Dying Light 2 sta arrivando: il riassunto della storia del primo gioco

In attesa di cimentarci con l'imminente Dying Light 2 Stay Human, vi proponiamo un riassunto completo del primo episodio e del suo DLC The Following.

Dying Light: il riassunto della storia
Speciale: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Nonostante la versione per Nintendo Switch sia stata rimandata, l'appuntamento con Dying Light 2: Stay Human è ancora fissato al prossimo 4 febbraio, giorno in cui l'atteso sequel di Techland esordirà su PC, PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One e Xbox Series X/S. A poche settimane dal lancio del prodotto, abbiamo quindi preparato per voi un riassunto completo degli eventi narrati dal primo episodio della serie e dal suo DLC (a proposito, qui trovate la nostra recensione di Dying Light: The Following). Siete pronti a tornare assieme a noi in mezzo alle strade della città-stato di Harran?

    Origini e caratteristiche del virus Harran

    Prima ancora di riepilogare le vicende aventi per protagonista Kyle Crane è il caso di riesaminare le informazioni in nostro possesso sul virus Harran, ovvero l'agente patogeno molto simile alla rabbia attorno al quale ruota l'intera trama di Dying Light. Sebbene le sue origini rimangano tuttora un mistero, durante il gioco originale viene menzionato che questo dovrebbe appunto essere una mutazione della rabbia, per di più caratterizzata da gravi proprietà mutagene e capace di diffondersi molto velocemente. L'unica reale debolezza del virus è rappresentata dall'intolleranza alla luce solare, difatti l'esposizione alle radiazioni ultraviolette sono in grado di ucciderlo.

    Tuttavia, trattandosi di un diretto scambio di liquidi, il morso di un infetto è talmente veloce da garantire l'infezione prima ancora che i raggi UV o la luce del sole riescano ad annientarlo. Va però specificato che la diffusione del virus all'interno del corpo della vittima può comunque essere interrotta ricorrendo all'immediata amputazione dell'arto morso dall'infetto. Inoltre, durante le fasi che precedono la trasformazione completa in zombi, il virus Harran sembra scatenare una reazione iperattiva nei soggetti colpiti, che nella stragrande maggioranza dei casi si traduce con un comportamento estremamente aggressivo.

    Stando alle ricostruzioni di David (un sopravvissuto di origini francesi e teorico della cospirazione), l'epidemia sarebbe stata provocata da una razza aliena nota come Gadoids, che avrebbe introdotto il virus sulla Terra attraverso una meteora precipitata nei pressi di Harran. Nell'espansine intitolata Dying Light: The Following, però, si presume che i responsabili dell'epidemia siano invece i militari, in quanto un flashback mostra il momento esatto in cui l'antagonista del DLC bevve una strana sostanza blu e si trasformò in un Volatile senziente.

    Dying Light

    Incaricato di recuperare il file segreto trafugato da Kadir Suleiman (l'ex-colonello divenuto lo spietato boss criminale meglio noto come Rais) e contenente una cura ancora incompleta per il virus, un agente speciale del GRE di nome Kyle Crane viene paracadutato sulla città-stato di Harran.

    Raggiunto il suolo, Crane si ritrova nei bassifondi della città in quarantena, dove dei banditi intenzionati a depredarlo lo aggrediscono immediatamente. Costretto a difendersi, l'agente segreto spara contro gli assalitori, attirando suo malgrado l'attenzione di alcuni zombi, i quali lo mordono. Salvato in extremis da Jade Aldemir e Amir (due dei pochi abitanti non ancora infetti), il quale si sacrificata per rallentare gli zombi e consentire agli altri due di darsela a gamba, un moribondo Crane viene condotto nel rifugio che i superstiti non ostili chiamano "La Torre", in quanto situato negli ultimi piani della struttura più elevata di tutta Harran. Dopo aver riposato per ben tre giorni, il protagonista riprende finalmente conoscenza e incontra Rahim Aldemir (il fratello minore di Jade, nonché aiutante del capo dei rifugiati), che subito gli restituisce i suoi effetti personali e lo invita a rendersi utile per aiutare i sopravvissuti in difficoltà. Accettando l'offerta, Crane è sottoposto dapprima a un addestramento atto a fargli apprendere le basi del parkour, affinché una volta lasciata "La Torre" riesca a sopravvivere anche da solo; dopodiché l'agente speciale del GRE viene inviato a conoscere Spike (un commerciante che rifornisce le scorte di cibo, medicinali e armi da fuoco de "La Torre"), il quale gli spiega che Harran è stata completamente abbandonata dal resto del mondo, e che l'unico modo per sopravvivere è arraffare prima degli altri superstiti i rifornimenti che il GRE paracaduta regolarmente sulla città.

