Esport

Get "Rich" or die trying: il miglior giocatore di HOTS passa a LOL

L'ex leggenda di Heroes of the Storm cerca il debutto nella scena competitiva di League of Legends: giocherà nel main team dei GENG all'LCK.

speciale Get 'Rich' or die trying: il miglior giocatore di HOTS passa a LOL
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • L'addio sancito da Blizzard alla scena competitiva di Heroes of the Storm ha lasciato insoddisfatti numerosi giocatori professionisti: campioni del mondo, campioni continentali e aspiranti tali hanno dovuto semplicemente rinunciare a proseguire la loro carriera nell'esport di Heroes dall'oggi al domani con l'annuncio avvenuto lo scorso inverno della fine del supporto diretto alla scena.

    Cambio!

    Alcuni giocatori non si sono arresi e hanno tentato di riciclarsi, chi più, chi meno. Vilhelm "POILK" Flennmark, ex Dignitas, sta tentando la via del ritorno verso League of Legends: già in passato ha percorso questa strada in senso opposto e adesso, trovato un vicolo cieco su Heroes, sta investendo il suo tempo e le sue abilità per diventare un giocatore professionista del MOBA targato Riot Games. Filip "SmX" Liljeström, ex Fnatic, ha invece optato per un altro MOBA, Smite, in cui vede maggiore stabilità e maggiori possibilità di ingresso per i nuovi giocatori.

    Rich forever

    Chi sembra aver avuto maggior successo è un coreano, anzi, il coreano: Lee "Rich" Jae-Won, ritenuto dagli addetti alla scena come il miglior giocatore che Heroes of the Storm abbia mai avuto. Prima con gli MVP, poi con i KSV e infine con i GENG, Rich ha conquistato tre trofei internazionali con le due vittorie alle Global Championship Finals 2017 e 2018, il mondiale di Heroes, e la vittoria al Mid-Season Brawl 2018 con quasi 500.000 $ vinti in carriera.

    Lui l'opportunità l'ha trovata in casa negli stessi GENG che competono anche su League of Legends nel campionato coreano. Una volta costretto ad abbandonare forzatamente Heroes, Rich è entrato nell'Academy di League of Legends, guadagnandosi da subito l'attenzione dello staff. Adesso, finalmente, l'approdo in prima squadra che affronterà il Summer Split 2019. Anche se, per il momento, solo come riserva dei più esperti Fly e Kuzan in attesa di una chance.

    Stermy, l'onnisciente degli FPS

    Non sarebbe la prima volta che un giocatore professionista di un titolo esport trasferisce le sue competenze a un altro gioco. Una pratica comune negli FPS in cui anche il nostro connazionale Alessandro "Stermy" Avallone è la prova vivente che il crosstitle è possibile: campione di Quake, Painkiller, Shootmania e Apex. Perché si sa: l'abilità nello sparare non si dimentica mai. Più difficile invece il passaggio nei MOBA per le loro caratteristiche peculiari nel genere ma puntualmente differenti nei vari titoli: nonostante all'apparenza sembrino molto simili, giochi come Heroes of the Storm, League of Legends e Dota2 possiedono differenze significative.

    Gamsu nella Overwatch League

    L'esempio forse più eclatante degli ultimi anni è quello del coreano Young-jin "Gamsu" Noh. Toplaner dei Dignitas prima e dei Fnatic poi, nell'ottobre 2016 annunciò il ritiro dalla scena di LoL per migrare su Overwatch. Per lui nel 2018 anche il debutto nella Overwatch League con la maglia dei Boston Uprising, tra i protagonisti della fase finale della stagione.

    Nel 2019 l'approdo agli Shanghai Dragons in cui ha indubbiamente contribuito all'inversione di rotta del team che nella stagione inaugurale aveva collezionato 40 sconfitte su 40 partite disputate. Quest'anno il cammino sembra indubbiamente migliore con sette vittorie e sette sconfitte anche se lontano dai sogni di gloria.

    Che voto dai a: League of Legends

    Media Voto Utenti
    Voti: 114
    7.3
    nd