Esport

eSerie A: Fiorentina, Genoa ed Hellas Verona si uniscono al campionato

La eSerie A è finalmente ai nastri di partenza: Fiorentina, Genoa e Hellas Verona si uniscono al gruppo di società che parteciperanno alla competizione.

speciale eSerie A: Fiorentina, Genoa ed Hellas Verona si uniscono al campionato
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Il campionato esport della Serie A dopo tanta attesa è finalmente realtà e si appresta ad approcciarsi ai blocchi di partenza. Due i titoli su cui si disputerà: FIFA20 e eFootball PES 2020, i principali e più seguiti giochi di calcio esistenti al mondo e, di riflesso, anche in Italia.
    Non tutti i club, tuttavia, hanno accettato l'invito della Lega Calcio Serie A a partecipare al campionato, realizzato in collaborazione con Infront e PG Esports. Napoli e Brescia saranno le uniche assenti tra i club della massima serie italiana: la prima per motivi di gestione dei diritti d'immagine, la seconda per vincoli non meglio precisati anche se il principale sospetto è che si siano tirati indietro per concentrarsi unicamente sul calcio giocato alla ricerca di una salvezza che appare via via più lontana a ogni giornata che passa.
    La Juventus, infine, sarà presente solo su PES2020 in virtù degli accordi di esclusività firmati con Konami in estate e che li lega alla casa giapponese, e al suo videogioco di calcio, per tre anni.

    Chi sono i protagonisti?

    Ma chi saranno i giocatori che rappresenteranno le squadre? Ogni club avrà quattro player, due per FIFA20 e due per PES2020. Di questi, alcuni saranno scelti autonomamente dagli stessi club, tramite tornei interni o accordi diretti con i vari giocatori, altri sarà possibile sceglierli tra i vincitori delle qualifiche online organizzate dalla stessa PG Esports, in modo da consentire anche ai giocatori amatoriali di avere la propria occasione di diventare il rappresentante di uno dei club di Serie A.

    Un aspetto è particolarmente interessante in questa fase di vigilia della stagione competitiva: il connubio tra calcio ed esport. Diversi club hanno infatti deciso di affidarsi per la gestione della propria sezione esport a chi il mondo del gaming competitivo già lo conosce e ha esperienza pluriennale nel settore: un biglietto da visita non indifferente che li pone al massimo indice di gradimento per le squadre di calcio che, nella maggior parte dei casi, non saprebbero come comportarsi.

    Il porto degli esport

    Negli ultimi giorni sono arrivati i primi annunci dei club e delle loro collaborazioni in vista della eSerie A TIM. Tra loro il Genoa ha rivelato di aver stretto una partnership strategica con Pro2Be, talent lab italiano che vanta nella sua scuderia non solo giocatori di FIFA e PES ma anche di altri esports, tra cui spicca indubbiamente Andrea Saveri, campione del mondo della Moto GP Esports Series. Il Genoa prova da tempo a entrare nel settore dell'esports ma i tentativi degli ultimi anni si sono sempre mostrati fallimentari: Pro2Be è invece sinonimo di garanzia e potrebbe finalmente inverire la rotta.
    A giocare con i colori rossoblu saranno Gabriel Llhao, conosciuto coem Gabry7, attualmente numero 36 nel ranking mondiale di FIFA20 grazie agli ottimi risultati ottenuti a inizio stagione con la Top16 a Bucharest e la Top32 ad Atlanta.
    Su PES gli farà compagnia Rosario "NPK02" Accurso, tra i migliori emergenti del titolo Konami, già giocatore della nazionale italiana esports di calcio che lo vedrà impegnato ai prossimi europei eEuro Uefa 2020.

    "C'è grande soddisfazione nell'aver stretto questo accordo come Official Esports Partner del club più antico d'Italia. Il Genoa Cfc si è affidato alla nostra agenzia per competere ad alto livello e l'ingaggio dei nostri assistiti dimostra quanto la società rossoblù abbia puntato forte sul gaming competitivo".
    Roberto Forzano, Co-Fondatore e Responsabile Marketing & Comunicazione di Pro2Be

    Giulietta sposa gli Outplayed

    Dalla Liguria al Veneto, dal Genoa che lotta per la salvezza al Verona che lotta per un posto nell'Europa che conta della prossima stagione. Il club degli scaligeri giocherà entrambe le competizioni affidandosi agli Outplayed, una delle organizzazioni esports più vincenti del panorama italiano con ottimi risultati anche all'estero e su svaritati titoli.

    "La eSerie A TIM è una competizione innovativa che porta il calcio italiano in una nuova dimensione. Gli eSports stanno diventando una realtà sempre più importante e rilevante, per questo abbiamo deciso di scendere in campo con Outplayed, un partner strutturato e preparato per affrontare assieme all'Hellas Verona questa nuova sfida in un mondo giovane e dinamico."
    Marco Pistoni, Chief Revenue Manager di Hellas Verona FC.

