E3 2021

E3 2021: date, conferenze e giochi, tutto quello che c'è da sapere

Le informazioni necessarie per godersi al meglio l'E3 2021: tutte le conferenze, i partecipanti e i possibili giochi protagonisti dell'evento.

E3 2021: conferenze, date e orari
Speciale: Multi
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

Si sta di nuovo avvicinando quel periodo dell'anno in cui la mente di un videogiocatore è proiettata verso un unico tema: l'Electronic Entertainment Exposition, per gli amici E3, dove si decide buona parte del futuro dell'industria videoludica a suon di annunci roboanti e sorprese da mascella a terra. Ma soprattutto si tratta di un gradito, importante ritorno dopo il forzato stop del 2020 dovuto alla pandemia di Covid-19 che ancora oggi continua a far sentire i suoi effetti. Per questo motivo l'E3 cambia pelle per trasformarsi in un evento completamente digitale, venendo ribattezzato Electronic Entertainment Experience 2021. Muta la forma, non la sostanza: ci aspettano grandi eventi e annunci senza sosta pronti a delineare il prossimo futuro dei nostri PC e delle nostre console. Quali saranno i giochi in grado di far venire brividi lungo la schiena degli appassionati?

E3 2021: le date

Anzitutto un breve ripasso delle basi relative alla nuova edizione: quest'anno l'E3 si svolge dal 12 al 15 giugno come detto in formato solo digitale. Ovviamente chiunque può assistere all'evento in maniera del tutto gratuita, con anche la possibilità di registrarsi presso il sito ufficiale della manifestazione in modo da restare aggiornati in tempo reale su tutte le novità e le conferme ufficiali relative a cosa verrà mostrato nei quattro giorni di fuoco che bruceranno i cuori degli appassionati.

Non mancherà la consueta possibilità di seguire gli eventi attraverso vari canali social che manderanno in onda conferenze ed annunci in tempo reale. Tutto come da tradizione, in poche parole. E come sempre si perderà il conto dei giochi che verranno mostrati senza sosta dagli innumerevoli partecipanti al grande evento. Ed ecco quindi un riepilogo di quanto noto finora, tra le conferenze già fissate e i protagonisti della ventiseiesima edizione dell'E3.

Xbox e Bethesda

Tutto fissato in casa Microsoft: il 13 giugno alle 19:00 ora italiana si terrà l'evento E3 di Xbox e Bethesda, che uniscono le forze per uno show che ci intratterrà per un totale di 90 minuti. C'è enorme attesa quest'anno per la conferenza Microsoft, la prima in seguito all'acquisizione di Zenimax Media e di tutti i relativi team collegati. Con nomi così forti e un lungo spettacolo è lecito attendersi giochi a profusione, tra aggiornamenti su titoli già noti e novità che potrebbero lasciare senza fiato. Con enorme probabilità Halo Infinite sarà il protagonista principale della conferenza: è tempo di scoprire i progressi fatti nell'ultimo anno e magari anche la data di uscita ufficiale.

Sul resto invece per il momento si possono fare solo ipotesi: molto difficile vedere l'annuncio di Gears 6 dei Coalition come rivelato da alcuni insider, poche chiarezze anche su altri progetti attesi quali Hellblade 2 di Ninja Theory ed Everwild di Rare. Più probabile invece l'arrivo di novità sulla serie automobilistica Forza, sia per quanto riguarda il già annunciato nuovo capitolo principale di Turn10 che per un possibile Forza Horizon 5 sviluppato da Playground Games e più volte rumoreggiato nelle ultime settimane. A proposito di Playground, che venga svelato anche qualche ulteriore dettaglio sul nuovo Fable?

