E3 2019

Electronic Arts E3 2019: cosa possiamo aspettarci dall'evento EA Play?

Electronic Arts non sarà presente all'E3 2019 con una conferenza tradizionale, ma sarà in quel di Los Angeles con un evento tutto suo, l'EA Play!

Electronic Arts EA Play 2019
Speciale: Multi
Articolo a cura di

Per il quarto anno consecutivo, Electronic Arts non parteciperà in maniera diretta all'Electronic Entertainment Expo di Los Angeles. La compagnia americana, piuttosto, si renderà protagonista di un evento a se stante, l'EA Play 2019, che si svolgerà all'Hollywood Palladium sabato 8 e domenica 9 giugno, prima dell'inizio del valzer delle conferenze e della fiera losangelina vera e propria. A questo giro, il publisher ha anche deciso di mescolare un po' le carte in tavola e modificare in maniera sostanziale la sua strategia comunicativa.

Per la prima volta da molto tempo a questa parte, Electronic Arts non terrà una conferenza tradizionale, che sarà sostituita da una serie di trasmissioni focalizzate sui titoli della sua line-up che andranno in onda nel corso della giornata dell'8 giugno. L'obiettivo di EA, memore dello scarso successo delle conferenze degli anni passati - poco ritmate e non perfettamente a fuoco - è quello di avvicinarsi maggiormente ai giocatori offrendo loro un quantitativo superiore di contenuti, gameplay, approfondimenti e interviste. Come la stessa compagnia ha tenuto a specificare in occasione dell'annuncio, "contano solo i giochi". L'accesso all'EA Play 2019, non a caso, sarà completamente gratuito: tutti i partecipanti avranno modo di testare in prima persona le versioni giocabili dei titoli più importanti.

Electronic Arts, in sostanza, sta cercando di abbattere il muro che solitamente separa publisher e giocatori, avvicinandosi il più possibile al cuore pulsante della community. La strategia si rivelerà vincente? Lo scopriremo tra pochi giorni, nel frattempo proviamo a fare il punto della situazione analizzando tutte le informazioni, le certezze e i rumor a nostra disposizione per cercare di comprendere cosa possiamo aspettarci dall'EA Play 2019.

Un solo publisher, una moltitudine di giochi

Se c'è un publisher in grado di imbastire tutto da solo un'intera fiera, quello è senza dubbio Electronic Arts, che ha tanti assi nella manica da sfoggiare, molti dei quali già noti. Tanto per cominciare, è stata già ampiamente confermata la presenza di Star Wars Jedi: Fallen Order, titolo appartenente al canone di Guerre Stellari interamente focalizzato sul single player.

Siamo sicuri che verrà concesso molto spazio all'avventura di Cal Kestis, un giovane Padawan sopravvissuto all'epurazione del suo ordine Jedi avvenuta dopo l'ascesa dell'Impero narrata in Episodio III: La Vendetta dei Sith. Conosciamo molti dettagli sul progetto, persino la data d'uscita (15 novembre), ma non abbiamo mai avuto l'occasione di vederlo in azione in un vero e proprio video gameplay: l'EA Play 2019 rappresenterà senza dubbio il momento perfetto per rimediare.

Certa anche la presenza di Apex Legends: nessuno, nemmeno EA e Respawn Entertainment, aveva previsto un successo talmente immediato e fragoroso, capace persino di impensierire Fortnite. Gli sviluppatori si sono trovati talmente impreparati da non riuscire a stare dietro a tutti problemi congeniti del battle royale e, contemporaneamente, soddisfare la voglia di nuovi contenuti della comunità, che si è via via rimpicciolita con il passare dei mesi.

Le basi, tuttavia, sono più che solide. Il team ha voglia di riscatto e sfrutterà a dovere la vetrina dell'EA Play 2019 per svelare la seconda stagione: ci aspettiamo l'arrivo di una nuova Leggenda (si vocifera del fratello di Bangalore), modifiche alla mappa di gioco, un Battle Pass meglio strutturato, un maggior quantitativo di eventi e, soprattutto, la risoluzione dei numerosi bug che il titolo si porta dietro fin dal lancio.

A proposito di riscatto: attendiamo una reazione vigorosa anche da parte di BioWare, che con Anthem ha sbagliato ben più di una mossa. Ammiriamo il coraggio del team di lanciare una nuova IP in un mercato così affollato e in un'epoca nella quale sembrano andare per la maggiore seguiti, reboot e remaster d'ogni sorta, ma l'operazione non è stata gestita nel migliore dei modi.

Anthem è ancora afflitto da numerose problematiche, le patch al bilanciamento non hanno convinto appieno la comunità e l'atteso aggiornamento di maggio, Il Cataclisma, non s'è fatto vedere. Sembra che gli sviluppatori stiano prendendo tempo per poter risolvere i problemi che affliggono l'intero progetto, ma all'EA Play 2019 ci auguriamo di ricevere informazioni sostanziose sulla rotta che intendono intraprendere nei mesi a venire.

