Heroes of the Storm: Genji, provato il nuovo eroe del MOBA di Blizzard

Direttamente da Overwatch, Genji arriva nel roster di Heroes of the Storm: andiamo alla scoperta delle abilità di questo nuovo personaggio.

speciale Heroes of the Storm: Genji, provato il nuovo eroe del MOBA di Blizzard
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Primo e (almeno in apparenza) unico esempio di cyborg esistente in quel mondo futuribile nato dalle ceneri di "Project Titan", in cui però androidi e robot meno complessi hanno acquisito coscienza di sé grazie a un "virus", Genji Shimada è uno dei personaggi più "significativi" della lore di Overwatch. La sua peculiare natura, parte uomo e parte macchina, e la ricerca di un senso a questa nuova condizione ibrida, lo hanno portato a trovare equilibrio ed accettazione tra i monaci Omnic del monastero di Shambali, Nepal, sotto la guida spirituale di Zenyatta.
    Maestro delle tecniche ninja del clan Shimada, potenziate dall'agilità sovrumana del corpo cibernetico, Genji porta nel Nexus di Heroes of the Storm delle abilità molto simili a quelle viste in Overwatch, che lo rendono uno degli assassini più "veloci" del gioco, che basa gran parte della sua sopravvivenza sull'uso accorto delle Abilità legate alla mobilità.

    Da Hanamura con amore

    Il Tratto distintivo di Genji non poteva essere altro che Cyber-agilità (D) che, quando attivata, permette al personaggio di superare qualsiasi ostacolo della mappa, siano essi mura o confini dello scenario. L'utilità di questa skill è particolarmente evidente nelle aree con giungle fitte, ovvero a doppia lane, come Campo di battaglia dell'Eternità, avamposto Braxis, Miniere e la recente Hanamura, in cui il nostro ninja può facilmente intercettare gli avversari in fuga, oppure in situazioni di pericolo imminente, come il ritrovarsi intrappolati sotto un forte nemico contro la propria volontà.

    La prima Abilità base del kit, Shuriken (Q), è uno skillshot con cui il personaggio lancia esattamente tre shuriken in un ampio arco, corrispondente alla direzione di lancio. In modo simile ai Missili Magici di Li-Ming, i proiettili lanciati da Genji infliggono ognuno un danno proprio che, scegliendo il talento Shingan (13), vengono amplificati nel caso si riesca a colpire lo stesso bersaglio con tutta la salva. Il potenziamento più utile, secondo quanto appurato nelle nostre prove, per sfruttare al massimo questa abilità che, vi ricordiamo, conta tre cariche e un tempo di ricarica completo di 12 secondi, è Stelle Acuminate (20), che aggiunge l'effetto penetrante ai tre shuriken e permette di danneggiare tutti i nemici sul percorso.
    Abilità molto temuta, in Overwatch, dagli eroi che sfruttano i proiettili per i loro attacchi più potenti, Deviazione (W) è presente anche in Heroes of the Storm, in una forma leggermente meno "game breaking". L'Abilità, infatti, consente sì di proteggere il personaggio da qualunque assalto subito durante la sua breve durata, e di deviarne i danni verso il nemico più vicino (dando priorità agli Eroi): tuttavia il proiettile verrà rilanciato sotto forma di semplice shuriken, che infligge una quantità fissa di danni per ogni attacco ricevuto. Per capirci, niente BFG rispedite al mittente o Pirosfere rimpallate come fossero enormi palle da tennis fiammeggianti. Nonostante questa "limitazione", Deviazione rimane un'Abilità ultimissima sia per la capacità di sfuggire ai colpi pesanti delle strutture difensive, sia in funzione di deterrente contro le Ultimate di alcuni eroi nemici, in particolare quelle a "raggio continuato" e danno multiplo, come Disintegrazione di Li-Ming e Fiato Folgorante di Diablo.
    Certo, è possibile respingere anche tutti gli altri tipi di attacchi e ultimate, ma per renderne veramente efficace la successiva deviazione occorre, a parer nostro, scegliere alcuni talenti di alto livello, come Riflesso (16), che aggiunge il 33% dei danni dell'attacco deflesso alla quota fissa del kunai rilanciato, e Zanshin (20) che, al raggiungimento dei 6.500 danni assorbiti con l'Abilità, permette di lanciare pugnali a tutti i nemici presenti nel raggio d'azione, e non più solo a quello più vicino. La terza Abilità base, Assalto Rapido (E) si comporta esattamente come nella IP originale, con Genji che scatta immediatamente nella direzione indicata, infliggendo gravi ferite a tutte le unità nemiche presenti sulla sua strada. Molto utile come finisher da posizioni nascoste o durante un inseguimento, Assalto Rapido conta un effetto secondario molto utile, che resetta il cooldown dell'Abilità e ne rimborsa il costo in mana, nel caso gli Eroi colpiti muoiano entro due secondi.
    Conviene tenere bene a mente che questo bonus passivo si attiva solo al termine della mossa e non durante, come invece avviene in Overwatch, quindi bisogna fare attenzione a non usare l'abilità come colpo finale, o almeno a risparmiare almeno un nemico per il colpo di grazia "riabilitatore". Ben congeniato già allo stato naturale, Assalto Rapido può essere migliorato con alcuni talenti di alto livello, tra cui Come l'Acqua (13), che riduce di 3 secondi il discretamente lungo cooldown dell'Abilità (di base 12 secondi) per ogni Eroe nemico colpito, e Lama Salda (16) che aggiunge fino a 3 cariche di danni bonus, fino al 60%, per ogni Eroe nemico colpito con un singolo attacco, che si scaricano con l'uso successivo dell'abilità. La combinazione di questi due talenti e teamfight abbastanza accesi possono trasformare un bravo giocatore di Genji in un perfetto predatore, capace di entrare e uscire a piacimento dallo scontro.

