Ghost of Tsushima: le foto di Emanuele Bresciani realizzate per Sony

Emanuele Bresciani torna su Everyeye per mostrarci una serie di scatti di Ghost of Tsushima realizzati su richiesta di Sony Interactive Entertainment.

speciale Ghost of Tsushima: le foto di Emanuele Bresciani realizzate per Sony
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Quando un mese fa sono stato contattato da Sony ero in Svizzera, per lavoro. Stavo facendo un corso di aggiornamento che si sarebbe concluso con un test caratterizzato da una certa difficoltà. Ho anche rischiato di non superare l'esame, dal momento che il progetto che mi è stato sottoposto era molto coinvolgente. In breve, per la prima volta in Italia, è stato fornito un review-code a un membro della Community in modo tale da dare a Sony gli screenshot necessari per il lancio di Ghost Of Tsushima sui loro social media, sin dal al Day One.

    Il risveglio del Samurai

    Rientrato a casa e messe le mani sul gioco, mi sono chiesto innanzitutto che modus-operandi seguire. In Italia sono conosciuto non solo per essere un pioniere della Virtual Photography ma anche perché quando fotografo lo faccio con una precisa filosofia: trascendere il gioco su cui sto lavorando per produrre screenshot che ricordino dipinti a olio, artworks, poster, e altre forme espressive. Non è stato sempre così: all'inizio usavo il photo mode semplicemente per immortalare quello che mi piaceva, ma il mio percorso personale mi ha condotto a questa visione in maniera naturale e spontanea, nel corso dei miei 10 anni di attività. In questo caso, però, ho subito pensato che "trascendere" il gioco sarebbe stato un grosso errore, perché in questo specifico contesto non dovevo produrre materiale da esporre in un museo ma dovevo presentare l'opera al pubblico, senza alterazioni di sorta. Dovevo quindi cercare di replicare lo spirito del gioco e la sua direzione artistica in maniera personale ma diretta, senza mediazioni, invece di stravolgerlo o di reinterpretarlo come faccio di solito. Per questo non solo sono tornato alle mie radici di Virtual Photography molto schietta e spontanea, ma ho anche pensato che sarebbe stato logico e interessante per Sony produrre tre tipi di materiale promozionale: ritratti, foto action e panorami. Possibilmente inserendo il logo del gioco in alcune delle composizioni.

    17 foto per immergersi in Ghost of Tsushima

    Quelle che potete osservare in questo articolo sono le 17 foto che sento più "mie" prodotte nelle prime 25/30 ore di gioco. Ci sono alcuni degli scatti sottoposti a Sony ma anche molti inediti, più personali e intimi, che riflettono un po' di più il mio modo e il mio stile di catturare immagini. Visti i diversi formati delle foto, gli stili applicati ed i differenti soggetti, mi sono divertito a raggrupparle tematicamente, per la prima volta da quando scrivo per Everyeye, sperando di dare più coerenza all'insieme. Fatemi sapere cosa ne pensate nella sezione commenti, vi risponderò come sempre.

    Emanuele Bresciani è a vostra disposizione, per interagire con l'autore vi invitiamo a commentare qui sotto, inoltre potere seguirlo e contattarlo anche su Instagram, Facebook e Twitter.

    Che voto dai a: Ghost of Tsushima

    Media Voto Utenti
    Voti: 175
    8.2
    nd