    Recatosi dal dottor Imran Zere (un medico che assiste gli individui malati e allevia i sintomi dell'infezione), in modo che questi possa somministrargli una medicina chiamata "Antizin" e capace di ritardare il processo di infezione scatenato dal virus, Crane viene a sapere che qualora il dottor Allen Camden (un brillante scienziato intrappolato dall'altro capo di Harran) ricevesse i risultati delle ricerche compiute dal collega, i due medici potrebbero anche riuscire a sintetizzare una cura definitiva per il virus.

    Quando la missione notturna capeggiata dal leader de "La Torre", Harris Brecken, fallisce miseramente e il preziosissimo Antizin paracadutato dal GRE cade nelle mani degli uomini di Rais, Crane si offre volontario per recuperare il secondo lancio effettuato dall'associazione umanitaria. Una volta raggiunte le casse contenenti le scorte, però, l'uomo contatta il GRE per fare rapporto e riceve l'ordine di distruggere tutti i medicinali in suo possesso, così da obbligare Brecken a trattare con Rais e scoprire se questi sia effettivamente Kadir Suleiman. Comunicando a "La Torre" di aver fallito, l'agente speciale obbedisce con riluttanza e incontra quindi Brecken, che come previsto gli fa ottenere un incontro col boss criminale.

    Giunto al covo dello stesso Rais per chiedergli un po' di Antizin, Crane ha modo di confermarne l'identità e accetta di svolgere una serie di incarichi in cambio del prezioso medicinale, ma lo scambio non va secondo i piani: non solo Rais si rifiuta di rispettare la propria parte dell'accordo e gli consegna soltanto cinque fiale del farmaco richiesto, ma addirittura pretende che gli venga consegnata Jade, in modo che la popolare kickboxer un tempo nota come "Lo Scorpione" possa combattere per lui. Tornato alla base, il protagonista contatta il GRE per ricevere nuove istruzioni, ma quando i suoi superiori gli ordinano di ottemperare alla richiesta di Rais, così da guadagnarsi la sua fiducia, un indignato Crane rifiuta di obbedire all'ordine ricevuto e interrompe le comunicazioni.

    Nel disperato tentativo di ottenere l'Antizin, qualche giorno più tardi Crane e Jade irrompono nel deposito del boss, trovandovi soltanto delle scorte di esplosivo al plastico. Nonostante le obiezioni dello stesso Kyle, il giovane Rahim utilizza gli esplosivi per far saltare in aria un nido di zombi notturni, ma quando il ragazzo viene morso e si trasforma a sua volta in un infetto, Crane è costretto a ucciderlo, attirando su di sé la collera dell'amica Jade.

    In seguito al sequestro del dottor Zere da parte di Rais, Crane tenta di portarlo in salvo, ma viene catturato e condotto al cospetto del criminale, il quale gli svela una tremenda verità: stando alle informazioni contenute nel file rubato, il GRE non ha nessuna intenzione di trovare una cura per il virus, ma al contrario è intenzionato a servirsene come arma contro le nazioni avversarie. Afferrato un machete, Crane mozza quindi la mano destra di Rais e si dà alla fuga, ma non prima che un morente dottor Zere lo incarichi di portare le sue preziose ricerche al laboratorio del collega Camden.

    Mentre il Ministero della Difesa progetta di bombardare Harran nel tentativo di arrestare l'epidemia, Crane penetra non senza fatica nella città vecchia, dove fa la conoscenza di Troy, la donna a capo dei superstiti anche noti come "Le Scintille". Qui il protagonista apprende che Jade è stata catturata da Rais e, sebbene sia ormai prossimo a soccombere agli effetti del virus, si reca al museo civico di Harran per affrontare gli scagnozzi del criminale, dove però la prigioniera Jade finisce per essere morsa da un infetto.

