Fortnite, non solo Battle Royale: eroi e stravantaggi, le novità PvE di giugno

In previsione dell'arrivo della versione free to play di Salva il Mondo, vediamo le ultime modifiche apportate da Epic Games a Fortnite.

Fortnite, non solo Battle Royale: eroi e stravantaggi, le novità PvE di giugno
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Arrivati agli ultimi ritocchi prima dell'arrivo, anche per il PVE, della versione free to play sugli store digitali dei negozi videoludici, Fortnite è oramai diventato un gioco molto diverso da quello pubblicato quasi un anno fa. I cambiamenti che abbiamo raccontato nel corso di quest'anno sono stati molti ma l'evento di giugno ha modificato radicalmente la struttura del gioco, inserendo nuovi oggetti, armi e abilità che hanno reso l'esperienza decisamente più fresa e moderna, sebbene sempre incentrata su quell'alternare costruzione e sparatorie che ha caratterizzato Fortnite sin dal lancio. Come sempre, Epic Games ha sfruttato l'arrivo del nuovo evento mensile per introdurre queste modifiche: vediamo dunque nello specifico le differenze più sostanziali che troveremo sui server di Fortnite.

    Straniero in patria

    Le modifiche più rilevanti in termini di eroi sono sostanzialmente due: la riscrittura della classe straniero, e le nuove abilità del soldato. Innanzitutto, lo straniero è sempre stato danneggiato dal fatto di non poter contare, come gli altri personaggi, su abilità a tempo ma di dover ricorrere a oggetti da trovare nella mappa, con un limite prestabilito. Ciò rendeva decisamente poco utile ricorrere allo straniero per il giocatore, perché non si poteva sfruttarlo per le sue caratteristiche specifiche (immagazzinare risorse ed esplorare velocemente), perché era infinitamente meno utile per il combattimento e la costruzione. Adesso il personaggio dello straniero è stato completamente riscritto: è possibile raccogliere quanti strumenti si preferisce (che siano orsi mitragliatori o torrette elettriche), immagazzinando un arsenale enorme per affrontare le ondate nemiche, al netto di un intervallo di qualche secondo di pausa tra un'attivazione e l'altra.
    Al contempo, il soldato adesso ha un'ulteriore abilità, in cui estrae le pistole per colpire i nemici con proiettili esplosivi, causando immensi danni ad area. Come se non bastasse, adesso le abilità "offensive" dei soldati danneggiano le strutture non alleate, permettendoci finalmente di ripulire le zone vicine agli atlanti in brevissimo tempo, invece di dover impiegare svariati minuti per liberare gli spazi intorno al luogo di difesa. Con l'aggiunta di eroi finalmente particolari a livello estetico (come il Corvo, il Segugio da Guerra e Wukong), e con il nuovo doppiaggio che ne aumenta la caratterizzazione, adesso non solo è utile usare tutti i personaggi, ma anche più appagante.

    Stravantaggi!

    Per quanto riguarda la gestione dei perk delle armi e delle trappole, Epic Games ha finalmente inserito gli "stravantaggi", ossia modificatori che permettono di scegliere quali opzioni poter equipaggiare per le nostre armi. Di conseguenza, adesso è possibile crearsi dei set specifici per le ondate elementali più disparate, dal fuoco all'acqua passando per l'energia.
    Inoltre, è possibile creare armi dedicate integralmente al danno, oppure particolarmente resistenti, per poter sfruttare al massimo le abilità del singolo personaggio: per i nuovi soldati, ad esempio, è molto utile avere una pistola con alta cadenza, anche senza concentrarsi su un danno particolarmente elevato, mentre per i ninja da critico del corpo a corpo bisogna puntare tutto sulla forza bruta delle nostre spade.
    Se, da un lato, questo ha attutito la necessità di trovare in maniera casuale armi con determinate abilità e statistiche, dall'altro ha creato un'intera e nuova serie di oggetti da dover collezionare e immagazzinare, rilanciando la corsa al farming che si era arrestata nel corso degli ultimi mesi. Al contempo, per fortuna questi nuovi oggetti sono a disposizione sul mercato settimanale e mensile, di conseguenza è abbastanza facile poter acquistare quello che serve all'occorrenza. Il consiglio quindi è di non investire subito tutte le risorse a disposizione per riscrivere tutti i perk, ma di aspettare e modificare le armi solo quando assolutamente certi di voler creare una certa build.

    Nulla di nuovo sul fronte narrativo

    Purtroppo, la struttura dell'evento è rimasta la stessa: numerosi step diversi con decine e decine di collezionabili e oggetti con cui interagire, che sbloccano una serie di dialoghi specifici che, sebbene arricchiscano la lore del mondo di gioco e la caratterizzazione dei suoi personaggi, aggiungono davvero pochissimo alla solita routine del PVE.
    È un peccato che il gioco non spinga un poco di più su quest'aspetto, preferendo la costanza alla qualità: invece di un evento al mese, forse sarebbe più interessante averne con cadenza meno rigida, ma con una maggiore attenzione all'aspetto narrativo.

    E dire che, in tal senso, alcuni passi avanti sono stati fatti: Epic ha creato delle mappe ad hoc per alcune missioni narrative specifiche, alcune anche abbastanza divertenti perché sfruttano il sistema di costruzione per mettere in scena situazioni decisamente comiche (si pensi al coniglio esplosivo dell'evento pasquale). Insomma, un piccolo passo avanti, ma in una struttura comunque decisamente insufficiente.
    Nel complesso, gli ultimi aggiornamenti di Fortnite hanno migliorato di molto la qualità della vita del giocatore, aggiustando il tiro su molti elementi critici per la community, ma al contempo non mostra particolari passi avanti in ambito narrativo e relativamente alle nuove modalità di gioco.

    Che voto dai a: Fortnite Capitolo 3

    Media Voto Utenti
    Voti: 1490
    8.1
    nd