FIFA 21: come migliorare il gioco di calcio Electronic Arts?

Sogni e speranze aspettando il prossimo capitolo della popolarissima serie calcistica targata EA Sports. Ecco cosa dovrebbe avere FIFA 21.

speciale FIFA 21: come migliorare il gioco di calcio Electronic Arts?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Il mondo del calcio sarà pure quasi totalmente fermo, ma questo non ha di certo messo un freno all'entusiasmo e alla curiosità di milioni di videogiocatori nei confronti del già chiacchieratissimo FIFA 21. Tanti sono infatti i sogni degli appassionati rispetto a questo nuovo capitolo della serie, e sebbene sia innegabile che la natura cross-generazionale del prodotto potrebbe limitarne l'innovazione di fondo, è presumibile - e auspicabile - che EA Sports abbia comunque in serbo per noi almeno un paio di grosse sorprese.

    In attesa di scoprire la strada intrapresa dal team di sviluppo, abbiamo dunque provato a immaginare quali potrebbero essere le novità ideali per rendere FIFA 21 un prodotto più ricco e completo del suo predecessore, ma contiamo ovviamente sui vostri commenti per rendere la discussione quanto più vasta e approfondita possibile!

    Cross play

    Una delle innovazioni più attese, specie in ottica Pro Club, è senza dubbio il cross play: un modo perché la community possa in qualche modo condividere il medesimo spazio e sostenere così anche tutte quelle modalità che, anno dopo anno, hanno finito con l'essere oscurate dall'Ultimate Team.

    Titoli come Call of Duty Modern Warfare - soprattutto dopo l'arrivo del più recente Warzone - hanno dimostrato quanto l'abbattimento dei confini tra piattaforme possa garantire diversi vantaggi, perciò non possiamo far altro che confidare nel desiderio da parte di Electronic Arts di ampliare i propri orizzonti per il bene del suo pubblico.

    Nuovo editor

    Uno dei punti storicamente più deboli del brand di FIFA è senza dubbio il suo editor, limitato a poche funzioni e dunque del tutto incapace di regalare ai giocatori quella libertà di sperimentare che ha invece sempre rappresentato uno dei fiori all'occhiello della serie di PES.

    Mettere nelle mani della community un editor all'altezza del buon nome del brand, attraverso il quale permettere la creazione e la conseguente personalizzazione di giocatori e squadre (magari contemplando anche la condivisione dei contenuti generati dagli utenti), rappresenterebbe un netto passo avanti per la serie nonché un gesto importante nei confronti di una community che ha sempre manifestato grandissimo interesse in questa direzione.

    Telecronaca rinnovata

    Al di là dell'ormai celeberrimo "non può sbagliare da lì", implacabile anatema con cui Pierluigi Pardo ha quasi sempre distrutto i sogni di gloria di milioni di giocatori Italiani, la telecronaca di FIFA 20 non può certo essere considerata uno dei suoi punti di forza.

    L'accoppiata Pardo-Nava non si è purtroppo rivelata particolarmente vincente - e spiace dirlo, soprattutto per demeriti di quest'ultimo - e se a questo aggiungiamo anche gli ossessivi interventi da bordo campo di Matteo Barzaghi, è facile intuire cosa abbia spinto molti giocatori a ripiegare su una delle tante telecronache straniere disponibili nel gioco. Una coppia di telecronisti più affiatata, capace di proporre un accompagnamento magari all'altezza della controparte britannica è dunque il minimo che possiamo augurarci di trovare in FIFA 21.

    Icone giocabili oltre i confini del FUT

    Ricalcando quanto visto in PES, nel quale Konami ha offerto al pubblico la possibilità di importare nella Master League i giocatori storici sbloccati nel MyClub, EA Sports dovrebbe senz'altro adottare una strategia simile anche in FIFA 21, anziché relegare l'uso delle tanto desiderate icone alla sola modalità Ultimate Team.