    Quando un compiaciuto Rais offre a Crane una singola fiala di Antizin con cui salvare sé stesso o l'amica, la donna si sacrifica per iniettargli il farmaco e proteggerlo dagli sgherri al soldo del boss, per poi soccombere all'infezione. Non avendo altra scelta se non quella di spararle, un Crane distrutto dalla perdita piazza dapprima un ripetitore sull'antenna più alta della città, allo scopo di comunicare al resto del mondo che ad Harran ci sono ancora dei superstiti non ostili ed evitare l'imminente bombardamento, dopodiché si reca dal dottor Camden affinché questo possa usare i dati del deceduto dottor Zere per trovare una cura. Determinato a vendicarsi, il protagonista scopre infine che il boss ha trovato rifugio su uno degli edifici più alti di Harran e lo raggiunge, dando vita a un lungo e difficile scontro all'arma bianca, al termine del quale riesce finalmente a uccidere Rais. Avendo compreso le vere intenzioni del GRE, l'agente speciale si rifiuta dunque di restituire ai suoi superiori il file trafugato e lo consegna invece al dottor Camden, nella speranza che questo possa aiutarlo a sintetizzare la cura.

    Dying Light: The Following

    Rimasto ad Harran per aiutare i superstiti, nelle battute iniziali dell'espansione Kyle Crane viene a sapere da un uomo in punto di morte dell'esistenza di una cura che permetterebbe alle persone già infette di non trasformarsi in zombi. Essendo "La Torre" ormai a corto di Antizin, l'ex-agente speciale del GRE decide di indagare sulla presunta immunità e di partire per la Zona Rurale di Harran, dove scopre che molti sopravvissuti si sono convertiti ai "Figli del Sole", un culto religioso capitanato dalla cosiddetta "Madre".

    Per guadagnare la fiducia della setta e scoprire maggiori dettagli sulla cura miracolosa, Crane accompagna gli adepti in una serie di missioni e realizza che l'immunità è in realtà dovuta a un fumo allucinogeno in grado di annullare gli effetti della trasformazione; tuttavia, come ammesso da un Senzavolto - uno dei membri di alto rango del culto - il potente allucinogeno non cura completamente l'infezione, ma al pari dell'Antizin si limita a sopprimerne i sintomi. Quando i "Figli del Sole" rivelano di star lavorando a una cura definitiva e promettono di dargliene alcune dosi da riportare in città, Crane accetta il compito di assistere un uomo di nome Atilla (un etnografo specializzato in pratiche ed eventi religiosi), che sta lavorando a un importante progetto per conto di "Madre".

    È proprio Atilla a raccontare al protagonista di come i membri del culto credano in una specie di profezia secondo cui il prescelto risorgerà per diventare il profeta del Dio del Sole e purificare l'infezione una volta per tutte. Dopo avergli spiegato anche "Madre" si chiamava originariamente Jasmine e che questa era la moglie di un militare locale rimasto coinvolto negli esperimenti che hanno provocato la diffusione dell'epidemia, Atilla consegna a Crane un codice segreto e si suicida nella speranza di diventare l'uomo della profezia, ma sfortunatamente questo non accade. Missione dopo missione, il protagonista realizza che anche i resti della banda di Rais stanno cercando la presunta cura, e quando questi attaccano la base segreta nei pressi di una diga vicina, Crane vi si introduce per fermarli. Al suo arrivo, però, l'uomo trova soltanto i cadaveri dei banditi e dei Selzavolto, per poi scoprire che la stessa "Madre" è in realtà un Volatile: uno zombi notturno che di giorno conserva le proprie facoltà mentali, ma che di notte diventa un mostro selvaggio e incontrollabile. Sempre all'interno della diga, che si rivela essere una vecchia struttura militare, "Madre" annuncia a Crane che l'unico modo per fermare l'infezione è quello di sacrificare tutti gli abitanti di Harran per convocare il Dio del Sole.

    A questo punto il giocatore viene posto dinanzi a una scelta capace di determinare il finale della vicenda. Qualora Crane si rifiuti di distruggere Harran, "Madre" lo costringerà a bere una fiala contenente l'allucinogeno: come risultato, al termine della boss fight anche l'uomo diverrà un Volatile, e una volta tornato ad Harran con le fiale infetterà altre persone, contribuendo alla diffusione dell'epidemia. Scegliendo invece di assecondare "Madre", la donna condurrà Crane a una testata nucleare e, utilizzando il codice segreto ricevuto da Atilla, il protagonista distruggerà l'intera città, annientando sia gli zombie che i sopravvissuti al suo interno.

    Che voto dai a: Dying Light 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 29
    7.1
    nd