E3 2019

E3 2019: gli annunci più attesi alla fiera di Los Angeles

Xbox Scarlett, Project Avengers, Watch Dogs 3 e Splinter Cell 7 sono solamente alcuni degli annunci che attendiamo con trepidazione all'E3 2019!

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

Mancano ancora due mesi all'inizio dell'E3 2019, che si svolgerà dall'11 al 13 giugno, ma già non si parla d'altro. La fiera losangelina è da sempre l'evento videoludico più atteso dell'anno, un concentrato di annunci, rivelazioni e soprese, e non stupisce affatto che i videogiocatori non stiano più nella pelle. Alcuni dei momenti più iconici della storia del nostro medium preferito, dopotutto, hanno avuto luogo proprio su quel palco. L'edizione di quest'anno dovrà purtroppo fare a meno di una Sony che ha deciso di rivoluzionare la sua strategia di comunicazione, ma avrà ugualmente un sapore speciale. L'attuale generazione di console si appresta ad imboccare il viale del tramonto, e le aspettative nei confronti dell'altro grande produttore di hardware, Microsoft, sono comprensibilmente alle stelle. I tempi per il reveal dell'erede di Xbox One sembrano essere ormai maturi, e non riusciamo ad immaginare un evento migliore dell'E3 2019 per una presentazione in grande stile.

Ma sul palco di Los Angeles i riflettori sono puntati anche - e sopratutto - sui giochi. Una generazione ormai matura con molteplici concorrenti in campo è sinonimo di una ludoteca ampia e variegata. All'orizzonte si profilano insomma annunci inattesi e graditi ritorni, date d'uscita e tanti video di gameplay. È giunto il momento di fare il punto della situazione, riesaminare tutte le informazioni ufficiali e le indiscrezioni degli ultimi mesi, e provare ad immaginare cosa potrebbe riservarci l'E3 2019.

Microsoft

A differenza di Sony, Microsoft non ha alcuna intenzione di mancare all'appuntamento più importante dell'anno. Phil Spencer lo ha ribadito più di una volta: lo scopo della casa di Redmond è quella di stupire i giocatori imbastendo una delle più grandi conferenze di sempre. Archiviato il reveal di Xbox One S All Digital, l'annuncio della tanto chiacchierata Xbox Scarlett potrebbe senz'altro contribuire in larga parte al raggiungimento di tale obiettivo, specialmente ora che Sony ha calato l'asso svelando le prime informazioni su PS5.

Stando ai numerosi e insistenti rumor, sotto il nome in codice Scarlett si celerebbe in realtà una famiglia di dispositivi, che per il momento parrebbe comprendere due differenti piattaforme, entrambe mosse ancora una volta da tecnologia AMD. La prima, Anaconda, sarebbe equipaggiata con una CPU Zen 2 e una GPU Navi custom, e grazie alla sua strabiliante potenza di 13-15 TeraFLOPS andrebbe a raccogliere l'eredità di Xbox One X, che di TeraFLOPS ne ha "solamente" 6. La seconda piattaforma, Lockhart, avrebbe invece una potenza più contenuta e sarebbe priva di lettore ottico.

In questo modo, andrebbe ad occupare il medesimo settore di mercato dell'attuale Xbox One S, con un prezzo più accessibile di 299 dollari. Parlando di nuove tecnologie, i tempi sembrano ormai maturi per svelare la data di lancio e il prezzo di Project xCloud, la risposta a PlayStation Now di Sony e Google Stadia, che promette di fare faville. Il nuovo servizio di gaming in streaming potrebbe ampliare la già ricca offerta di Xbox, oppure rendere più appetitoso il già eccellente Xbox Game Pass.

