Esport

ESL Vodafone Championship: i favoriti della vigilia

Torna il torneo ESL dedicato a League of Legends: quali sono i team favoriti per la vittoria finale? Scopriamolo insieme

speciale ESL Vodafone Championship: i favoriti della vigilia
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Ritorna il campionato italiano di League of Legends targato ESL Italia. Numerose le novità dell'edizione Winter 2018, in partenza giovedì 18 ottobre e pronta a chiudersi a metà dicembre. La prima è il rebranding della competizione: a ESL Italia Championship si è aggiunta infatti Vodafone come partner ufficiale dell'evento che, oltre a League of Legends, copre anche Counter-Strike: Global Offensive, Rainbow Six Siege e il nuovo arrivato, tra i più attesi, Clash Royale.

    Il torneo: le novità

    Sul lato competitivo la novità più importante è l'allargamento da otto a dieci squadre. Alle sei squadre già protagoniste della scorsa competizione, Team Forge, Outplayed, iDomina eSports, Racoon, Inferno eSports e Cyberground, si sono aggiunti i Level One, promossi dalla Serie B, i 5 Hydra e i Lions' Den, promossi da Lega Seconda, e i MOBA ROG, invitati dagli organizzatori. Una scelta oculata, quest'ultima, basata principalmente sull'attrazione mediatica e sulla massa di tifosi che i MOBA ROG, abbreviati come MOR, riescono a muovere nella scena competitiva di League of Legends. Cambia anche il formato: si passa dalle partite secche Best of 1 a match Best of 2 con la prima inequivocabile conseguenza che il pareggio sarà un risultato possibile.

    Sulla carta il campionato sembra presentarsi in linea con i precedenti: una lotta a due tra Outplayed, detentori del titolo, e Team Forge, vincitori dell'ultima competizione disputata in ordine temporale, il Red Bull Factions. Nonostante il formato per fazioni non sia lo stesso del formato competitivo, il torneo ha ugualmente fornito importanti indicazioni sullo stato di salute dei quattro team partecipanti sui quali si hanno le notizie più fresche.

    Proprio per questo motivo è imprescindibile partire proprio dalle due squadre che hanno vinto tutto negli ultimi due anni, dividendosi ogni competizione: sono loro, senza discussione, le favorite numero uno per la vittoria finale del torneo nel Power Ranking presentato nelle prossime righe. Dieci squadre, suddivise in quattro fasce, secondo le impressioni della vigilia sui roster ufficiali. Questa volta ci sarà anche un ulteriore parere: la consulenza di Marton Szabo, Team Manager ungherese dei 5 Hydra Esport e ormai conoscitore della scena italiana, che presenterà le sue previsioni sulle squadre.

    Prima Fascia

    Come anticipato non è possibile non inserire come Top2 le squadre che hanno vinto tutto e che hanno disputato anche l'ultima finale di EIC Summer 2018. I vincitori furono gli Outplayed che si affacciano al nuovo split dell'ESL Vodafone Championship con lo stesso identico roster titolare: Weizor, Demon, DrMatt, Bullet e Brizz, lo stesso quintetto che ha anche partecipato all'EU Masters, raggiungendo i quarti di finale dopo un girone da sogno. In più l'inserimento tra i sostituti di Andrei "Orome" Popa, pronto a subentrare, aggiunge ancora più solidità al team. Il giocatore, attualmente in forze agli spagnoli KYIF Esport Club, è disponibile come rinforzo saltuario in toplane. Chiudono tra i sub Varkia e Oxider.

    Il Team Forge, seppur inserito in prima fascia, deve essere considerato un gradino sotto gli Outplayed nella scala dei favoriti al titolo. La motivazione principale è l'aver modificato diversi componenti della line-up titolare. Se Beansu, Guilty ed Efias sono rimasti in carica, lo stesso non si può dire di Click e Klaabu. Al posto del primo è arrivato l'olandese Markoon, giovanissima promessa (classe 2002), mentre la corsia centrale sarà affidata, almeno inizialmente a Cohle, precedentemente spesso in panchina.

    Altre novità sono rappresentate dal ritorno di Gabbo nella scena competitiva, che avrà sicuramente numerose chance di giocare, e Gotrek, che potrebbe finalmente tornare a calcare la Landa in partite ufficiali dopo l'eterna panchina con i MOBA ROG. Un roster completo ma con alcuni punti interrogativi che non permettono ai 4G di posizionarsi al primo posto tra i favoriti: sarà necessarsio vederli all'opera per capirne di più.

    Seconda Fascia

    Il ritiro di Horizon, storico support degli iDomina, era stata una della notizie più inaspettate dell'estate. Eppure lo ritroviamo ancora una volta inserito nel roster, questa volta come sostituto. Difficile che giocherà ma probabilmente ha dato la sua disponibilità a fornire la propria esperienza: d'altronde è un veterano della scena italiana e qualsiasi suo consiglio è oro per la squadra. Soprattutto quando c'è da svezzare due giovani giocatori come Christian "Netta" Devo, conosciuto come DarkChri, chiamato a raccogliere una pesante eredità accanto a Rharesh, e Silverio "Deidara" Masi. Buona la prima prova al Red Bull Factions.

