acquisito da Rekt Global. Il team è attivo in sei titoli competitivi, tra cui Fortnite , PUBG e FIFA, e recentemente ha visto l'entrata in scena degli Imagine Dragons, i quali hanno investito direttamente in ReKTGlobal.

    La band, ormai nota al grande pubblico (anche videoludico, per la canzone Radioactive, utilizzata in Assassin's Creed III) ha dimostrato una notevole passione per gli esport.
    La band ha scritto anche una canzone ispirata a League of Legends intitolata "Warriors", che hanno successivamente cantato, ospiti, ai Campionati del Mondo 2014.

    Rick Fox

    Questo ex giocatore NBA non è forse molto conosciuto al grande pubblico per le proprie prodezze sportive. Però, come uomo d'affari, Fox se la cava molto bene. Da sempre interessato al gaming competitivo, Fox è stato tra i primi a intravedere importanti opportunità: è il fondatore e CEO di Echo Fox, che ora gareggia in oltre una dozzina di titoli diversi, con una presenza particolarmente forte in League of Legends. Non solo: ha anche fatto parte della cordata di investitori che ha messo i 15 milioni di Dollari nei NRG. Sulla questione del conflitto d'interessi non ci pronunciamo, in quanto le prime norme che la vietano stanno nascendo proprio in questo ultimo periodo.

    Drake

    Il "genio assoluto" dell'hip-hop, il canadese Drake, in questo momento è il prezzemolino delle classifiche di tutto il mondo. Il cantante è anche un videogiocatore, tanto da far esplodere Twitch e Twitter quando, l'anno scorso, s'è messo a giocare con Ninja. Inoltre, non contento, ha deciso di investire nell'esport mettendo sul piatto qualche spicciolo che gli avanzava nel portafogli.

    Ed è stata una grande notizia per 100 Thieves, una delle società di esport più conosciute negli USA, di proprietà di NadeShot. Il cantante ha investito $ 25 milioni insieme a Dan Gilbert (uomo d'affari con un partimonio stimato di oltre sei miliardi di Dollari, nonché co-proprietario tra gli altri dei Cleveland Cavaliers) e Scott Samuel Braun (imprenditore e rappresentante di molti cantanti; scopritore - che fortuna! - di Justin Bieber e business angel di Spotify, Uber e DropBox).

    Che voto dai a: Fortnite

    Media Voto Utenti
    Voti: 666
    8
    nd