Sul palco di Microsoft, in ogni caso, ci aspettiamo anche tantissimi giochi. I fan, tanto per cominciare, sono ansiosi di vedere finalmente in azione l'ambizioso Halo Infinite, che l'anno scorso si è mostrato solamente in un trailer in-engine. Di Gears 5 invece attendiamo la data d'uscita: il quinto capitolo della saga inaugurata da Epic Games ed ereditata dai talentuosi ragazzi di The Coalition è ufficialmente atteso per quest'anno, ma il giorno in cui arriverà sugli scaffali fisici e digitali è ancora ignoto. Non ci stupiremmo affatto, inoltre, se venisse presentato un nuovo Forza Motorsport, che i rumor vogliono in sviluppo proprio per Xbox Scarlett. Tra gli altri first party che attendiamo con impazienza figurano Ori and the Will of The Wisps, ancora privo di una data d'uscita, e Battletoads, annunciato allo scorso E3 e poi sparito dai radar.

Spencer ha inoltre confermato che avremo un assaggio dei progetti in lavorazione presso gli studi recentemente acquisiti da Microsoft. Stiamo parlando di team del calibro di The Initiative, Undead Labs, Playground Games, Ninja Theory, Compulsion Games, InXile e Obsidian Entertainment. Quest'ultimo studio è attualmente impegnato sul promettente (e multipiattaforma) The Outer Worlds: siamo pronti a scommettere che tornerà a farsi vedere proprio durante la conferenza di Microsoft.

Sappiamo per certo inoltre che i ragazzi di Playground Games - autori di Forza Horizon - stanno lavorando ad un action-RPG open-world. Non sono disponibili ulteriori informazioni, ma in tanti ritengono che possa trattarsi di un nuovo capitolo di Fable, altra serie simbolo di Redmond assente dalle scene da troppo tempo. Qualcosa, a quanto pare, bolle in pentola anche in casa Rare. Gli sviluppatori di Sea of Thieves stanno dando forma ad un titolo completamente nuovo, entrato in pre-produzione nel marzo del 2018 e che il buon Spencer ha già avuto modo di vedere. Probabilmente è ancora presto per saperne di più, eppure "mai dire mai..."

Alla luce di tutto ciò, Microsoft sembra avere potenza di fuoco a sufficienza per poter stupire la platea, anche solo con i prodotti proprietari. Ma chi ha seguito le serratissime conferenze degli ultimi anni, sa bene cos'altro aspettarsi da Xbox, ovvero numerosi titoli di terze parti. Con Sony fuori dai giochi, Activision potrebbe scegliere il palco verde per presentare il nuovo Call of Duty, che secondo le più recenti indiscrezioni corrisponderebbe al quarto capitolo di Modern Warfare. Ci auguriamo poi di vedere nuovamente in azione Cyberpunk 2077: il primo spettacolare trailer della creatura di CD Project RED è stato mostrato l'anno scorso proprio durante la conferenza di Microsoft.

Lo stesso dicasi di Dying Light 2, che non si fa vedere da un anno. Techland punta ad espandere a dismisura l'esperienza del primo capitolo, con un mondo di gioco dinamico che reagisce ai comportamenti del giocatore, e con un comparto narrativo che vanta tra le sue penne Chris Avellone. Anche una capatina di Randy Pitchford e del suo Borderlands 3 ci starebbe bene: il gioco è stato presentato recentemente, e l'E3 incarnerà sicuramente un'importante sosta nel percorso d'avvicinamento all'uscita, fissata a settembre. Qualche sorpresa giungerà anche dagli sviluppatori giapponesi: il buon Phil Spencer ha recentemente trascorso una settimana nel Sol Levante, nel tentativo consolidare i rapporti con le realtà locali da invitare sul palco dell'E3 2019. Non prendete impegni: l'appuntamento è fissato per le ore 22:00 del 9 giugno.