    Racoon e MOBA ROG ancora una volta dovranno lottare per ottenere un posto nella Top 4. I procioni sono riusciti a mantenere Baloo, Traitor e Shield, aggiungendo tanta qualità negli altri ruoli. Primo fra tutti il centrale, adesso occupato da Kim "Phantomles" Storm, svedese ex-Inferno che ha sempre offerto ottime prestazioni. In giungla è invece arrivato Emanuele "Khema" Conti: da lui ci si aspetta l'affermazione definitiva. I MOR hanno invece spostato Vanez in panchina per far spazio in giungla all'arrivo di Alessandro "Fragola" Zappalà: dopo la breve esperienza competitiva con i 4G, ritorna sulla scena. Invariate la botlane, con PaoloCannone e Counter, e la top, con Acefos. Il colpo di mercato più importante è invece in midlane con l'ingaggio di Daniel "Aki" Lauri, talento esploso nello scorso PG Nationals.

    Terza Fascia

    Quasi del tutto rivoluzionati Cyberground e Inferno che alla viglia non possono ambire a più della terza fascia. Gli Orangeblack danteschi hanno sicuramente una marcia in più sulla carta ma il roster da 9 potrebbe portare confusione. I ruoli di titolare e panchinaro non sono ancora ben definiti e le prime partite serviranno indubbiamente per capire chi saprà dare risposte concrete e chi no.

    Da segnalare, in particolare, il passaggio di Jacopo "TheGame" Tantimonaco dai 4G agli Inferno. Per i Cyberground è tutto, o quasi, un grande punto interrogativo. In extremis sono arrivati Riccardo "Creon" Santarelli, botlaner, e Deivydas "Agentas" Plikaitis, sfilato ai 5 Hydra, mentre in mid è arrivato Bogda "Vrow" Albu, ex Forge ed MVP della finale di Lega Prima Stagione 2. Tante le risposte attese dai CGG: bisognerà capire se ci sarà il tempo o meno di ottenerle.

    Quarta Fascia

    Il power ranking si chiude con una realtà ormai consolidata e due novità. I 5 Hydra hanno ancora una volta rivoluzionato il roster con cinque nuovi giocatori titolari ma hanno dalla loro la capacità di sapersi sempre adattare, qualità non da poco. Tra le due novità la più promettente sembra quella dei Level One Gaming. Neopromossa dalla Serie B, si affaccia alla massima competizione targata ESL dopo aver dominato anche Lega Seconda: Skar, Blax, Vango, Devils e Drago sono un roster giovane, con ben due giocatori duemila, più altri due in panchina, ma temibile.

    Chiudono i ViS Lions' Den in cui spiccano indubbiamente tre giocatori di rilievo pronti a dimostrare di essere ancora all'altezza: Michele "Skel" Settanni, Samuele "Kooji" Greguoldo e Kevin "Alyson Hannigan" Pirrone, più conosciuto come Lazuriel, tutti veterani della scena italiana di LoL.

    L'EVC secondo Marton

    Secondo il team manager ungherese la Top2 è sostanzialmente identica. Forge e Outplayed sono di gran lunga le migliori. Nonostante non sia chiaro quale sarà il roster titolare dei 4G, secondo Marton anche giocatori come Gabbo, Cohle e Gotrek rimangono una spanna sopra tutti gli altri team.

    Il terzo posto va invece ai Racoon: l'impressione è che siano anche migliorati rispetto a prima e possono vantare posizioni in più. A discapito degli iDomina: la motivazione è che Dragane e Kermys non riusciranno a rimanere per l'intero split a causa di impegni personali: un fattore non indifferente che influenza la corsa al titolo. Il quinto posto è consegnato agli Inferno che con Ziviz e Gnaffo sembra avere le carte in regola per lottare nella parte centrale della classifica. Subito dopo arrivano i Cyberground: seppur il roster rimarrà solo per questa competizione, possiede indubbiamente tante caratteristiche importanti a livello qualitativo. Da verificare l'amalgama tra i giocatori. Segue il team MOBA ROG: per Marton aver perso il coach è un fattore determinante, così come aver sostituito Vanez con Fragola in giungla, considerato un passo indietro. All'ottavo posto i Level One che vantano due ottimi import e tre buoni giocatori italiani troppo spesso sottovalutati: grandi aspettative su di loro. Chiudono infine i 5 Hydra, orfani di Agentas e Saulius, e i Lions' Den, definiti troppo "scollati".

    Quando si comincia?

    Il primo appuntamento è per giovedì 18 ottobre dalle ore 19:00 sui canali di ESL Italia. Si inizia subito col botto con Outplayed vs MOBA ROG e Team Forge contro Racoon a seguire.

    Che voto dai a: League of Legends

    Media Voto Utenti
    Voti: 114
    7.3
    nd