Lato Bethesda sono sempre più insistenti le voci che parlando di un debutto vero e proprio per Starfield, su cui vige il più assoluto silenzio sin dal suo annuncio. Potrebbe essere in generale un'ottima opportunità per scoprire cosa riserva il futuro per Bethesda e per apprezzati team interni quali id Software, MachineGames (al lavoro su Wolfenstein III e su un nuovo videogioco di Indiana Jones), Arkane studios e Tango Gameworks (novità su Ghostwire Tokyo?). Che cosa volete ancora? The Elder Scrolls VI? Sognare non costa nulla. Poco ma sicuro, quest'anno l'attesa per la conferenza Microsoft si sente più forte che mai, con i fan in trepidante attesa di scoprire quanto roseo sarà il futuro di Xbox Series X/S e del Game Pass.

Ubisoft

Anche per l'Ubisoft Forward sono già noti data e orario: il 12 giugno alle ore 21 sarà il turno dell'evento organizzato dal colosso francese. E Ubisoft di carne al fuoco sulla brace ne avrebbe tanta, a partire dall'atteso Far Cry 6 che verrà sicuramente approfondito dopo il gameplay reveal di Far Cry 6. Molto probabile anche la presenza di Assassin's Creed e Watch Dogs attraverso possibili nuovi contenuti per le loro ultime incarnazioni (rispettivamente Valhalla e Legion).

Ma per il resto? Sono tante le produzioni che i giocatori sperano di rivedere, dal remake di Prince of Persia già posticipato più volte fino a Riders Republic. Verrebbe da escludere la presenza di Skull & Bones se sono veri i rumors sull'ennesimo riavvio dei lavori, mentre già più facile ricevere novità su progetti quali The Division Heartland e il prossimo episodio di Rainbow Six. Davanti a tanti progetti di ampio richiamo, una speranza condivisa da tutti: rivedere finalmente in azione Beyond Good & Evil 2. A meno che non si voglia giocare d'anticipo e mostrare già qualcosa sul prossimo Assassin's Creed principale previsto per il 2022. Sulla carta Ubisoft potrebbe fare le cose davvero in grande quest'anno: il materiale c'è, dipende da come verrà gestito.

Nintendo

Il Nintendo Direct dell'E3 è una certezza: alle 18 ore italiane di martedì 15 giugno scopriremo cosa riserva il futuro per gli appassionati Nintendo. Anche in questo caso è enorme la curiosità su ciò che la Grande N ha in serbo per i suoi fan. Il Direct di 40 minuti sarà incentrato esclusivamente sul software, tagliando quindi fuori Nintendo Switch Pro. Attenzione però, dato che si sono intensificati i rumor sull'annuncio di Switch Pro prima dell'E3 2021: che dunque la casa di Kyoto voglia separare hardware e software in modo tale che non si rubino spazio a vicenda?

Lato giochi la speranza è di ricevere aggiornamenti su produzioni di elevata caratura quali Zelda Breath of the Wild 2 e Metroid Prime 4 sui quali c'è il più assoluto silenzio sin dai loro annunci. Non è nemmeno da escludere che possano concretizzarsi Mario Kart 9 e il nuovo gioco di Donkey Kong dati per certi da vari insider e giornalisti. E restando in tema di esclusive, che si scopra finalmente qualcosa di nuovo anche su Bayonetta 3 di Platinum Games?
Per il resto sono probabili altre piccole novità sui prossimi giochi Pokémon, oltre a possibili nuovi contenuti per Animal Crossing New Horizons e Super Smash Bros. Ultimate. C'è tutto il necessario affinché Nintendo metta il punto esclamativo sull'E3 con il suo Direct.

Square-Enix

Square Enix ha annunciato una nuova presentazione della serie Presents fissata per domenica 13 giugno alle 21:15, poco dopo l'evento congiunto Xbox e Bethesda. Cosa vedremo in questa occasione? La compagnia ha promesso uno show della durata di 40 minuti con l'annuncio del nuovo gioco di Eidos Montreal (I Guardiani della Galassia?), aggiornamenti su Babylon's Fall di Platinum Games, sull'espansione Black Panther War for Wakanda di Marvel's Avengers e le ultime novità su Life is Strange eTrue Colors e Life is Strange Remastered Collection.