Nintendo

Il direct che la casa di Kyoto trasmetterà in occasione dell'E3 2019 sarà il primo, dopo tanti anni, ad essere orfano di Reggie Fils-Aime, che pochi giorni fa ha definitivamente lasciato la presidenza di Nintendo Americo. Al suo posto, probabilmente, vedremo il suo successore, Doug Bowser. La trasmissione dello scorso anno venne quasi monopolizzata da Super Smash Bros. Ultimate, prodotto di punta dell'annata 2018. A questo giro, invece, ci aspettiamo una grande attenzione su Pokémon Spada e Pokémon Scudo, attesi entro la fine del 2019. Come Microsoft, in ogni caso, anche Nintendo ha molte altre frecce al suo arco.

Tra i titoli attesi al varco ci sono Luigi's Mansion 3 e Animal Crossing per Switch, entrambi annunciati molti mesi or sono ed attesi entro la fine di quest'anno. Della nuova avventura spettrale di Luigi abbiamo già avuto un assaggio, ma di Animal Crossing non sappiamo praticamente niente. Sarebbe anche anche giunto il momento di mostrarci un gameplay dell'atteso Bayonetta 3, che a differenza dei titoli sopramenzionati non ha neppure una finestra di lancio.

I fan di The Legend of Zelda, con tutta probabilità, avranno modo di rivedere il remake di Link's Awekening. Non sarebbe sorprendente, inoltre, venisse dato spazio anche a Super Mario Maker 2 e Fire Emblem: Three Houses, entrambi previsti per l'estate, oltre che ai lottatori aggiuntivi di Super Smash Bros. Ultimate. Il piano post-lancio prevede un totale di 5 combattenti, tra cui Joker di Persona 5. A proposito del JRPG... e se Persona 5: The Royal venisse annunciato anche per la console ibrida? Al momento, ricordiamo, è previsto solamente su PlayStation 4.

Ci sarebbero in aggiunta diversi rumor su due nuovi modelli di Nintendo Switch il cui lancio parrebbe programmato proprio per quest'anno. Il primo seguirebbe la medesima filosofia di PlayStation 4 Pro e Xbox One X, offrendo maggiore potenza e funzionalità di fascia premium per i giocatori più esigenti.

La seconda versione, invece, incarnerebbe un successore spirituale del 3DS, indirizzato quindi al solo mercato portatile. Nintendo non è certamente nuova a revisioni dei suoi hardware, pertanto queste indiscrezioni potrebbero non essere del tutto infondate. Quale miglior evento dell'E3 2019 per un annuncio di tale caratura?

Electronic Arts

Come Sony, anche Electronic Arts ha deciso di mescolare le carte in tavola, ma a differenza del gigante nipponico non salterà completamente l'appuntamento losangelino. Come gli altri anni organizzerà un evento collaterale, l'EA Play 2019, che si svolgerà qualche giorno prima dell'E3 (dal 7 al 9 giugno, per la precisione). A questo giro, tuttavia, farà a meno di una conferenza vera e propria: quelle degli anni scorsi non ci hanno stupito particolarmente, e la compagnia americana punta a ridurre la distanza che la separa dai videogiocatori con eventi sul posto, numerose trasmissioni in diretta su Twitch e soprattutto tanti video di gameplay tratti dai prodotti in uscita.

Da Electronic Arts, ovviamente, ci aspettiamo dettagli sulle immancabili iterazioni annuali dei suoi franchise sportivi di punta, come FIFA 20, Madden NFL 20, NHL 20 e NBA Live 20. Dopotutto, rappresentano un importante fonte di guadagno per la compagnia, specialmente il titolo calcistico che anno dopo anno fa registrare numeri da capogiro. In aggiunta agli sportivi, è ormai certo che verrà riservato molto spazio a Star Wars Jedi: Fallen Order, nuovo progetto di Respawn Entertainment fortemente incentrato sulla narrativa ed atteso per il 15 novembre.

Il titolo è stato presentato da pochi giorni con uno spettacolare trailer della storia incentrato sul protagonista Cal Kestis, una Padawan sopravvissuto all'epurazione del suo ordine Jedi avvenuta dopo l'ascesa dell'Impero narrata in Episodio III: La Vendetta dei Sith.