    Delle due Abilità Eroiche a disposizione Spada del Drago è la più famosa, nonché la più difficile da implementare nelle meccaniche del MOBA: sfoderando la sua famosa katana, Genji trasforma il suo attacco base e l'abilità Shuriken in un attacco speciale ad ampio raggio, accompagnato da un breve scatto in avanti, che infligge ingenti danni ai nemici (ma non li uccide sul momento, come accade spesso in Overwatch).
    A differenza dell'FPS, però, i fendenti della Spada del Drago non sostituiscono l'auto-attacco e vantano persino un intervallo di oltre 1 secondo fra un'attivazione e l'altra, che rendono più ostico l'approccio all'abilità da parte di chi è abituato a ben altre meccaniche, nonostante la maggiore durata dello status, ulteriormente prolungabile con il Talento finale Drago Interiore.
    Assalto Incrociato, invece, è una Eroica del tutto nuova, in cui il cyborg ninja traccia una X sul terreno, che detona dopo 1,25 secondi, infliggendo danni importanti ai nemici presenti nell'area in entrambi i movimenti.
    Molto semplice ed efficace, con l'unica difficoltà richiesta nel saper piazzare l'area d'attacco in una zona in cui si prevede passino i nemici, soprattutto se si sceglie il talento Arma Vivente, che riduce di 12 secondi il cooldown per ogni Eroe colpito.

    Chi si ferma è perduto

    Se, nello speciale dedicato a Cassia, avevamo evidenziato come la necessità di tenersi in movimento fosse una priorità per il personaggio, Genji porta il concetto di mobilità al cosiddetto "livello successivo".
    A causa della ridotta barra della vita, una delle più corte di tutto il cast del gioco, e dell'assenza di qualsivoglia resistenza, naturale o via talenti, il cyborg ninja è un facile bersaglio nei team fight, che può essere facilmente spinto a sprecare l'unica abilità difensiva, Deviazione, con una minima pressione, nonché costretto a utilizzare Assalto Rapido in funzione difensiva (leggasi "per mettere in salvo la pellaccia cibernetica"). Nemico giurato dello Shimada è, prevedibilmente, Li-Ming che, con le sue abilità a lungo raggio e dai danni ingenti, rappresenta un pericolo costante sia nella giungla che nelle lane.

    Piccola, grande soddisfazione risiede nell'abilità, da parte degli utentii più accorti, di riflettere al mittente il raggio disintegratore della maga che, per via della natura ultrarapida dei colpi inferti, rischia di trasformarsi in una mossa suicida per i giocatori disattenti. Gli shuriken, sia in auto-attacco che nell'apposita abilità, risultano un ottimo mezzo di disturbo con cui disarcionare nemici di passaggio e interrompere il casting del ritorno alla base. L'auto-attacco, in particolare, gode di alcune proprietà da tenere particolarmente in considerazione, come il fatto che ogni azione offensiva è composta da ben tre proiettili (o fendenti di wakizashi, nel caso di assalti ravvicinati), ognuno corrispondente a un singolo attacco nell'ambito delle protezioni che si attivano sui "prossimi" colpi ricevuti. Questo rende gli attacchi di Genji particolarmente utili per "aprire" le difese "a cariche" di alcuni eroi nemici prima di un teamfight, al punto da giustificarne la modesta quantità di danni inferti dai singoli shuriken. La seconda caratteristica dell'assalto di base è che l'animazione di attacco permette di spostare il personaggio durante la sua esecuzione, dandoci l'opportunità di mantenere una distanza più o meno costante mentre si scagliano i tre shuriken. Non stiamo parlando della piena funzionalità di attacco in movimento vista in personaggi come Tracer, Lucio e, prossimamente, D.Va, ma si tratta comunque di uno spostamento tattico che permette di evitare certi skillshot statici come il dardo di ghiaccio di Jaina o Abilità AoE "piccole" come i boccioli di Lunara. Il miglior modo di sfruttare Genji, come già accennato, è quello del predatore, che attende i nemici in fin di vita, li insegue e li elimina, per poi tornare a nascondersi e muoversi per la mappa alla ricerca di punti da cui inserirsi nei teamfight, con passaggi rapidi e letali.
    La padronanza di Abilità come Riflesso e Assalto Rapido, sia in fase offensiva che difensiva, è quello che separa un buon Genji da un pupazzo di allenamento per il team avversario e, nonostante tutto, solo i migliori possono aspirare ad ottenere riconoscimenti per le proprie prodezze nel Nexus, dato il DPS proporzionalmente inferiore agli altri Assassini e la particolarità delle abilità che infliggono danni diretti agli avversari.
    Per queste ragioni abbiamo trovato difficile, nelle nostre "prove sul campo", scegliere alcuni talenti per il nostro Genji, in particolar modo quelle di livello 20 che potenziano le Abilità Eroiche, alle quali abbiamo quasi sempre preferito quelle complementari alle Abilità base, ben più incisive sull'utilità del personaggio. Stelle Acuminate, soprattutto, ci ha regalato notevoli soddisfazioni quando selezionata al culmine di una build concentrata sull'uso degli Shuriken, mentre la distribuzione "globale" dei danni deviati da Riflesso, se supportata dai giusti talenti, può trasformare il cyborg di Hanamura in una sorta di "deterrente nucleare" contro le ultimate più pericolose.

    Che voto dai a: Heroes of the Storm

    Media Voto Utenti
    Voti: 45
    7.8
    nd