Esport

Guida all'acquisto del miglior PC per i giochi competivi ed eSport

Quali sono i componenti migliori per un computer competitivo? Una guida completa che focalizza l'attenzione sugli eSport.

speciale Guida all'acquisto del miglior PC per i giochi competivi ed eSport
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Tech
  • Oggi vi presentiamo una guida all'acquisto speciale, che abbiamo realizzato partendo da una domanda: quali sono le caratteristiche ideali per un PC tarato per gli e-sport? Parliamo di setup non per forza con prezzi stratosferici oppure con modding particolare, vogliamo principalmente stabilità con lunghe sessioni di gioco, resistenza delle periferiche e massime prestazioni. Il 4K per esempio verrà considerato un vezzo non strettamente necessario visto che nella maggior parte dei giochi competitivi la risposta dei componenti e gli FPS hanno un'importanza maggiore. Lo scopo è vincere il più possibile e poco importa se l'erba o l'ambiente perdono di atmosfera, vogliamo vedere più lontano, minimizzare i drop frame e un sistema duraturo in grado di sopportare grandi stress continui.

    Fascia Media

    Un PC dedicato al gaming competitivo ha costi di partenza più alti rispetto a una tradizionale gaming machine, principalmente perchè la scelta dell'hardware deve puntare alla massimizzazione delle prestazioni già nelle configurazioni base. Iniziamo quindi direttamente dalla fascia media, e precisamente dai due componenti molto importanti, monitor e scheda video, partendo dal primo per settare gli standard. Meglio puntare a una tecnologia a scelta tra FreeSync e G-Sync (attenzione che con quest'ultimo i prezzi del monitor salgono molto) per stabilizzare il frame rate, e su un prodotto che dai tempi di risposta rapidi e di buone dimensioni. Abbiamo trovato queste premesse nell'AOC G2460VQ6. Il monitor è un 24'' FULL-HD con 1ms di tempo di risposta, ha una frequenza di aggiornamento di 75Hz e supporta l'Adaptive Sync. Per ottenere questo tempo di risposta molti dei monitor rimangono ancorati alla vecchia tecnologia TN (Twisted Nematic) che non è generosa nell'angolo di visione, ma voi state giocando e non serve guardare il monitor a 175°. Lo potete trovare ad un prezzo di circa 129,99 €.

    CONFIGURAZIONE Prezzo 1.261,21 €

    Processore Intel Core i5-7600K 3.8GHz 215,30 €
    Scheda Madre MSI Z270 Gaming M3 128,99 €
    Ram Corsair Vengeance LPX 2x8 GB, DDR4, 3000 MHz, CL15 217,99 €
    Scheda Video Sapphire Radeon RX 580 Nitro+ da 4 GB 282,99 €
    Alimentatore Evga SuperNOVA 750 G3 Modulare 80+Gold 115,81 €
    Case Cooler Master MasterCase 5 94,74 €
    HD Western Digital Red HDD 1TB 63,50 €
    SSD Corsair MP500 120 GB SSD M.2, NVMe PCIe Gen.3 91,99 €
    Dissipatore Noctua NH-U9B SE2 49,90

    Per giocare stabilmente nella nostra configurazione PC volevamo inserire una RX570 da 4GB. La scheda è molto stabile sui 60fps in praticamente tutti i giochi competitivi, in full-hd ovviamente, ma proprio per la sua stabilità è la preferita dai miner. La versione SAPPHIRE NITRO+ ha un sistema di dissipazione eccellente e riesce a mantenere basse le temperature anche per parecchie ore consecutive. Purtroppo il prezzo è attualmente talmente elevato che abbiamo potuto inserire una SAPPHIRE NITRO+ 580 da 4GB, alzando leggermente il budget di spesa. Usando una 570 per ora il prezzo rimane ancora uguale, se non maggiore, ma in futuro forse potrete risparmiare qualche decina d'euro. Invece di puntare sui Coffee Lake abbiamo voluto usare sistemi più rodati e sicuri usando un i5-7600K con dissipatore Noctua.

