GamesCom

Gamescom 2017: tutti i nuovi giochi annunciati alla fiera

Da Biomutant a Immortal Unchained, passando per Close to the Sun e Sword Art Online Fatal Bullet: tutte le novità della Gamescom 2017.

speciale Gamescom 2017: tutti i nuovi giochi annunciati alla fiera
Articolo a cura di

Il costante declino che ha investito le più importanti fiere videoludiche è un processo ormai irreversibile, lo abbiamo capito tutti. Eventi come l'E3 e la Gamescom sono ancora considerati uno dei simboli dell'industria, dei momenti speciali che ci ricordano una tradizione che, oramai, va avanti da più di vent'anni.
Eppure pian piano le più grandi aziende hanno cominciato a capire che forse esistono dei metodi comunicativi più efficaci e delle occasioni più consone per presentare i propri grandi annunci, "disertando" sempre più spesso gli appuntamenti che, fino a qualche tempo fa, erano una costante. L'edizione dell'E3 di quest'anno, ad esempio, si è rivelata molto deludente rispetto a quanto ci si aspettava, e probabilmente il futuro ci riserverà insoddisfazioni ancor più cocenti. Discorso analogo per la Gamescom di Colonia, una fiera da sempre tarata meno sulla spettacolarità e vista come "complementare" all'evento losangelino, laddove veniva sparata una salva d'annunci non indifferente.
La kermesse teutonica, fin dalla sua inaugurazione nel 2009, ha assunto le sembianze di un evento più "concreto", dove la rombante foga delle presentazioni in terra americana si solidificava sotto forma di demo giocabili e presentazioni a porte chiuse più complete e dettagliate. Negli ultimi due anni la situazione è rimasta la stessa, ma molti dei grandi nomi dell'industria (Sony e Nintendo, giusto per citarne un paio) hanno preferito limitarsi a ripresentare gli stessi contenuti giocabili dell'E3, senza novità sostanziali. La Gamescom sta quindi diventando un evento prettamente consumer, un'occasione in cui provare, dopo ore di fila, alcuni dei giochi che arriveranno nei prossimi mesi. Un momento in cui i sogni di Los Angeles incontrano la realtà, e non un'altra fabbrica di emozioni volatili. Vien da sé, perciò, che la fiera coloniese di quest'anno non è stata certo ricca di nuovi annunci, sebbene qualche novità abbia titillato le nostre papille gustative.

Biomutant: procioni geneticamente modificati

Uno degli annunci più fragorosi della kermesse teutonica risponde al nome di Biomutant, un ambizioso progetto del giovanissimo team svedese Experiment 101. Il gioco mette in scena un mondo post apocalittico dominato da animali mutanti di diverse specie e dimensioni. Il protagonista è uno scaltro procione bipede che si muoverà in una mappa open world infarcita di segreti e pattugliata da bestioni poco amichevoli: il nostro eroe (o antieroe, è presente anche un sistema di moralità) combatterà sfoderando un arsenale composto da trappole, armi da mischia e pistole.

L'aspetto più interessante della produzione è relativo al coloratissimo stile, che fa apparire Biomutant quasi come un fumetto in movimento: i colpi sono accompagnati da sgargianti onomatopee e ogni gli avversario ha un aspetto caricaturale. Ci troveremo faccia a faccia con amorevoli orsacchiotti assassini e con i loro cugini più cresciutelli, che magari brandiscono un'enorme mazza ferrata. Anche se gran parte degli elementi rimangono ancora oscuri, Biomutant si profila come un altro dei titoli da tenere d'occhio per il 2018.

Immortal Unchained: un souls like con i fucili

Immortal Unchained si scontra con almeno un paio di premesse poco originali: si tratta dell'ennesimo souls like e ci racconta la storia di un ragazzone che, dopo essersi liberato dalla prigionia, cerca una rabbiosa vendetta. Immortal Unchained risponde introducendo un arsenale di armi da fuoco, che potrebbero allontanarlo dai classici meccanismi dei titoli ispirati alla serie di From Software.

Com'è anche possibile notare dal trailer d'annuncio, gli sviluppatori non rinunceranno alle atmosfere oscure e "cattive", né si faranno scrupoli da dar vita a mostruosità dall'imponente mole. Rimarrà da vedere se il mondo di gioco e le architetture nerastre in cui si muoverà il nostro nerboruto combattente riusciranno a risplendere di luce propria, senza che risultino troppo derivative e prive di potere immaginifico. In ogni caso, in attesa di ulteriori novità, Immortal Unchained potrebbe incontrare gli interessi di alcuni appassionati.

Close to the Sun: no swords or guns, only fear

Dopo aver lavorato a Nero e al più recente Lantern, Storm in a Teacup si è imbarcata in quello che all'apparenza sembra essere il suo progetto più ambizioso. Close to the Sun è un'avventura horror ambientata in una grande nave in balia di un oceano tumultuoso, dove accadono fatti apparentemente sovrannaturali.

Lo stile delle ambientazioni ricalca i dettami dell'art déco, ed è quindi quasi automatico accostare il progetto del team italiano a BioShock (tra l'altro l'annuncio è stato fatto proprio lo stesso giorno del decimo anniversario del capolavoro di Irrational Games). A quanto pare, però, l'avventura prenderà strade ben diverse: non ci saranno armi, di conseguenza ogni pericolo potrà solo essere evitato nascondendosi o correndo per i labirintici cunicoli del transatlantico. Ad attenderci ci saranno spettri di un passato misterioso e minacce ben più tangibili, un miscuglio di tecnologia e misticismo che ci ha conquistato. Ora bisogna solo attendere che il progetto maturi per vedere se tutte le nostre speranze riusciranno a concretizzarsi.