Gli altri big

Pur senza avere conferenze apposite, tanti altri grandi nomi hanno già confermato la loro presenza, tra cui Bandai Namco che ricordiamo fa da publisher internazionale all'attesissimo Elden Ring in sviluppo presso From Software. Molti insider ritengono improbabile la presenza di Elden Ring all'E3 mentre c'è chi parla di un reveal fissato per il 10 giugno. Tanti dubbi, pochissime certezze.

Quest'anno anche Koch Media sarà della partita con uno speciale evento che si terrà nella prima serata di venerdì 11 giugno... e se sembra decisamente presto per vedere in azione il nuovo TimeSplitters, potrebbe essere questa l'occasione giusta per annunciare Saints Row 5.

Anche Capcom sarà della partita. Tolto Monster Hunter Stories 2 e il misterioso Pragmata non è noto su cosa la casa di Osaka stia lavorando attualmente dato che gli ultimi titoli di punta quali Resident Evil Village e Monster Hunter Rise hanno già fatto con successo il loro debutto sul mercato. Per Capcom potrebbe essere quindi la giusta occasione per mostrare qualche nuovo progetto, oltre magari a possibili contenuti aggiuntivi per l'ottavo capitolo di Resident Evil. Non mancherà nemmeno Warner Bros Interactive con Back 4 Blood e (si spera) aggiornamenti per giochi già noti come Gotham Knights, Suicide Squad e Hogwarts Legacy.

E parlando di big, Take-Two Interactive ha risposto sì all'appello. Se da un lato pare si debba abbandonare qualunque speranza sul tanto sognato GTA 6 di Rockstar Games, dall'altro potrebbero arrivare sorprese da 2K come magari un reveal di Bioshock 4 in sviluppo presso lo studio interno Cloud Chamber. Tra gli sportivi il prossimo NBA 2K e WWE 2K22 avranno sicuramente spazio. Con l'ampio portfolio di studi sotto la sua etichetta, anche le mosse di Take-Two andranno monitorate con attenzione.

E la lista è ancora lunga grazie alla presenza di tanti altri sviluppatori che hanno assicurato la propria partecipazione: tra questi SEGA, Gearbox Software, THQ Nordic, Koch Media, XSEED Games e una lunga serie di studi più piccoli. Chiudiamo con un'altra certezza: torna anche per quest'anno il PC Gaming Show, fissato per domenica 13 giugno alle 23:30. Lo affianca nello stesso giorno il Future Games Show preparato da GamesRadar ed incentrato su trailer ed informazioni relative ai giochi più attesi del momento.

Spazio al panorama Indie

L'E3 2021 sarà un grande palcoscenico anche per la scena videoludica indipendente. La stessa ESA ha infatti confermato la collaborazione con L'IGDA per mettere i risalto tutti gli autori indipendenti e le loro produzioni. Questo settore è da tempo fonte di grandi sorprese e omaggi al passato, pertanto il voler investire forte anche sulla scena indie non potrà che arricchire ulteriormente l'offerta della manifestazione.

In tal senso sono già state fissati due grossi show: il 12 giugno Devolver Digital terrà il suo evento che promette tante sorprese, mentre il 14 giugno alle ore 22 Limited Run Games mostrerà i prossimi 25 giochi indipendenti (e non) che riceveranno una versione fisica a tiratura limitata appositamente realizzata da loro.

I grandi assenti

Di fronte a tanti grandi nomi non possono mancare i grandi assenti. E su tutti spicca ovviamente l'assenza di Sony. La decisione del colosso giapponese in fondo non sorprende considerato che già disertò l'E3 2019, ma questo non toglie che si tratta sempre di un nome pesante a non fare la sua comparsa. Ciò però non significa che Sony non farà comunque sentire la sua influenza in quel periodo: uno State of Play (o magari la PlayStation Experience) potrebbe tenersi a giugno per svelare novità sul futuro di PlayStation 5.