    La scheda madre è una MSI Z270 Gaming M3 : MSI ha inserito tutta una serie di tool per il controllo real-time dei profili di oveclock, protezioni LAN e altre accortezze per un sistema stabile e duraturo. Il case invece è stato scelto esclusivamente guardando le performance, il Cooler Master MasterCase 5 infatti non ha finestre ma una gestione dell'aria notevole e un buon supporto per eventuali dissipatori aggiuntivi. L'alimentazione va tenuta in seria considerazione e un alimentatore almeno 80+Gold è d'obbligo, prenderlo modulare aiuta a non rovinare la circolazione dell'aria nel case.

    Fascia Alta

    Nella fascia alta abbiamo scelto come monitor uno ZOWIE XL2411. Non fatevi ingannare dall'aspetto con pochi LED, questo monitor non è stato pensato per sembrare una Lamborghini illuminata a festa. La linea ZOWIE è parte di BenQ e si è distinta negli ultimi anni per essersi concentrata sulla qualità dei pannelli per gli e-sport. Tra i loro cataloghi potrete trovare anche monitor con shielding incluso per giocare fianco a fianco con gli avversari. Questo display ha una frequenza di aggiornamento di 144Hz, sempre Full HD, e display TN per 1ms di tempo di risposta. La funzione Black eQualizer riesce a definire meglio le zone d'ombra per una maggior precisione in gioco mentre Flicker-free e Low Blue Light possono aiutare a diminuire la stanchezza degli occhi.
    Il monitor non supporta G-Sync o FreeSync ma ha un refresh rate di 144Hz, da sfruttare appieno nei titoli competitivi, che non richiedono solitamente risorse computazionali enormi per essere gestiti al meglio.

    CONFIGURAZIONE Prezzo 2.016,20 €

    Processore Intel Core i7-7700K 4.2GHz 319,25 €
    Scheda Madre MSI Z270 Gaming M3 128,99 €
    Ram Corsair Vengeance LPX 2x8 GB, DDR4, 3000 MHz, CL15 217,99 €
    Scheda Video ZOTAC GeForce GTX 1080 8GB AMP! Extreme 629,49 €
    Alimentatore Evga, Supernova P2 80 Plus Platinum Modular 1000W 252,11 €
    Case Corsair Graphite 780T 159,99 €
    HD Seagate FireCuda da 1 TB 63,50 €
    SSD Corsair MP500 120 GB SSD M.2, NVMe PCIe Gen.3 91,99 €
    Dissipatore Cooler Master MasterLiquid Pro 240 142,99 €

    Per la fascia alta abbiamo alzato l'asticella delle prestazioni e del prezzo, le vie di mezzo dipendono molto dal gioco, potete risparmiare sul processore mantenendo l'i5 e la scheda madre MSI M3, l'incremento principale tanto è dovuto alla scheda video. Senza andare sulla 1080Ti, ZOTAC ha un'ottima scheda GTX 1080 AMP! Extreme, il guadagno di FPS rispetto alla versione non Extreme è minimo ma è nel raffreddamento che notiamo parecchie differenze. L'incremento del clock di base a 1771MHz e del boost clock a 1911Mhz permettono di migliorare le prestazioni nel breve periodo di pochissimo, ma durante lunghe sessioni di gioco il Triple Fan IceStorm si è rivelato ottimo nel mantenere prestazioni consistenti. La scheda madre e le RAM sono rimaste identiche alla fascia media, non vediamo il motivo di cambiarle a meno di esigenze personali particolari.
    L'alimentatore è sovradimensionato di proposito, il rapporto potenza disponibile/usata è un fattore chiave nella sicurezza e affidabilità del PC. Più la sorgente di energia è sovradimensionata più può assorbire eventuali microcorti o errori dell'alimentazione, anche se questi eventi sono rari se capitassero durante una finale potrebbe essere un problema non da poco. Il case Corsair è un full tower in grado di offrire un ottimo flusso d'aria a sostegno della scheda video e l'utilizzo del dissipatore a liquido per CPU permette di aumentare questo flusso senza ostacoli durante il percorso.

