eSport

Clash Royale: quando l'eSport incontra il mobile gaming

Uno sguardo alla scena competitiva di Clash Royale, uno dei giochi mobile più popolari degli ultimi anni, sviluppato dagli autori di Clash of Clans.

speciale Clash Royale: quando l'eSport incontra il mobile gaming
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming

Quando si parla di eSport, probabilmente la prima immagine che viene in mente è quella di un giocatore seduto su un'ergonomica sedia da gaming, con sguardo fisso e concentrato sullo schermo di un PC, mani appoggiate su mouse e tastiera, e un paio di cuffie ben salde sulle orecchie, pronto a mettere in gioco strategie e riflessi nel mondo virtuale. Nel migliore dei casi, il tutto è racchiuso in un'arena gremita di spettatori, rigorosamente illuminata da luci colorate e ricoperta di maxischermi, con tanto di sponsor, presentatori e commentatori.

Tuttavia il mondo degli eSport è costantemente alla ricerca di nuove piattaforme e titoli per poter espandere i propri orizzonti. In questo scenario, caratterizzato dal continuo progresso tecnologico e dallo sviluppo di hardware con prestazioni sempre più elevate, il gaming competitivo ha aperto le porte anche a smartphone e tablet. Ed è proprio questa la direzione verso cui il team di Supercell ha deciso di puntare con lo sviluppo di Clash Royale, gioco strategico disponibile per dispositivi iOS e Android incentrato esclusivamente sull'approccio player-versus-player. Dopo circa un anno e mezzo dal rilascio, Clash Royale può tranquillamente essere definito un fenomeno di massa diffuso tra giovani e meno giovani. La casa produttrice finlandese ha incentrato fin dall'inizio i propri sforzi sull'animo esportivo del gioco, proponendo competizioni e ascoltando i consigli della community.

2017: un anno da "incoronare"

Nel corso di questo 2017 l'azienda ha fatto passi da gigante (per non dire da Golem) nel miglioramento dell'organizzazione e della varietà degli eventi proposti alla community, confermando fortemente la propria presenza nel mondo degli eSport legati al mobile gaming. Nei primi giorni di Maggio, infatti, Supercell prende in mano la situazione e annuncia il Crown Championship, una competizione su scala globale aperta a tutti, al termine della quale verrà eletto il campione mondiale di Clash Royale. Un annuncio decisamente interessante, che viene reso ancora più appetibile dall'esorbitante cifra predisposta per il montepremi: 1 milione di dollari.

Tra meno di un mese, l'enorme competizione di Clash Royale che ha reso partecipi oltre 28 milioni di giocatori, giungerà al termine con le tanto attese World Finals, che si terranno il 3 Dicembre a Londra, presso la Copper Box Arena, dove i 16 migliori giocatori di tutto il mondo si sfideranno per aggiudicarsi l'ambito titolo e, ovviamente, anche un bel po' di soldini; il vincitore tornerà a casa con la bellezza di 150.000$ in tasca e con una corona sul capo che, vicino a quella cifra, passa quasi in secondo piano.

Le Finals saranno ovviamente trasmesse in diretta streaming, con tanto di pubblico e commentatori. Inoltre, per incentivare la presenza di spettatori in carne ed ossa, ogni possessore di un biglietto per l'evento di Londra( costo 40£), riceverà dei gadget esclusivi per un valore stimato di circa 60£.
Tuttavia il Crown Championship non è l'unico evento internazionale organizzato dal team di Clash Royale nel corso di quest'anno solare. Tra le altre competizioni di rilievo possiamo evidenziare la seconda edizione della King's Cup (https://www.kingscuptournament.com/), tenutasi ad Atlanta e caratterizzata da un format decisamente creativo: il torneo ha visto infatti affrontarsi diverse squadre, ciascuna delle quali composta da un giocatore professionista, uno youtuber e uno sfidante dal pubblico. Al di là del montepremi (200.000$ complessivi) e della squadra vincitrice, formata da Surgical Goblin, Clash With Ash e Vulkan, l'evento è stato l'esempio emblematico delle capacità organizzative di Supercell che, grazie a questo format, si è garantita un pubblico vasto ed eterogeneo.

La pubblicizzazione di tali eventi, inoltre, è sempre accompagnata da notizie reperibili direttamente all'interno del gioco e da sfide a tema, capaci di attirare l'attenzione anche di chi, del termine eSport, non ha mai sentito parlare.

Ma chi sono i giocatori più temuti in Europa?

Come spesso accade nell'universo esportivo, i migliori giocatori di Clash Royale sono suddivisi in diversi team, che investono denaro e risorse per portare alto il proprio nome nelle maggiori competizioni internazionali. Uno dei giocatori più rispettati, e ritenuto il numero uno al mondo da molti, è il già citato Surgical Goblin. L'olandese, appartenente al Team Queso, oltre ad aver vinto l'ultima edizione della King's Cup, si è anche piazzato sul gradino più alto del podio nel torneo organizzato dalla ESWC durante la Paris Games Week.

Tuttavia, proprio come appena successo alla nostra Nazionale di calcio, anche Surgical Goblin, a grande sorpresa, non è riuscito a superare le qualificazioni europee per le finali mondiali del Crown Championship, dopo aver condotto pressoché l'intera stagione in vetta al gruppo. Alle Finals di Londra andranno invece il francese Loupanji e il tedesco Berin, entrambi appartenenti al team Nova eSports.
Per quanto riguarda l'Italia, purtroppo nessun giocatore è riuscito a qualificarsi per le fasi finali del campionato mondiale. Un gruppo di giovani promesse azzurre è rappresentato dal Team QLASH, che speriamo di poter seguire il prima possibile in un evento internazionale.

Che voto dai a: Clash Royale

Media Voto Utenti
Voti totali: 7
8.7
nd