Come se la cava GTA 5 per PlayStation 5? Bentornati a Los Santos

Abbiamo provato Grand Theft Auto 5 su PS5: il gioco Rockstar risplende anche sulle console di attuale generazione?

GTA 5 con grafica Next-Gen
Speciale: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Xbox 360
  • PS3
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Il terzo debutto generazionale di GTA V è un evento con un sapore spiccatamente agrodolce, anche per i più devoti tra gli estimatori dell'epopea criminosa di Rockstar. Se da una parte la pubblicazione dell'aggiornamento "current gen" rappresenta infatti una lieta novella per i frequentatori abituali di Los Santos, dall'altra l'esordio in 4K del titolo torna a rimarcare un'amara consapevolezza: è ormai passato un decennio dall'uscita dell'ultima iterazione della serie, e l'attesa comincia a farsi quasi dolorosa.

    Proprio durante il percorso di avvicinamento al lancio dell'update, la compagnia ha finalmente confermato che i lavori sul sesto capitolo sono iniziati già da tempo, sebbene al momento non sia stata ufficializzata alcuna informazione sul progetto, ancora avvolto dal più assoluto riserbo (a proposito, ecco tutti i nuovi rumor su GTA 6). In attesa di scoprire quali orizzonti attendono i nostri futuri campioni del malaffare, siamo lieti di confermarvi che GTA V si comporta piuttosto bene sulla nuova ammiraglia di PlayStation, tanto sul versante single player quanto su quello multigiocatore.

    Benvenuti a Los Santos... di nuovo

    Partiamo col precisare che la nuova versione di GTA V non segna una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda l'assetto grafico del titolo, che malgrado gli interventi operati mostra chiaramente le proprie radici "old old gen". Una considerazione che riguarda in particolar modo elementi come modelli poligonali, texturing, animazioni e resa dei materiali, vincolati a standard ormai datati.

    Parliamo però di un titolo che si è sempre dimostrato straordinariamente resistente al passaggio degli anni, grazie soprattutto alla capacità di Rockstar di "alzare l'asticella" (su più fronti) con ogni sua produzione. Su queste note, vale la pena di aggiungere che l'ultima edizione del gioco appare comunque coerente con i canoni di questo genere di operazioni, proponendo una serie di migliorie con un impatto significativo sulla godibilità generale dell'offerta. Iniziamo dunque dalla novità più eclatante tra quelle presenti nel pacchetto, ovvero l'introduzione di tre preset grafici con un diverso rapporto tra fluidità e qualità dell'immagine. Il primo di questi, la modalità "Fedeltà", offre una risoluzione fissata a 4K nativi, con supporto al ray tracing e un frame rate solidamente ancorato alla soglia del 30 fps, sostanzialmente privo di fluttuazioni. Il preset "Prestazioni" porta invece a 60 il numero dei frame al secondo, con flessioni più o meno significative sopratutto in presenza di una maggiore concentrazione di fiamme ed effetti volumetrici, il tutto a fronte di una risoluzione 4K ottenuta tramite upscaling a partire da un valore presumibilmente fissato attorno ai 1440p.

    Lo stesso metodo viene usato anche per la modalità ibrida "Prestazioni RT", che nei contesti di cui sopra manifesta cali più marcati e persistenti, giustificati da un utilizzo più generoso dell'occlusione ambientale e dalla presenza del ray tracing. Parlando della tecnica in questione, urge specificare che il suo utilizzo sembra limitato all'ombreggiatura del mondo di gioco, nettamente più "morbida" rispetto a quella ottenuta con i metodi tradizionali.

    Pur trattandosi di una piacevole aggiunta, capace di donare una maggiore naturalezza alla composizione di ogni scena, facciamo fatica a ritenerla un tassello inalienabile della proposta, dato che il suo valore resta estremamente relativo. Cionondimeno ci sentiamo di considerare la modalità "Prestazioni RT" come un ottimo compromesso per gran parte dei giocatori, anche perché durante le nostre malefatte "current gen" non ci è mai capitato di incappare in cali di frame rate tali da inficiare la fruibilità dell'esperienza.

    Tornando al preset "Fedeltà", oltre a garantire una maggiore pulizia dell'immagine, questo aumenta in maniera evidente la qualità di alcuni effetti, screen space reflection in primis. A nostro avviso, però, la fluidità delle restanti modalità ha un peso ben più consistente sul bilancio del gameplay, che a 60 fps (e dintorni) risulta quanto mai reattivo e gradevole.

    Al di là delle peculiarità delle singole modalità grafiche, la versione PS5 di GTA V vanta un sistema d'illuminazione potenziato, una distanza di visualizzazione decisamente più generosa e un'effettistica aggiornata: i già citati elementi volumetrici, in concomitanza con una migliore resa delle fiamme, tendono ad amplificare la spettacolarità degli scontri armati, ed esaltano il richiamo dei suggestivi panorami di Los Santos, tra nuvole e foschie rese più credibili rispetto alle controparti di vecchia generazione. Restando in tema di immersività, abbiamo apprezzato il lavoro svolto dal team per aumentare la quantità e la varietà dei figuranti in giro per le strade (automuniti e non), nonché la ricchezza della vegetazione presente nel variegato open world del gioco. Anche le superfici acquatiche hanno ricevuto ritocchi di valore (specialmente per ciò che concerne i riflessi), tanto che nel complesso la summa delle migliorie apportate al comparto grafico portano la nuova versione di GTA V a rivaleggiare con l'edizione PC del titolo.