    Fascia Estrema

    Se vogliamo andare sul sicuro l'Asus ROG Swift PG258Q è un monitor famoso nell'ambiente: 24 pollici FULL-HD, pannello TN per 1ms di tempo di risposta e 240Hz con G-Sync. Il display è uno dei più usati a livello competitivo e fornisce anche alcuni settaggi preimpostati per FPS e gaming . Un monitor di alto livello per in questo ambito, ma anche costoso, visto il prezzo di circa 689,00 €.

    CONFIGURAZIONE Prezzo 2.956,76 €

    Processore INTEL Processore Core i7-7820X 739,00 €
    Scheda Madre ASUS TUF X299 MARK 2 267,49 €
    Ram HyperX Predator 32GB, Kit (4x8GB) 3000MHz DDR4 CL15 425,80 €
    Scheda Video MSI GeForce GTX 1080 TI Gaming X 803,99 €
    Alimentatore Evga, Supernova P2 80 Plus Platinum Modular 1000W 252,11 €
    Case Corsair Graphite 780T 159,99 €
    HD Seagate FireCuda da 1 TB 63,50 €
    SSD Corsair MP500 120 GB SSD M.2, NVMe PCIe Gen.3 91,99 €
    Dissipatore Cooler Master MasterLiquid Pro 240 142,99 €

    Per la configurazione massima potremmo anche voler scalare la risoluzione oltre il FULL-HD, ma in questo caso ci siamo concentrati su qualcosa che permetta di mantenere alte prestazioni per molto tempo. Il processore è uno Skylake-X con 8 core e 16 Thread, che tramite l'Intel Turbo Boost può arrivare a 4.50GHz di frequenza. Si tratta di una CPU solitamente sconsigliata per il gaming, ma l'ampio budget di questa configurazione, unita alla sua gestione eccellente delle RAM e delle linee PCI disponibili, ci hanno fatto proponedere per questa soluzione, in grado di sopportare stress notevoli per periodi di tempo prolungati.
    Lo abbiamo associato ad una scheda madre ASUS TUF facilmente upgradabile (ci siamo limitati con la RAM). Questa serie di motherboard viene testata e pensata proprio per utilizzi intensivi e stressanti, garantendo una durata considerevole. Per il video abbiamo scelto una MSI GeForce GTX 1080Ti Gaming X. Il motivo principale non è l'overclock visto che non è una delle schede più modificate esistenti, ma il sistema di raffreddamento WIN FROZR VI che, in configurazione monoscheda, permette di mantenere le temperature basse. Possiamo anche pensare di cambiare in vista di una soluzione Liquid Cooled, il case lo permetterebbe tranquillamente, ma il setup andrebbe studiato molto bene e non è detto che in monoscheda cambi considerevolmente qualcosa.

    Mouse, Tastiere e Cuffie

    La scelta delle periferiche è qualcosa di più personale e vogliamo solo indirizzarvi su alcuni prodotti che hanno tecnologie utili. La scelta finale potrebbe essere molto diversa, basti pensare al nostro recente articolo sulla velocità di polling delle tastiere che ha visto la Apple Keyboard in testa a più blasonate soluzioni "Gaming".