Non ci dispiacerebbe affatto se venissero divulgate nuove informazioni su Dragon Age 4, sebbene BioWare non se la stia passando affatto bene in questo periodo. A quanto pare la difficoltosa lavorazione di Anthem ha influenzato negativamente anche lo sviluppo del GDR, che è stato riavviato nel 2017. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe stato persino presentato senza il permesso di Electronic Arts.

Tranquillizzare i fan sullo stato del progetto potrebbe rappresentare una mossa saggia per la compagnia americana. Cosa aspettarsi, invece, da DICE? I ragazzi svedesi sono impegnati sul supporto di Battlefield 5 e Star Wars Battlefront 2 e non hanno nessun titolo in programma per quest'anno, ma diverse voci li vogliono al lavoro su Battlefield: Bad Company 3. Le fonti, purtroppo, non possono essere considerate pienamente attendibili, ma siamo sicuri che l'annuncio di questo titolo, atteso da tempo immemore, sarebbe sufficiente a rendere l'E3 2019 di Electronic Arts un successo.

Ubisoft

Anche Ubisoft sembra avere materiale a sufficienza per imbastire una conferenza con i contro-fiocchi. Molti danno ormai per scontato il reveal di Watch Dogs 3: all'inizio di quest'anno è stato rinnovato il marchio, mentre il sempre ben informato Jason Schreier di Kotaku è pronto a giurare che sarà la città di Londra a fare da sfondo alle vicende. Ancor più atteso del gioco degli hacker, probabilmente, è Splinter Cell, che i fan aspettano al varco da ben sei anni. Blacklist, l'ultimo capitolo della serie, risale addirittura alla passata generazione di console, e la mancanza di Sam Fisher comincia seriamente a farsi sentire.

La spia più silenziosa del mondo ha fatto una capatina l'anno scorso in un evento di Ghost Recon Wildlands, ma merita senza ombra di dubbio un gioco tutto suo. Con Far Cry che ha ricevuto ben due capitoli nel giro di un anno e Assassin's Creed in procinto di prendersi una piccola pausa, non possiamo immaginare titolo migliore per affrontare l'avvio di una nuova generazione di console. Tra l'altro, a mantenere alto l'hype dei fan italiani ci sta pensando il buon Luca Ward, che di tanto in tanto si lascia andare alla nostalgia pubblicando sui suoi profili social dei ricordi legati alla sua esperienza da doppiatore per Splinter Cell.

Tornando alla saga degli assassini: anche se quest'anno si prenderà una pausa, non ci sentiamo di escludere a priori l'annuncio di un nuovo capitolo. Da un po' di tempo a questa parte circolano delle voci su un certo Assassin's Creed: Kingdom, che parrebbe ambientato nel Nord Europa all'epoca dei vichinghi e previsto per il 2020, giusto in tempo per l'arrivo della nuova generazione di console.

Ubisoft non è solita annunciare un Assassin's Creed con tanto anticipo, ma mostrare anche solo un semplice teaser non sarebbe affatto una cattiva idea. Altamente probabile, inoltre, la presenza sia dell'ambizioso Beyond Good & Evil 2, sia di Skull & Bones, titolo a base di battaglie navali nato da una costola di Assassin's Creed IV: Black Flag. L'appuntamento con la conferenza di Ubisoft è fissato per le ore 21:00 di lunedì 10 giugno.

Bethesda

Come Ubisoft, anche Bethesda ha già annunciato data e ora del suo media briefing, previsto per le ore 02:30 del 10 giugno. La compagnia del Maryland ha messo in chiaro che il protagonista indiscusso dell'evento sarà DOOM Eternal di iD Software. Lo sparatutto in prima persona si è già mostrato in tutto il suo splendore, ma è privo di una data d'uscita. Siamo sicuri che sarà rivelata proprio all'E3 2019.

