Esport

eSport: anche la WWE investe nel circuito competitivo e sui Cloud9

La World Wrestling Entertainment ha osservato a lungo prima di prendere la decisione di investire su uno dei team statunitensi più ambiziosi: i Cloud9.

speciale eSport: anche la WWE investe nel circuito competitivo e sui Cloud9
Articolo a cura di

Il panorama eSports statunitense continua a macinare numeri da capogiro e investimenti da decine di milioni di dollari. Ogni volta che ci troviamo a osservare ciò che accade nella vivace scena competitiva oltreoceano, ci vengono le vertigini non solo per le cifre che il movimento riesce a smuovere, ma anche per le personalità che hanno deciso di investirci del denaro. Ex stelle dello sport e divi del jet set, ormai, sono abituati a metterci milioni di dollari (mica bruscolini). Sarà moda, sarà la voglia di guadagnarci pure qualcosa ma questo ci fa capire come la percezione del fenomeno si attesti ad un livello enormemente superiore rispetto a quanto avviene attualmente nel Vecchio Continente. Il solito vizio tutto americano di esagerare sempre.
Per ciò che concerne la parte relativa agli investimenti, l'organizzazione professionistica statunitense Cloud9 (tra le più importanti del panorama competitivo a stelle e strisce assieme agli NRG) è riuscita a racimolare fondi da più investitori provenienti tanto dallo sport tradizionale quanto dai media e dal framework dell'intrattenimento, inclusa - da ultima - la WWE. Molti altri investitori, poi, si sono fatti avanti e in questo caso si parla di personalità di assoluto peso. Tra i tanti, sono emersi i nomi del co-founder del Monumental Sports & Entertainment Raul Fernandez, il co-founder della Creative Artists Agency Michael Ovitz, un investimento congiunto dei brocker David Sacks e Bill Lee. In tutto, venticinque milioni di dollari sono finiti nelle casse del team. Oltre a questo, altri business angel hanno aiutato Cloud9 con oltre tre milioni di dollari lo scorso gennaio, aumentando la loro quota di partecipazione. Tra questi spicca la star del baseball Hunter Pence, che si è unito al consiglio di amministrazione e il co-fondatore di Reddit, Alexis Ohanian.

Nuovi investimenti milionari

Per ciò che attiene, invece, la World Wrestling Entertainment rappresentata da McMahon, pare che il consiglio di amministrazione tenesse da tempo nel proprio radar il movimento eSports. George Barrios, Chief strategy and financial officer della lega, ha dichiarato al sito ESPN: "Ci siamo guardati attorno, abbiamo osservato i giocatori e abbiamo operato la nostra valutazione su coloro che potrebbero rappresentare un ottimo investimento a lungo termine. Abbiamo optato per la squadra Cloud9 in quanto, secondo le nostre valutazioni, il team ha sviluppato grande competenza e professionalità e siamo davvero rimasti impressionati da Jack (Etienne, CEO di Cloud9) e dal resto dello staff, dalla loro professionalità, dall'organizzazione e dalle infrastrutture a loro disposizione per una piccola organizzazione come la loro".

L'investimento della WWE è davvero significativo e molto importante per il momento che sta vivendo il team Cloud9. La squadra si è trovata infatti con le casse desolatamente vuote e con un disperato bisogno di denaro anzitutto per riconquistare un posto nella NA LCS dopo gli stravolgimenti avvenuti nella politica del campionato di League of Legends e, poi, per acquistare uno spot nella Overwatch League. Operazioni che, tutto considerato, hanno richiesto l'esborso di circa 30 milioni di dollari per il pagamento della tassa d'ingresso. Di questi, ben venti milioni sono serviti solamente per acquistare lo spot nella tappa londinese (unica location europea del circuito) della Overwatch League.

L'ambizione dei Cloud9

Insomma, per far fronte al continuo esborso economico per il sostentamento e la sopravvivenza dello stesso team e per i costi di accesso agli eventi di alto livello, all'organizzazione professionistica statunitense l'investimento della WWE sembra davvero aver fatto comodo. Non dimentichiamo che Cloud9, all'inizio dell'anno ha ricevuto un'iniezione di denaro e fiducia anche dal co-proprietario dei Los Angeles Dodgers, Todd Boehly, dal co-founder dei Golden State Warriors, Chamath Palihapitiya e da Joe Montana, leggenda vivente della NFL. Non solo, la squadra con base a Los Angeles può contare su partner commerciali di tutto rispetto come, ad esempio, Red Bull, Logitech, HTC, MSI .
Il proprietario di Cloud9 Jack Etienne, comunque, si è espresso sull'operazione di partnership appena conclusa dichiarando che il team cercava nuovi investitori per espandere ulteriormente la loro presenza nel panorama competitivo. Nuovi franchise, infatti, continuano ad affacciarsi all'eSports con una velocità disarmante e l'obiettivo dei Cloud9 è quello di espandersi sino ad avere almeno un team per ogni titolo sulla piazza. Stando alle parole del CEO la squadra, all'inizio della sua avventura, non sapeva ancora con certezza su quali giochi avrebbe potuto investire concretamente e in maniera "profittevole".

All'epoca della loro fondazione, ovvero nel "lontano" 2012, appariva assai prematuro investire a fondo perduto e tentare la sorte su più titoli, col rischio di non giungere ai risultati sperati e andare, ovviamente, in perdita col rischio di fallire miseramente. La politica del team è sempre stata chiara e oculata: procedere per step sempre più ambiziosi, consolidando nel frattempo ciò che si è già acquisito. Mai fare il passo più lungo della gamba, recita un vecchio adagio e la squadra statunitense pare averlo adottato come filosofia ufficiale.
I Cloud9 , attualmente, stanno continuando ad espandere i loro ranghi formando team di professionisti per competere nei tornei di Counter Strike, Hearthstone, DOTA 2, Overwatch, Call of Duty, Super Smash Bros, Rocket League, PlayerUnknown's Battlegrounds e il MOBA mobile Vainglory, che tanto successo sta avendo da qualche tempo a questa parte. Insomma, la vicenda di Cloud9, assimilabile a quelle in cui versano molte altre squadre nordamericane (come Team Liquid e NRG), ci permette di farci un'idea un po' più precisa del giro d'affari che smuove il settore in questo momento.