    In questo senso, l'implementazione delle funzionalità del DualSense rappresenta un valore aggiunto da non sottovalutare, soprattutto considerand l'impegno mostrato da Rockstar nel valorizzare i tratti distintivi del controller di PS5. Il feedback aptico, in particolare, arricchisce il profilo sensoriale del gameplay con un ampio ventaglio di stimoli tattili, che arrivano a sottolineare elementi come l'asperità del manto stradale o l'impatto delle gocce durante i piovaschi.

    Come intuibile, anche i grilletti adattivi concorrono ad amplificare il coinvolgimento del giocatore, simulando la resistenza dei pedali durante la guida e il rinculo delle armi (ben diversificato) nel mezzo delle sparatorie. Meritano sicuramente una menzione sia i miglioramenti sul fronte sonoro, col supporto all'audio tridimensionale, sia i tempi di caricamento drasticamente ridotti (fino ad un terzo del valore precedente) grazie all'SSD di PlayStation 5, che rende sensibilmente più scorrevole anche il gioco online.

    Crimine multigiocatore

    Come anticipato, su PS5 abbiamo riscontrato tempi di attesa notevolmente ridotti per accedere alle istanze multigiocatore, sebbene sia difficile valutare quanto (e come) sia stata effettivamente ritoccata l'infrastruttura di GTA Online. A prescindere da questa incognita, dobbiamo precisare che non abbiamo rilevato variazioni significative per ciò che riguarda l'assetto del comparto multiplayer, che al pari di quello grafico mostra chiaramente le rughe di un'esperienza concepita due generazioni fa, e che già al tempo non brillava per accessibilità.

    Avvicinarsi oggi al mondo di GTAO non è dunque un'impresa da poco, sebbene il nuovo Carrer Builder possa rendere l'esordio criminale dei neofiti considerevolmente più semplice. Oltre a fornire un corposo bonus in dollari (4 milioni), il sistema in questione è pensato per instradare gli utenti tra le maglie del sottobosco malavitoso di Los Santos, permettendogli di avviare sin da subito un'attività più o meno redditizia, e gettare così le basi per il proprio impero delinquenziale.

    Raggiungere i vertici della "catena alimentare" di GTA Online richiederà comunque tempo, pazienza e impegno, ma ciò non toglie che la nuova funzionalità sia un'aggiunta assai gradita. Dal canto loro, veterani potranno riprendere i propri affari da dove li avevano interrotti su old gen, semplicemente attivando l'importazione automatica della carriera.

    Sul versante single player la trafila è leggermente più articolata, dato che i giocatori dovranno prima caricare uno dei salvataggi della versione PS4, per poi procedere alla sincronizzazione dei progressi tramite la schermata iniziale del titolo, rivista e corretta per migliorarne la fruibilità. Al netto dei passi avanti compiuti sul fronte dell'accessibilità, durante le nostre scorribande online su PS5 siamo incappati - con una certa frequenza - in qualche fastidioso problema di "desync", e abbiamo inoltre notato uno strano incremento del livello di sfida delle istanze cooperative, con nemici in grado di infliggere più danni rispetto al passato. Non sappiamo esattamente se si tratti di una variazione voluta o incidentale, ma non mancheremo di aggiornarvi non appena avremo le idee più chiare.

    Al di là di queste incertezze, nel complesso l'aggiornamento current gen di GTA V ci ha lasciati piuttosto soddisfatto. Pur non trattandosi, come anticipato, di una rivoluzione per l'epopea criminosa di Michael, Trevor e Franklin, i miglioramenti introdotti da Rockstar contribuiscono ad alleggerire il peso degli anni trascorsi dal lancio di un titolo che, a prescindere da tutto, è invecchiato sorprendentemente bene. Girovagare per le strade di Los Santos, in un tripudio di superviolenza balistica e prodezze veicolari, è insomma un'attività che merita ancora il vostro tempo, in attesa che la compagnia newyorkese decida di concederci finalmente un assaggio di quello che sarà il futuro della sua saga più celebre.

    Grand Theft Auto 5 Grazie ad un buon assortimento di migliorie tecniche e funzionalità inedite, l'esordio di GTA V su PlayStation 5 ci ha lasciato piuttosto soddisfatti. Sebbene il decennio trascorso dal lancio del titolo si faccia sentire su diversi fronti, riteniamo che Rockstar abbia fatto un buon lavoro nell'aggiornare la sua epopea criminale, tra le maglie di un'offerta ludica che risulta tuttora assolutamente godibile, pur mostrando asperità più o meno significative. L'open world di Los Santos è ancora in grado di offrire ore e ore di furioso divertimento, e non abbiamo dubbi sul fatto che l'uscita del titolo su PS5 riuscirà ad ampliare ulteriormente la fanbase del titolo di Rockstar, in attesa che lo sviluppatore si decida a mostrarci la direzione scelta per il futuro della serie.

    Che voto dai a: Grand Theft Auto 5

    Media Voto Utenti
    Voti: 560
    8.6
    nd