    Una tale miglioria non solo fornirebbe alla totalità degli acquirenti del gioco un motivo in più per immergersi in FUT e seguirne l'evoluzione con regolarità - con tutti i risvolti economici del caso per Electronic Arts - ma andrebbe a creare un vero e proprio ponte fra le varie modalità di FIFA 21. In fondo chi non farebbe carte false pur di iniziare la Carriera Giocatore con una leggenda calcistica o per usarla per rafforzare il proprio club nella Carriera Allenatore?

    Ottimizzazione della carriera allenatore

    E qui arriviamo inevitabilmente a uno dei temi più delicati dell'intero ecosistema calcistico targato EA Sports, ovvero quella modalità Carriera Allenatore che nel corso degli anni è stata troppo spesso trascurata per motivi che, ancora oggi, sfuggono alla comprensione di molti. Reduce da un FIFA 20 in cui questa modalità ha probabilmente toccato il suo punto più basso - con problemi tali da portare alla nascita spontanea di movimenti di protesta globali come il ben noto #FixCareerMode, che ha riunito buona parte della community internazionale - EA Sports è ora chiamata a fornire al pubblico un segnale forte, provvedendo non solo alla risoluzione delle problematiche storiche, ma magari anche all'introduzione di nuove dinamiche che possano portare un'effettiva ventata di freschezza.

    Un buon punto di partenza potrebbe essere senz'altro il rinnovamento della gestione economica dei club, al fine di permettere magari la scelta degli sponsor o il prezzo dei biglietti, ma la community non disdegnerebbe neanche una rivoluzione del sistema di interazione generale. Ricevere sempre le stesse domande durante i pre e i post partita è qualcosa che ha compromesso il realismo dell'esperienza offerta da FIFA 20 in più di un'occasione, e lo stesso può ovviamente dirsi per i troppi trasferimenti senza senso che contraddistinguono le sessioni di mercato, e per le reazioni dei propri giocatori nel corso dei singoli campionati, spesso del tutto decontestualizzate rispetto agli effettivi risultati personali degli stessi o della squadra.

    E tutto questo senza contare la necessità di capitalizzare su alcune delle innovazioni introdotte in FIFA 20, come il tanto chiacchierato Potenziale Dinamico, il cui effettivo impatto sull'esperienza è stato decisamente meno percettibile di quanto fosse lecito attendersi. Insomma, di strade per migliorare la modalità Carriera Allenatore di FIFA 21 ce ne sarebbero più di una, e la speranza è che EA Sports decida effettivamente di ascoltare la propria community per rispondere con i fatti.

    Menzioni d'onore

    Chiudiamo con una serie di sogni e speranze di natura mista, con cui EA Sports potrebbe facilmente rendere FIFA 21 un prodotto molto più appetibile del suo popolarissimo predecessore. Il nuovo sistema che in FIFA 20 ha regolato il funzionamento dei calci piazzati, non ha purtroppo incantato, e lo stesso vale per l'intelligenza artificiale dei portieri, ancora troppo deficitaria soprattutto per quanto riguarda la copertura del primo palo durante le offensive avversarie.

    Da segnalare poi la necessità di migliorare la fisica del pallone in occasione di cross e filtranti alti e, infine, l'assoluta esigenza di fare chiarezza in merito alla tanto chiacchierata difficoltà dinamica. Electronic Arts ha sempre negato che i suoi prodotti facessero uso di sistemi in grado di condizionare lo svolgimento delle partite, ma decine di migliaia di giocatori hanno spesso sostenuto con convinzione il contrario, talvolta anche con quelle che sono sembrate prove oggettive. Fare maggior chiarezza in questo senso di certo aiuterebbe a rasserenare l'atmosfera, e a riavvicinare il team di sviluppo al suo fedelissimo pubblico.

    Quanto attendi: FIFA 21

    Hype
    Hype totali: 39
    52%
    nd