Sword Art Online Fatal Bullet: proiettili fatali in quel di Gun Gal Online

Il mondo di Sword Art Online è stato pesantemente sfruttato in ambito videoludico, tanto che le ultime iterazioni cominciavano ad accusare un po' di stanchezza.

Bandai Namco ha così preso la formula e l'ha parzialmente riscritta: innanzitutto per la prima volta in un videogioco metteremo piede nelle aride terre di Gun Gal Online, un derelitto mondo devastato da un'apocalisse. In seconda battuta, i combattimenti all'arma bianca, seppur ancora presenti, sono stati in gran parte soppiantati da scontri a base di sparapiombo di vario tipo. La build della Gamescom era molto acerba e presentava diverse problematiche tecniche, tuttavia la curiosità resta, in particolar modo se pensiamo che il filone ludico di Sword Art Online potrebbe essere arricchito da un episodio che si distanzia finalmente dalla formula a cui siamo stati abituati finora.

Fear Effect e Secret of Mana: i remake di due classici

Accanto a prodotti nuovi di zecca c'è anche un angoletto nostalgia, che a questo giro si riempie con Fear Effect Reinvented e Secret of Mana Remake, entrambi dei pezzi di storia che hanno fatto appassionare milioni di persone. Fear Effect Reinvented è sviluppato dai ragazzi di Sushee Games (gli stessi di Fear Effect Sedna) e si tratta di un progetto teso ad ammodernare ogni aspetto dell'originale uscito nel 2000 su PlayStation, senza però intaccare nessun modo l'alchimia che ne decretò il successo ben diciassette anni fa. Il remake 3D di Secret of Mana è un'operazione, se vogliamo, un po' più "aggressiva".

D'altronde il gioco fu pubblicato da Squaresoft nel lontano 1993 e tutto il tempo trascorso ha di sicuro intaccato la godibilità di alcune dinamiche. Secret of Mana Remake sarà sviluppato da Square Enix: nell'enorme lista di novità troviamo una grafica totalmente ricostruita in 3D, dialoghi doppiati, il riarrangiamento della splendida colonna sonora ed una serie di meccaniche e contenuti inediti che non vediamo l'ora di scoprire il prossimo 15 febbraio 2018.

La fiera della strategia

La Gamescom 2017 è stato un evento dominato dagli strategici, in quasi ogni loro declinazione. Sono ben tre gli annunci esplosivi che hanno acceso la fiera teutonica: abbiamo pensato, quindi, di dedicare a questi giochi un articolo a parte, mentre in questa sede ci limiteremo a citarli brevemente. La bomba più fragorosa è senza dubbio Age of Empires 4, il quale, nonostante si sia mostrato con un trailer più che fumoso, promette di riportare la saga alla ribalta (grazie anche alla collaborazione dei ragazzi di Relic). Poi troviamo Jurassic World Evolution, con cui i ragazzi di Frontier (Planet Coaster, Elite: Dangerous) ci daranno gli strumenti per costruire un enorme parco a tema popolato da dinosauri.

Ubisoft ha poi annunciato Anno 1800, settimo capitolo della serie Anno che abbandonerà il setting futuristico delle ultime due iterazioni per trasportarci direttamente nel diciannovesimo secolo. Alla sfilata di grandi nomi segue quello di un outsider: Phantom Doctrine, strategico a turni ambientato in un 1983 alternativo. Il team CreativeForge ha inscenato una Guerra Fredda ancor più dura e violenta, dove agenti con smoking e cravatta combattono tra di loro per conto di organizzazioni segrete invischiate in affari intricatissimi.

Tutto il resto

La fiera di Colonia è stata anche un palco per annunci che non hanno beneficiato della luce dei riflettori, ma che meritano comunque di essere menzionati. Square Enix, al lato dell'annuncio di Final Fintasy XV Windows Edition ha anche presentato la Pocket Edition della quindicesima fantasia, in modo che l'avventura possa essere vissuta anche su dispositivi mobile, ovviamente con un bel po' di rinunce sotto il profilo tecnico e grafico. Techland ha annunciato God's Trigger, un twin stick shooter a base di armi esplosive e tanto liquido ematico, mentre Black Forest Game ha presentato un video gameplay di Bubsy: The Woolies Strike Back, platform game in 2D colorato ed irriverente.

Con Bomber Crew, invece, ci metteremo alla guida di un cacciabombardiere e dovremo gestirne ogni aspetto, dall'equipaggio fino alla riparazione dei danni dopo una battaglia. Gli appassionati di Attack on Titan festeggeranno per l'annuncio del secondo capitolo della serie ispirata al manga di Isayama, invece chi si diletta con PlayStation VR potrebbe dare un'occhiata a PixelJunk VR Dead Hungry, in cui dovremo placare le voglie di fameliche orde di nonmorti cucinandogli dei deliziosi hamburger (si vede che i cervelli son passati di moda). Per gli amanti dell'orrore citiamo Inmates, un horror psicologico a base d'esplorazione ed enigmi ambientato in un carcere desolato. In ultimo ci preme segnalarvi Still Time, un platform in due dimensioni con una forte presenza di enigmi basati sulla fisica e condito con un delizioso stile in pixel art.