    MOUSE

    Per il mouse di fascia bassa abbiamo scelto un Cooler Master Xornet II da circa 21,90 €. Gli switch sono Omron sono garantiti per 5 milioni di click, ha una sensibilità regolabile da 400 a 3500DPI ed è adatto per l'impugnatura Claw Grip. Come entry-level può essere un buon inizio per il competitivo, ma sconsigliamo la scelta senza prova. Può dirvi bene e avere una mano adatta per questo mouse, ma nella maggior parte dei casi per una lunga sessione di gioco dovete cercare un mouse più personalizzabile nel feeling che nelle prestazioni.
    Per questo motivo lo ZOWIE FK2 (e le sue varianti FK1 e FK1+) è considerato un ottimo mouse per e-sport, ha una forma abbastanza adatta per tutti i grip anche se predilige il palm/claw. Oltretutto è disponibile in diverse misure, è leggero (91g) ma molto preciso e potete trovarlo ad un prezzo di circa 75,00 €. Se non volete compromessi uno dei mouse preferiti dai videogiocatori è il Logitech G900 con sensore ottimo PMW3366 e una velocità configurabile da 200 a 12000 DPI. L'ergonomia è configurabile dall'utente e si adatta praticamente a qualsiasi presa, la connessione wireless è abbastanza inutile anche se su carta dovrebbe mantenere le prestazioni. Si può trovare online ad un prezzo di circa 137,00€

    TASTIERE

    Anche per la tastiera vale lo stesso discorso fatto prima. Precedenza alle vostre necessità e non ai nostri consigli, possiamo solo fornirvi qualche guida generale. Negli ultimi anni gli switch Cherry MX sono diventati una prerogativa irrinunciabile su qualsiasi tastiera da gaming che si rispetti. Ne esistono di vari tipi, definiti dai colori, ma tutti hanno in comune una qualità costruttiva eccellente. Ogni colore ha la sua intensità di pressione, più o meno rumore e un feeling differente. Esiste un modello migliore dell'altro? In realtà no. Molto spesso dipende da come siete abituati a giocare e un tasto a corsa non lineare rispetto ad uno lineare non è detto aiuti il vostro stile di gioco. Il nostro consiglio è la Logitech G610 Orion con tasti Cherry MX Brown, disponibile a 129,00 €. La tastiera ha un design essenziale ma le plastiche utilizzate sono di ottima fattura. Gli switch Brown hanno una velocità di pressione non lineare che aiuta a capire se la connessione è stata chiusa ma non è presente un click sonoro.

    Ma gli switch da gaming per acclamazione sono i Cherry MX Red, montati per esempio dalla Corsair Strafe RGB Cherry MX Red (179,99 €). Questi tasti sono usciti solo nel 2008 e hanno conquistato molti gamer grazie alla loro leggerezza, mantenendo comunque la corsa lineare. La Corsair Strafe è più appariscente della Logitech ma i tasti sono texturizzati e il feeling maggiore. La retroilluminazione a singolo tasto può essere importante o no a seconda di come siete abituati, ma siamo certi che se state giocando in competitivo probabilmente riuscirete a trovare la "E" sulla vostra tastiera senza guardare. Se non volete dettagli inutili potrete virare su soluzioni più sobrie come la versione non RGB e risparmiare intorno ai 70 euro.

    HEADSET

    Le cuffie sono il più importante alleato di ogni gamer. Bisogna indossarle per parecchio tempo quindi devono essere comode e il microfono deve essere decente per poter comunicare chiaramente con il team. Ma il loro scopo principale è riprodurre nel miglior modo possibile l'ambiente di gioco e questo spesso può essere decisivo per le sorti della partita. Per iniziare le Logitech G231 Prodigy sembrano essere le migliori. La maggior parte delle recensioni le consiglia come migliore spesa sotto i 50€ e al momento si possono trovare a 44,90 €. Il suono è solo stereo ma sono leggere e il tessuto tecnico dei padiglioni è molto traspirante. Sono facilmente trasportabili e tutto questo le rende ottime in rapporto al prezzo.In competizione però una cuffia del genere reggerebbe poco, tanti spostamenti, tanto sudore e tanti scossoni. Le Razer Kraken Pro V2 invece hanno una struttura in alluminio e resistono bene in questi casi. Sono più adatte per competizioni fuori casa o in arene visto l'isolamento migliore e i driver da 50mm riescono a definire il suono anche in situazioni concitate. Come al solito la qualità si paga e queste cuffie sono disponibili ad un prezzo di circa 89 €.

    Quanto attendi: Guida all'acquisto del PC e-sport

    Hype
    Hype totali: 2
    30%
    nd