Battlefield 5 è un altro dei protagonisti confermati dell'EA Play 2019: DICE ci ha già fatto sapere che sfrutterà la vetrina dell'evento per presentare i prossimi contenuti in arrivo nello sparatutto ambientato nella Seconda Guerra Mondiale. Il Capitolo 3 - Prova del Fuoco, che ha visto l'introduzione dell'attesa modalità battle royale Firestorm, volgerà al termine proprio nel mese di giugno, pronto a cedere il passo al Capitolo 4 - Contro ogni previsione.

A quanto pare, la nuova stagione di contenuti si focalizzerà sugli scontri a distanza ravvicinata introducendo la nuova mappa greca Marita, una zona urbana ancora avvolta nel mistero e una modalità inedita 5 contro 5 in aree ristrette, che verranno svelate ufficialmente all'EA Play.

Gli annunci più probabili (e quelli un po' meno)

Abbandoniamo il campo delle certezze - tutti i giochi sopramenzionati sono stati confermati ufficialmente da EA - per addentrarci in quello delle speculazioni. Che Electronic Arts sarebbe se non offrisse uno sguardo approfondito sui suoi molteplici titoli sportivi? Dalla divisione EA Sports, tanto per cominciare, ci aspettiamo l'annuncio di FIFA 20. All'EA Play 2018 venne svelata l'inclusione in FIFA 19 della Champions League e dell'ultimo capitolo de Il Viaggio con Alex Hunter... cosa potrebbero inventarsi per quest'anno? Probabilmente verranno presentati degli affinamenti per il gameplay, dal momento le novità dell'ultima edizione non sembrano aver convinto tutti. Ci sentiamo di dare per scontata anche la presenza di Madden NFL 20, NHL 20 e NBA Live 20... dopotutto, la fiera si terrà negli Stati Uniti d'America, dove questi sport vanno per la maggiore.

Non ci stupiremmo affatto, inoltre, se ci venisse offerto un nuovo sguardo al promettente Sea of Solitude, progetto EA Originals atteso per il 5 luglio che ci farà vivere un'esperienza emotiva e trascinante in un città allagata. Altamente probabile anche il reveal di una nuova espansione di The Sims 4, che nonostante i 5 anni che si porta sul groppone continua ad aggiornarsi anno dopo anno con contenuti sempre freschi, come l'avventura narrativa StrangerVille.

Durante l'ultima riunione con gli azionisti, i vertici di EA hanno confermato che i nuovi capitoli delle serie Need for Speed e Plants vs. Zombies si trovano in via di sviluppo, oltre ad essere entrambi attesi per la fine di quest'anno. Gli annunci ufficiali all'EA Play 2019, a meno di cambiamenti improvvisi sulla tabella di marcia, ci sembrano altamente probabili. Il nuovo titolo della serie corsistica, a quanto pare, si focalizzerà ancora una volta sull'eterno scontro tra ladri tra piloti e poliziotti. Nulla si sa, invece, della lotta senza fine tra piante e zombi, anche se siamo pronti a scommettere sul terzo capitolo del fortunato filone Garden Warfare.

Più andiamo avanti, più ci addentriamo nell'ignoto e, di conseguenza, nel campo delle speranze. Ci piacerebbe tanto saperne di più su Dragon Age 4: The Dread Wolf Rises, visto il clima di pessimismo che ruota attorno al progetto. BioWare non ha vissuto un bel periodo durante la lavorazione di Anthem, e secondo alcune indiscrezioni lo sviluppo del nuovo Dragon Age sarebbe stato riavviato dopo aver perso i suoi ideatori principali. Sembra addirittura che il titolo sia stato presentato senza il permesso di Electronic Arts durante i Game Awards 2018. BioWare ed EA, quindi, potrebbero cogliere l'occasione per tranquillizzare i fan sullo stato dei lavori.

Ai videogiocatori, si sa, piace sognare, e in cima alla lista dei desideri di molti ci sono Battlefield: Bad Company 3, atteso invano da ormai 9 anni, e Titanfall 3. L'annuncio di uno di questi due titoli, siamo sicuri, sarebbe sufficiente a rendere l'EA 2019 indimenticabile, ma ci sentiamo di escludere quest'eventualità. DICE, come abbiamo avuto modo di vedere, è ancora focalizzata sul supporto di Battlefield 5, uscito da meno di un anno, oltre che su Star Wars Battlefront 2. Respawn, dal canto suo, è impegnata su Apex Legends e Star Wars Jedi: Fallen Order. A meno che i due desiderati progetti non siano stati affidati ad altri team (è già successo in passato con Battlefield: Hardline), il loro ritorno potrebbe non essere poi tanto vicino.

E voi, invece, cosa vi aspettate? Fatecelo sapere nei commenti! L'EA Play 2019, ricordiamo, aprirà i battenti alle ore 18:00 di sabato 8 giugno!