Con Horizon Forbidden West che ha goduto di un video gameplay di ampia portata nell'apposito evento a tema del 27 maggio, è lecito aspettarsi molto spazio per tante altre produzioni: vedremo finalmente qualche novità sull'attesissimo God of War 2? O magari il remake del primo The Last of Us più volte rumoreggiato? Per non parlare di Final Fantasy XVI, il titolo Square-Enix per il momento previsto solo su PS5. Sono per ora tutte ipotesi dato che Sony non si è affatto sbottonata nelle ultime settimane, ma è lecito aspettarsi qualcosa di molto grosso per ingranare sempre di più con la next-gen.

Anche Electronic Arts si aggiunge alla lista dei grandi assenti: il colosso americano ha infatti deciso di tenere un proprio evento separato dalla kermesse, fissando per il 22 luglio un nuovo EA Play dove metterà in mostra le sue future produzioni, tra le quali possiamo attenderci un ruolo di protagonista principale per il prossimo Battlefield, titolo che verrà annunciato ufficialmente mercoledì 9 giugno alle 16:00, ora italiana. Lo stesso farà Valve, che terrà il suo Steam Next Fest immediatamente dopo la fine dell'E3 dal 16 al 22 giugno. Non sarà della partita nemmeno Konami, ormai da anni ai margini del mondo videoludico sebbene abbia dichiarato di avere vari progetti in cantiere.

Ci sarebbe un altro elemento importante da citare tra i grandi assenti: il pubblico. Le restrizioni dovute alla pandemia in corso hanno impedito di organizzare l'evento in maniera tradizionale, all'interno di enormi teatri pieni di spettatori pronti ad urlare a squarciagola alla presentazione di una nuova produzione bomba.

Che si trattasse di semplici spettatori o di giornalisti, il pubblico è sempre stato parte del fascino collegato all'E3: l'annuncio di Zelda Twilight Princess nel lontano 2004 non sarebbe stato lo stesso senza una pletora di appassionati impazziti alla comparsa di Shigeru Miyamoto munito di spada e scudo, così come la presentazione dei remake di Final Fantasy VII e Resident Evil 2 negli anni più recenti non avrebbero avuto lo stesso forte impatto senza le emozionate grida di gioia in sottofondo. Con un'organizzazione only digital mancherà tutto questo, o quantomeno non sarà alla stessa portata. Ma con l'ESA che sta già pianificando il ritorno dell'E3 dal vivo nel 2022, si tratterà soltanto di aspettare un altro anno ancora, prima di esaltarci e sorridere di fronte alle reazioni dal vivo ancora una volta.

Seguiteci su Everyeye

Come ogni anno noi di Everyeye.it saremo schieratissimi in prima fila per non perderci neanche un secondo della kermesse e dei suoi roboanti annunci. Per questo motivo vi invitiamo a seguire l'E3 2021 assieme a noi attraverso il nostro canale Twitch: la redazione (con l'aiuto di ospiti e amici) commenterà in tempo reale tutto ciò che verrà mostrato alla fiera offrendo spunti di riflessione, commenti a caldo ed emozioni genuine su ciò che verrà mostrato.

Nei prossimi giorni vi proporremo il palinsesto completo delle trasmissioni che inizieranno qualche giorno prima dell'apertura della fiera, intanto vi rimandiamo inoltre alla lista delle conferenze E3 2021 con date e orari, elenco costantemente aggiornato non appena vengono annunciate novità in merito. Del resto, un evento come l'E3 ci unisce tutti, facendoci gioire assieme per le rivelazioni più esplosive o arrabbiarci per ciò che volevamo vedere e non si è visto. Solo una manifestazione storica come questa può creare una simile magia.

Infine vi ricordiamo che se siete abbonati ad Amazon Prime potete supportare gratis il canale Twitch di Everyeye.it, in cambio riceverete (oltre alla nostra gratitudine) la possibilità di vedere le dirette senza pubblicità e l'accesso ai canali Telegram e Discord dell'Orda di Everyeye.