Death Stranding 2, OD e Physint: le mastodontiche ambizioni di Hideo Kojima

Il nuovo episodio di HideoTube è stato più interessante del previsto e ci permette di scoprire nuovi dettagli sui tre giochi di Kojima Productions.

Articolo a cura di

Dopo una lunga assenza, Hideo Kojima è andato in onda su YouTube per una nuova puntata del suo programma, chiamato appunto HideoTube. Da Death Stranding 2 On the Beach, fino all'annuncio di Physint, il papà di Metal Gear Solid ha svelato alcuni dettagli interessanti sulle produzioni in arrivo e diverse curiosità meritevoli di attenzione. Lo spazio maggiore chiaramente è stato riservato alla nuova avventura di Sam Porter Bridges, e a tal proposito vi suggeriamo di recuperare il nostro speciale su Death Stranding 2.

Death Stranding 2: personaggi, curiosità, gameplay

Come ha ricordato Kenjiro Tsuda, voce giapponese di Sam, Death Stranding è stato un gioco profetico, perché ha parlato di alcuni sconvolgimenti sociali che si sono effettivamente verificati durante la pandemia, pochi mesi dopo il debutto del titolo su PS4. Kojima stesso non credeva che nell'arco della sua esistenza avrebbe visto qualcosa di simile diventare realtà. Si è parlato poi del successo del gioco, che ha attirato l'attenzione di 16 milioni di corrieri, tra servizi come Game Pass e PlayStation Plus e acquisti diretti, ora anche su iPhone.

In merito al trailer di Death Stranding 2 apparso allo State of Play Kojima non si è sbottonato molto, ma qualche dettaglio interessante lo ha svelato. La maschera a forma di mani indossata da Fragile si chiama Second Hand: con essa è possibile lavarsi i denti e, come mostrato nel video, accendere una sigaretta (il fumo di quella vista nel trailer produce figure umane!).

Le scene del trailer sono state catturate da PS5 e la grafica, ha promesso Kojima, migliorerà ancora. Abbiamo inoltre la conferma che Sam abbandonerà il continente americano, per spingersi in altri luoghi da connettere alla Rete Chirale. Così facendo, permetterà alla nave Magellan di raggiungerli. A questo proposito, la nave potrà immergersi nel catrame, ma il suo capitano - Fragile - non sa chi l'ha costruita e la cosa è sospetta. Dopo la pandemia, l'originale script di Death Stranding 2 non funzionava più.

Ecco perché Kojima lo ha riscritto. Gli eventi del gioco cominceranno non molto dopo il finale felice del primo capitolo. Il Game Designer ha poi menzionato la figura di Lou e la sua non esistenza, uno dei misteri più grandi di questo nuovo capitolo. Sempre guardando ai volti dell'avventura, il guerriero meccanico che combatte Higgs con la sua spada è stato definito da Kojima come "un nuovo personaggio": lo rivedremo in altri momenti dell'avventura? A quanto pare, inoltre, Higgs canterà nel corso del gioco, una caratteristica questa inserita anche per mettere in luce le doti canore di Troy Baker. Le nostre spedizioni inoltre ci chiameranno a prestare attenzione agli sconvolgimenti del mondo di gioco. Hideo ha parlato di cambiamenti in tempo reale, tra inondazioni, terremoti e incendi nelle foreste. Per fortuna che avremo il pupazzo senziente interpretato da Fatih Akin a tenerci compagnia, con vere e proprie conversazioni.

Il maestro giapponese non ha voluto sbottonarsi sulla natura del gattino di catrame sulla spalla del personaggio di George Miller. Questa particolare posa del misterioso essere però è stata ripresa da Mr. Bird in Capitan Harlock. Chiudiamo infine con Elle Fanning, il cui personaggio potrebbe essere sia un alleato, sia una minaccia per Sam e i suoi. Quando al doppiatore nipponico di Sam è stato mostrato il foglio coi suoi colleghi, ha avuto più di un sussulto. È chiaro che alcuni dei personaggi già incontrati nel primo torneranno. Kojima ha sottolineato la presenza di altri nuovi volti, su cui però ha mantenuto il massimo riserbo.

Doumentario, film di Death Stranding, OD e Physint

Dopo aver ricordato l'arrivo di Connecting Worlds, documentario su di lui in uscita il 23 febbraio su Disney Plus, Kojima ha fatto riferimento anche al film live action su Death Stranding, che verrà realizzato in collaborazione con A 24. Al momento il regista della pellicola non è stato deciso e nulla ha aggiunto sul possibile coinvolgimento di Norman Reedus, ma in compenso Hideo ne ha parlato come di un film "indie" e "artistico", di quelli in grado di distinguersi a Venezia o a Cannes.

È necessario inoltre adottare il giusto approccio alla narrazione, perché decine di ore di gioco non si possono adattare con facilità a una durata di 2-3 ore. Vero è, ha ricordato il maestro giapponese, che nel recente passato tanti videogiochi di successo sono arrivati sul grande e piccolo schermo, con risultati incoraggianti (si pensi a Super Mario e a The Last of Us).

In merito a OD, realizzato con Xbox Game Studios, vale la pena di riportare una dichiarazione di Kojima: non appena conosceremo i personaggi che vi prenderanno parte, dimenticheremo del tutto il suo nome, promette, a testimonianza del prestigio degli artisti coinvolti. Infine, c'è stato uno spazio dedicato a Physint. Un titolo espionage action che Kojima produrrà per accontentare i tanti fan che gli chiedono in continuazione un "nuovo Metal Gear Solid".

A seguito di un'operazione nel 2020, in piena pandemia, il Game Designer ha riflettuto sulla morte e deciso di cambiare un po' le sue priorità: vuole sempre sperimentare, ma anche dare ascolto ai suoi tanti estimatori. Con il sostegno di Guillermo del Toro, il creativo ha resistito alle offerte provenienti da Hollywood (ora ha una compagnia sua, non può dirigere film e allontanarsene) e ha deciso di produrre un'esperienza fortemente cinematografica ma in salsa videoludica: Physint insomma lo vivremo pad alla mano, ma per i nostri genitori che lo vedranno su schermo sembrerà un film!

Non sa ancora quanto riuscirà a spingersi in questo ambito, ma è lecito aspettarsi vette grafiche di assoluto pregio dalla produzione, vista anche la sua natura da "next generation"(si, potrebbe essere un titolo per PS6).