Durante la conferenza, presumibilmente, verranno nuovamente mostrati Wolfenstein: Youngblood e Wolfenstein: Cyberpilot, entrambi in uscita a luglio. Il primo è un'esperienza cooperativa che metterà i giocatori nei panni delle due figlie di Blazkowicz, l'altro è invece indirizzato alla Realtà Virtuale.

Ampio spazio, con molta probabilità, verrà dato anche a titoli come The Elder Scrolls Online e Fallout 76, il cui supporto post-lancio durerà ancora a lungo. Se invece siete tra coloro ansiosi di scoprire qualcosa in più su The Elder Scrolls 6 e Starfield, abbiamo una brutta notizia per voi. I due prodotti si trovano agli stadi iniziali dello sviluppo e non sembrano pronti per farsi vedere in pubblico. Sebbene non ci siano indizi al riguardo, sarebbe fantastico scoprire se c'è qualcosa di nuovo che bolle in pentola presso gli studi di Arkane Studios, team responsabile di giochi del calibro di Dishonored 2 e Prey....

Square Enix

Le aspettative nei confronti di Square Enix sono come sempre altissime. Con Kingdom Hearts 3 ormai sul mercato, l'attenzione dei fan della casa giapponese è tutta rivolta verso il remake di Final Fantasy VII. Nonostante siano trascorsi quasi quattro anni dal reveal avvenuto all'E3 2015, non sappiamo quasi nulla del progetto. Tetsuya Nomura ha più volte ribadito che tutto procede secondo i piani, ma ci piacerebbe ricevere un aggiornamento più consistente sullo stato dei lavori e, soprattutto, vedere finalmente il titolo in azione.

In tempi molto recenti, tra l'altro, il project lead Naoki Hamaguchi è stato promosso co-director, andando così ad affiancare Nomura alla guida del progetto. Ben più scontata la presenza di Dragon Quest XI S, nuova edizione del JRPG progettata appositamente Nintendo Switch ed attesa nel corso del 2019. Rispetto alle altre versioni vanterà diversi contenuti bonus, tra i quali spiccano storie inedite, una colonna sonora orchestrale e opzioni aggiuntive.

Ci aspettiamo molto anche dalla branca occidentale di Square Enix, che ha in cantiere The Avengers Project.

Il titolo in sviluppo presso gli studi di Crystal Dynamics getterà le fondamenta per un un nuovo universo dedicato ai supereroi Marvel, definito vasto, duraturo e completamente originale. Sono passati ben due anni dall'annuncio: che stia finalmente per giungere il momento giusto per un reveal in grande stile?

E gli altri?

Come abbiamo avuto modo di vedere, c'è tantissima carne a cuocere. Oltre alle immancabili sorprese che i grandi publisher sicuramente tireranno fuori dal loro cilindro, a rendere l'E3 2019 ancora più succulento ci penseranno anche altri eventi. Il PC Gaming Show tornerà per il quinto anno consecutivo con uno spettacolo di due ore che prenderà il via alle 19:00 di lunedì 10 giugno. Nel 2018, oltre a tanti studi indipendenti, sono saliti sul palco anche i ragazzi di Insomniac Games con Stormland e Digital Extremes con Warframe: The Sacrifice. L'edizione di quest'anno potrebbe essere ulteriormente movimentata da Epic Games, che con il suo store e un'aggressiva politica sulle esclusive ha lanciato la sfida a Steam, fino a pochi mesi fa ritenuto inattaccabile.

Chiudiamo, infine, ricordandovi che all'E3 2019 ci saranno anche i folli ragazzi di Devolver Digital, che torneranno per la terza volta consecutiva con una conferenza sopra le righe, come sempre intrisa di ironia e frecciatine nei confronti dei propri colleghi. Giunti alla fine di questa interminabile carrellata, e consapevoli di aver solo scalfito la superficie, passiamo la palla a voi. Quali sono i giochi che attendete maggiormente e gli annunci che ritenete più probabili? Fatecelo sapere nei commenti.