    Inseriti nel girone di FIFA20 con Roma, Fiorentina e Sassuolo, e su PES2020 con Bologna, Sassuolo e Lazio, i giocatori dell'Hellas saranno gestiti e seguiti interamente dagli Outplayed, società che vanta più 100 player, tra italiani e stranieri, nella propria scuderia. Molto attiva su League of Legends, dove si è creata il proprio nome e la propria fama, e sui titoli mobile con cui compete anche all'estero.
    "Siamo molto onorati e felici di questa partnership. L'Hellas Verona si è subito dimostrata una società lungimirante e propositiva verso il mondo degli eSports e dei giovani. La eSerie A TIM è una grande opportunità per il nostro settore e non vediamo l'ora di affiancare l'Hellas Verona nel suo percorso."
    Simone Benedetti, co-owner Outplayed Esports

    La Viola di Commisso

    Chiude il trittico dei nuovi annunci la Fiorentina che da oggi si unisce agli Hexon Esports: una partnership strategica per il club di Commisso, che da buon americano ha una conoscenza sicuramente ampia del fenomeno degli esports, con una delle realtà che più di tutte è cresciuta e si è fatta notare nel 2019. Su FIFA sarà Giovanni "Giovhy69" Salvaggio a rappresentare i colori della Viola mentre per PES2020 toccherà a Angelo "Tipolosco319" Giannino: entrambi giocatori forniti direttamente dalla Hexon Esports, insieme alle figure tecniche che seguiranno quotidianamente i videogiocatori negli allenamenti e nelle strategie da utilizzare. Non solo eSerie A, però: Hexon porterà la Fiorentina in un progetto più lungo, mirato a competere a 360° su FIFA e PES nei vari impegni stagionali anche al di fuori della massima serie italiana.

    "L'ingresso negli eSports rappresenta un ulteriore passo in avanti per il nostro club, che vuole essere sempre più orientato al mondo digital e agli sport elettronici che tanto coinvolgono le giovani generazioni a livello globale. Con il supporto di una realtà giovane e di successo come Hexon, costruiremo un team competitivo che valorizzi i colori viola tra le community internazionali appassionate di eSports, e che le avvicini alla Fiorentina."
    Joe Barone, Direttore Generale della Fiorentina.

    Gli abbinamenti della eSerie A su PES2020

    Giovhy non è affatto un nome nuovo della scena competitiva di FIFA20. La sua esplosione a livello mediatico è arrivata piazzandosi nella Top16 della Fut Champions Cup di Bucharest nel 2019, raggiungendo l'82esima posizione nel ranking mondiale come terzo miglior italiano su PlayStation, la console su cui verrà disputato l'intero torneo della eSerieA TIM.

    Per Giovhy, inoltre, anche un passato da calciatore: "Sin da piccolo sono sempre stato con il pallone tra i piedi. Ho praticato calcio per 10 anni con l'immensa voglia di diventare un giorno un giocatore professionista. Adesso, lo sono di calcio virtuale e per me è un'emozione identica. Sono carico per questa avventura, non vedo l'ora di iniziare. Mi aspetto una bella competizione, combattuta, che rispecchi quello che succede all'estero!"

    Hai un modulo preferito? "Il 4-2-3-1, visto il mio stile di gioco: possesso ragionato e rapido, è il modulo che mi si adatta meglio. Non disdegno in ogni caso il 4-4-2, utile nelle situazioni in cui ho bisogno di rapidi capovolgimenti di fronte e scambi veloci."

    Tipolosco è invece uno dei giocatori emergenti di PES2020 che ha iniziato a farsi notare già all'inizio della stagione competitiva nelle eFootball Open. La eSerie amplia enormemente l'appetibilità di Pro Evolution Soccer, come conferma lo stesso Giannino: "L'ingresso della serie A su PES ovviamente ha i suoi vantaggi, come ad esempio avere un maggior numero di iscritti nei tornei che magari non si vedevano da un po' di tempo. Essendo il primo anno esport per le società di calcio non si può sapere esattamente quali vantaggi porterà ma è indubbiamente un ottimo punto di partenza. Uno dei tanti vantaggi che possono avere le squadre di calcio è ad esempio maggiore visibilità nel gioco online e non."

    E per quanto riguarda gli obiettivi stagionali? "Il mio obiettivo per la serie A è sicuramente entrare tra le prime 8 della fase finale e riuscire ad avere un futuro in questo settore."

    A occuparsi della gestione della sezione esports della Fiorentina per conto di Hexon sarà Alessandro Panebianco, nonché coach di FIFA20, a cui abbiamo anche chiesto come e quando è nata la collaborazione con la Viola. "Da diverse settimane eravamo in contatto col club. Quando la Lega Calcio ha iniziato ha parlare di un campionato nazionale legato agli esports ci siamo fatti avanti. Abbiamo spiegato alla dirigenza della Fiorentina chi eravamo e qual era la nostra visione del settore: il nostro progetto è stato apprezzato e abbiamo trovato il punto d'incontro per rappresentarli in questa nuova avventura."

    Cosa rappresenta per voi questa collaborazione? "Per noi è una grandissima opportunità, per vincere e crescere insieme a questa gloriosa società. Ma non ci fermiamo solo alla eSerie A. Parteciperemo anche alle qualifiche per le Global Series vestendo propri i panni della Fiorentina".

    Che voto dai a: eFootball PES 2020

    Media Voto Utenti
    Voti: 131
    7.8
    nd